texas-si-aggrava-il-bilancio-della-sparatoria-21-i-morti
Keystone
Una tragedia che getta l’America intera sotto shock
ULTIME NOTIZIE Estero
Regno Unito
4 ore

Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi

Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
4 ore

Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti

Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
5 ore

Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”

La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
5 ore

Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk

Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
6 ore

British Airways: cancella altre centinaia di voli

La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
7 ore

Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi

Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
8 ore

‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole

Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
Estero
9 ore

Sas fallisce, userà la bancarotta assistita per ristrutturarsi

Ieri 1’000 piloti sono entrati in sciopero. Oggi la compagnia scandinava ha dovuto annullare il 78% delle partenze, pari a 236 voli
Estero
9 ore

Marmolada, i cinque attualmente dispersi sono tutti italiani

Rintracciate altre otto persone. Prosegue intanto il riconoscimento delle sette vittime del crollo del seracco
Australia
10 ore

Negano insulina, muore una bambina: dodici arresti in una setta

Fra gli arrestati anche i genitori della bimba. Tutti i membri del gruppo erano a conoscenza delle sue condizioni ma si limitavano a pregare
Estero
11 ore

Il killer del 4 luglio postava video e brani rap violenti

Robert Crimo aveva un modesto seguito sul web come rapper, e pubblicava video che evocavano stragi con armi da fuoco anche nelle scuole
Stati Uniti
11 ore

Akron, disordini per la morte del 25enne afroamericano

Una cinquantina di arresti a margine delle proteste per l’uccisione (con una sessantina di colpi) dell’uomo da parte delle forze dell’ordine
Estero
11 ore

Marmolada: identificato il sopravvissuto ‘senza nome’

Il giovane, un 30enne, originario del Trentino, era stato trovato in stato di incoscienza, e senza alcun documento
Norvegia
12 ore

L’ombra dello sciopero rischia di fermare il gas norvegese

Braccia incrociate nel settore petrolifero: c’è il rischio che le esportazioni calino del 60% e di oltre 340mila barili di petrolio grezzo
Estero
15 ore

Nato, via al processo di ratificazione di Svezia e Finlandia

Oggi la firma dei protocolli di accesso all’Alleanza atlantica. Stoltenberg: ‘Giornata storica per tutte le parti in causa’
Confine
17 ore

Tragedia in montagna: il Cervino si prende due vite

Un svizzero di 29 anni e un 45enne francese vittime di una caduta nella zona della Cresta del Leone, sul versante aostano
Estero
18 ore

Marmolada, è ancora corsa contro il tempo

Riprendono le ricerche dei dispersi dopo il crollo del seracco. Impiegati anche quattro droni
Stati Uniti
25.05.2022 - 07:45
Aggiornamento: 11:47
Ats, a cura de laRegione

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’

Si è aggravato nella notte il bilancio della sparatoria avvenuta nella scuola elementare di Uvalde, in Texas. Dove il bilancio è ora di 19 bambini uccisi e due adulti, fra cui un insegnante, uccisi a sangue freddo in classe da un ragazzo di 18 anni, Salvador Ramos. Un massacro che allunga la striscia di sangue negli Stati Uniti dove ci sono state più di 200 sparatorie di massa dall’inizio dell’anno, gettando tutti gli Stati Uniti in uno stato di shock.


Keystone
Bandiere a mezz’asta

Evidentemente scosso e con le lacrime agli occhi, il presidente Joe Biden si è rivolto agli americani e al Congresso e ha chiesto un’azione sulle armi. "Possiamo e dobbiamo fare di più. È il momento di trasformare il dolore in azione" e di affrontare la lobby delle armi, ha affermato Biden appena rientrato dal suo viaggio in Asia e con a fianco la first Lady Jill Biden vestita tutta di nero.

La rabbia (e la stanchezza) di Biden

Parlando dell’ennesimo "massacro" il presidente si è detto "stanco e arrabbiato" e si è rivolto direttamente agi americani: "Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada? Per l’amor del cielo dov’è la nostra spina dorsale?".


Keyston
Tristezza e rabbia per il presidente

Da qui l’appello a norme di buon senso sulle armi affinché tragedie come questa possano essere evitate. "Non venitemi a dire che non possiamo avere un impatto su queste carneficine", ha aggiunto. Gli ha fatto eco la vicepresidente Kamala Harris: "Quando è troppo è troppo, ora bisogna agire".

Parole pesanti arrivano anche da Barack Obama, presidente durante la strage di Sandy Hook del 2012. "Io e Michelle siamo a fianco delle famiglie di Uvalde. Ma siamo anche arrabbiati": sono passati dieci anni da Newtown e "il nostro Paese è paralizzato non dalla paura, ma da una lobby delle armi e da un partito politico che non hanno mostrato alcuna volontà di agire per prevenire queste tragedie. È scaduto il tempo per agire, per qualsiasi tipo di azione", ha detto senza mezzi termini Obama.

Ucciso l’aggressore

La rabbia dei democratici si sfoga mentre su quanto accaduto ancora non c’è molta chiarezza. Il killer ha sparato prima alla nonna e poi ha avuto un incidente di auto vicino alla Robb Elementary School. Sceso dall’auto con fucile e giubbotto antiproiettile, ha cercato di entrare nella scuola superando il blocco di alcuni agenti: una volta nell’edificio ha aperto il fuoco in alcune classi.

Il ragazzo 18enne è poi stato fermato dalla polizia che lo ha ucciso sul posto. Di Ramos si sa ancora poco: era uno studente di un liceo dell’area e poco prima della strage ha contatto una sconosciuta su Instagram dicendole che aveva un segreto che voleva condividere: "sto per...".

Alla ragazza comunque non ha confessato quale era il gesto folle che aveva in mente e che ha portato a termine qualche ora dopo. Sul suo account Instagram il killer aveva postato un selfie e foto di armi, inclusa una con due fucili uno accanto all’altro. Non è chiaro se si tratta delle armi usate per la strage. Quello che si sa è che il ragazzo per il suo 18esimo compleanno ha acquistato due fucili.


Keystone
Supporto tecnico da altre regioni

Un ragazzo difficile

Il killer della scuola elementare del Texas lavorava da Wendy’s, catena di ristoranti con un punto vendita non lontano dal luogo della strage. "Era un tipo silenzioso, non diceva molto e non socializzava con altri dipendenti", ha riferito il manager del locale Adrian Mendes.

Era un ragazzo difficile, non andava a scuola spesso e infastidiva altri studenti, ha riportato l’emittente televisiva Abc citando alcune fonti, secondo le quali era "nei radar della scuola. Si sapeva che aveva problemi, ma nessuno lo ha mai segnalato alle autorità".

Critiche al governatore Abbott

La strage è avvenuta a due giorni dalla fine dell’anno scolastico in un’area a prevalenza di ispanici, e ha preceduto di qualche giorno la convention annuale della National Rifle Association, la potente lobby delle armi. L’appuntamento è infatti per venerdì a Houston, nel Texas, Stato che piange ora i bimbi uccisi, e vi sono previsti gli interventi dell’ex presidente repubblicano Donald Trump e del governatore dello Stato Greg Abbott.

Proprio su Abbott in questo ore si stanno concentrando le critiche per aver ammorbidito di recente le leggi sulle armi. È anche rispuntato un suo tweet del 2015 in cui invitata i texani a correre ad acquistare di armi. "È imbarazzante. Il Texas è solo secondo dietro alla California per gli acquisti di armi nuove. Muovetevi", aveva twittato.

La strage ha già riacceso il dibattito sulle armi nel mezzo della campagna elettorale delle primarie in vista delle elezioni di metà mandato. Non è comunque scontato che la spinta del momento si traduca in azione, visto che le stragi che si sono succedute nel corso degli anni non sono riuscite a superare l’impasse in Congresso.

Le autorità non hanno ancora notificato a tutti i genitori la morte dei loro figli perché sono in corso gli esami del Dna, riporta l’emittente televisiva Cnn citando alcune fonti, secondo le quali alcuni bambini feriti nella sparatoria non sono ancora stati ricongiunti con le loro famiglie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sparatoria texas uvalde
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved