ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
31 min

Minaccia terroristica: chiude l’ambasciata svizzera ad Ankara

Un portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri ha parlato di informazioni concrete di pericolo di attentati
Estero
2 ore

Protagonista del Ticinogate, Gerardo Cuomo di nuovo arrestato

Nel 2001 era stato al centro di uno scandalo di corruzione. Più volte nel mirino delle inchieste per contrabbando di sigarette, è stato fermato a Bologna.
stati uniti
2 ore

La Fed alza i tassi dello 0,25%, mai così alti dal 2007

La Federal Reserve parla di mossa appropriata in vista degli obiettivi massima occupazione e inflazione al 2%
russia
2 ore

Il ritorno di Stalin, un busto a Volgograd

Nell’ottantesimo anniversario della battaglia di Stalingrado, tra storia e propaganda
la guerra in ucraina
3 ore

Gli Stati Uniti pronti a fornire missili più potenti a Kiev

Pure Netanyahu valuta l’invio di armi a Zelensky, e intanto si offre come mediatore con Mosca
stati uniti
3 ore

NIkki Haley sfida Trump alla Casa Bianca

Atteso per il 15 febbraio l’annuncio ufficiale dell’ex ambasciatrice all’Onu. Intanto l’Fbi torna dall’ex presidente per i documenti top secret
stati uniti
3 ore

Afroamericano in sedia a rotelle ucciso dalla polizia

Shock a Los Angeles,10 colpi contro l’uomo con le gambe amputate
Estero
6 ore

Con un vitello sulla Piazza Rossa, 13 giorni di carcere

La giovane fermata a Mosca, attivista per i diritti degli animali, condannata per aver resistito all’arresto: sulla Piazza è vietata ogni manifestazione
Confine
8 ore

Verso l’Italia con una pistola e 11mila euro, fermato a Brogeda

A carico del conducente di un’autovettura è scattata la segnalazione e il sequestro dell’arma, oltre alla contestazione per la valuta non dichiarata
russia
14.06.2022 - 20:59
Aggiornamento: 21:38

Navalny è sparito: “Mandato al carcere duro”

Lo staff del dissidente: “Nessuno è stato avvisato e nessuno sa dov’è”

Ansa, a cura de laRegione
navalny-e-sparito-mandato-al-carcere-duro
Navalny a processo via video il 24 maggio scorso (Keystone)

"Ho sentito dire che verrò trasferito nella colonia di massima sicurezza di Melekhovo, una cittadina della Russia centrale dove ai detenuti vengono strappate le unghie": il tweet è del 4 maggio ma evidentemente Alexej Navalny aveva ricevuto l’informazione giusta.

Oggi il capo del suo staff Leonid Volkov e la portavoce Kira Jarmysch hanno fatto sapere sui social che il principale oppositore di Vladimir Putin non è più nel carcere di Pokrov, a cento chilometri da Mosca. Senza preavviso, né informazioni a parenti e avvocati, il 46enne fondatore del partito Russia del Futuro è stato portato via. Per ora non si sa dove. E "il problema del suo trasferimento in un’altra prigione non è solo che la colonia di massima sicurezza è molto più spaventosa", ha dichiarato su Twitter la portavoce: "Finché non sapremo dove si trova, Alexei rimarrà a tu per tu con il sistema che ha già tentato di ucciderlo, quindi il nostro compito principale è quello di localizzarlo il prima possibile".

Il trasferimento

Dal canto suo Volkov ha raccontato come hanno scoperto del trasferimento: un avvocato è andato oggi a un incontro in carcere, trattenuto al posto di blocco fino alle 14, gli è stato detto infine che lì "non c’era nessun detenuto con quel nome". Navalny è in carcere da gennaio dell’anno scorso, per accuse ritenute dai suoi sostenitori "palesemente politiche".


Un murale dedicato a Navalny a Ginevra (Keystone)

Le manette erano scattate non appena ha rimesso piede in Russia dalla Germania, dove era stato curato per un avvelenamento causato da una micidiale neurotossina che aveva fatto temere per la sua vita. I fatti risalgono all’agosto del 2020, quando un aereo in volo dalla Siberia a Mosca fu costretto a un atterraggio di emergenza a Omsk perché un passeggero aveva avuto un malore. Quel passeggero era l’acerrimo nemico del Cremlino Navalny, un uomo che si temeva potesse venire assassinato per le sue denunce contro Putin.

La moglie Julia e i membri del suo staff terrorizzati da ciò che poteva succedere in un ospedale in Siberia, si precipitarono a Omsk per portarlo in Germania. Una volta trasferito lì, le autorità tedesche confermarono l’ipotesi dell’avvelenamento e la presenza di Novichok, agente nervino già utilizzato per neutralizzare l’ex spia russa Sergej Skripal nel 2018. Successivamente Navalny, con l’aiuto dei suoi collaboratori, riuscì a orchestrare una telefonata ad uno degli agenti dei servizi si sicurezza russi (Fsb) in cui l’avvelenamento fu ammesso.

La soddisfazione però durò poco: Navalny venne arrestato il 17 gennaio del 2021 dopo la sua decisione di tornare in Russia, con l’accusa mai provata di appropriazione indebita. In carcere da quel giorno, fu condannato a scontare una pena di due anni e otto mesi. Dallo scorso 23 marzo diventata di nove anni. Dalla prigione è uscito solo in seguito a un prolungato sciopero della fame, per essere nuovamente incarcerato dopo le cure. Alexei Navalny nel corso degli anni ha svelato molte verità scomode sul governo russo e i potenti oligarchi che lo sostengono.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved