ciriaco-de-mita-la-politica-s-inchina-all-ultimo-premier-dc
Wikipedia - Public domain
1928-2022
ULTIME NOTIZIE Estero
Regno Unito
5 ore

Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi

Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
6 ore

Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti

Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
6 ore

Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”

La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
6 ore

Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk

Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
8 ore

British Airways: cancella altre centinaia di voli

La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
8 ore

Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi

Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
10 ore

‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole

Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
Estero
10 ore

Sas fallisce, userà la bancarotta assistita per ristrutturarsi

Ieri 1’000 piloti sono entrati in sciopero. Oggi la compagnia scandinava ha dovuto annullare il 78% delle partenze, pari a 236 voli
Estero
10 ore

Marmolada, i cinque attualmente dispersi sono tutti italiani

Rintracciate altre otto persone. Prosegue intanto il riconoscimento delle sette vittime del crollo del seracco
Australia
11 ore

Negano insulina, muore una bambina: dodici arresti in una setta

Fra gli arrestati anche i genitori della bimba. Tutti i membri del gruppo erano a conoscenza delle sue condizioni ma si limitavano a pregare
Estero
12 ore

Il killer del 4 luglio postava video e brani rap violenti

Robert Crimo aveva un modesto seguito sul web come rapper, e pubblicava video che evocavano stragi con armi da fuoco anche nelle scuole
26.05.2022 - 21:59
di di Giovanni Innamorati, Ansa

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.

La morte di Ciriaco De Mita, l’ultimo presidente del Consiglio Dc ancora in vita, ha destato nel mondo politico e istituzionale un sentimento di cordoglio e rispetto, anche in coloro che furono suoi avversari, e ha suscitato riflessioni sull’oggi della politica. Tra i primi a esprimere "cordoglio" è stato il Presidente del Consiglio Mario Draghi, che ne ha ricordato la molteplicità degli impegni: a livello di partito, in quello parlamentare e in quello di governo. Ma è stato soprattutto il presidente Sergio Mattarella, in un lungo comunicato non formale, a delineare il profilo di colui che da segretario della Dc lo strappò all’Università e lo portò in politica. L’impegno politico di De Mita è avvenuto "nel solco di quel cattolicesimo politico che trovava nel popolarismo sturziano le sue matrici più originali e che vedeva riproposto nel pensiero di Aldo Moro". Da questa radice nasceva la "visione della democrazia come processo inesauribile" che richiede "il rinnovamento e l’adeguamento delle nostre istituzioni".

Un rinnovamento preso di mira dalle Br che nell’aprile 1988 uccisero il suo consigliere Roberto Ruffilli, teorico dell’uninominale, che fu alla base della legge elettorale Mattarella del 1993. Il tentativo di innovare le istituzioni fu alla base del suo impegno nel 1992 come presidente della Bicamerale per le riforme costituzionali, naufragata sotto i colpi di Tangentopoli che travolse anche la Prima Repubblica. Pierluigi Castagnetti, ultimo segretario del Ppi, ha ricordato la drammaticità del fallimento del tentativo di riformare la Costituzione tra il 1992 e il 1994, che aprì la porta alle successive forme di populismo: in De Mita c’era "la convinzione che solo il popolarismo avrebbe potuto bloccare la deriva populista, la certezza che senza la rigenerazione di una passione popolare non si sarebbe riusciti a bloccare la deriva della democrazia". Il De Mita "innovatore" è stato ricordato anche dall’altro "professore" portato in politica dall’ex segretario Dc, vale a dire Romano Prodi, che ha sottolineato anche la sua capacità di "dare spazio alle nuove generazioni, promuovendo quel ricambio di classe dirigente necessario". Una dimensione sottolineata da molti di quei cattolici della sinistra Dc oggi impegnati nelle file del Pd, come Enrico Letta, Dario Franceschini, oltre che dallo stesso Mattarella.

L’attenzione alla dimensione popolare della politica lo spinse a cercare il dialogo con l’altro grande partito di popolo, il Pci, per superare la "conventio ad excludendum" nei suoi riguardi. Di qui le parole di sincera stima verso De Mita da parte dei figli di quella storia, da Massimo D’Alema, a Piero Fassino, ultimo segretario Ds, a Roberto Speranza. Il dialogo con il Pci portava alla collisione con il Psi di Bettino Craxi, che aveva lanciato la "competion" a sinistra con il Pci. "Quello tra i due fu un conflitto politico aspro, frutto di visioni e mondi diversi, ma all’insegna della politica come terreno di confronto tra i migliori" ha ricordato Stefania Craxi. Parole di rispetto sono giunte anche dal centrodestra, da Antonio Tajani, a Giorgia Meloni, da Lorenzo Cesa a Gianfranco Rotondi che ne hanno sottolineato la passione politica e la capacità di rispettare l’avversario politico, derivante anche dalla sua "curiosità intellettuale" sottolineata da Mattarella. Il presidente della Repubblica ha ricordato anche "la sua visione internazionale e, in modo particolare, l’attenzione che ebbe per ciò che la leadership di Gorbaciov stava producendo in Unione sovietica": quasi un memento all’attuale politica che si perde sui balneari mentre in gioco c’è la collocazione internazionale del Paese. Questa attenzione alla dimensione internazionale, a fianco della sua laicità, evidenziata ancora da Mattarella, rendono centrato il commento di Pierferdinando Casini che nella Dc era nella corrente avversa: "Si è sempre definito, solo e semplicemente, un democratico cristiano, anche dopo la morte della Democrazia cristiana".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ciriaco de mita democrazia cristiana
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved