17.06.2022 - 10:33
Aggiornamento: 17:10

Evade, va in scooter senza casco e si spaccia per parente morto

Succede a Catania. Sul mezzo anche un bimbo ugualmente senza casco. Dai controlli dopo il fermo è risultato che l’uomo era agli arresti domiciliari

evade-va-in-scooter-senza-casco-e-si-spaccia-per-parente-morto
Depositphotos

Stava correndo con lo scooter andando a zig zag, con un bimbo a cavalcioni sul davanti, entrambi senza casco. Quando è stato fermato dalla polizia a Catania, nel popoloso quartiere di Librino, un uomo ha, nell’ordine, mentito sul fatto di essere il padre del bambino, opposto resistenza insultando gli agenti, e infine dato come generalità quelle di un parente deceduto. Lo riporta il quotidiano locale La Sicilia.

A dare man forte è poi intervenuta anche la moglie, che ha dichiarato che l’uomo era un parente e ha mostrato ai poliziotti la copia della patente del sopracitato defunto. A quel punto gli agenti hanno proceduto a un controllo, dal quale è emerso che, ciliegina sulla torta, l’uomo era non solo un pluripregiudicato, ma anche sottoposto, in quel momento, agli arresti domiciliari. Per lui è scattato l’arresto, con l’accusa di evasione, resistenza, oltraggio e false attestazioni a pubblico ufficiale. Anche la moglie è indagata.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved