cina-e-politica-zero-covid-l-atout-e-diventato-un-handicap
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’
Estero
6 ore

In Texas crociata anti-gay, allarme di Biden sui diritti

Lo Stato conservatore al centro della battaglia antiabortista pronto a una legge contro la sodomia
Estero
7 ore

Iscritta all’università da 18 anni, padre non vuole più pagare

Accolta la richiesta dell’uomo che dal 2006 dà alla figlia 300 euro al mese di assegno di mantenimento. La donna afferma di soffrire di depressione.
Estero
9 ore

La Cassazione conferma la condanna di 7 anni a Coppola

L’immobiliarista romano era latitante in Svizzera. Era stato accusato di bancarotta fraudolenta.
Confine
10 ore

Como, 38enne si impicca al Bassone

Un detenuto italiano si è tolto la vita in carcere. Il segretario provinciale Ulipa penitenziari: ‘È una chiara sconfitta per lo Stato’
Estero
10 ore

‘Il cioccolato con la salmonella non è arrivato nei negozi’

Lo indica la stessa Barry Callebaut sulla base di indagini interne. La multinazionale aveva individuato il batterio in un lotto di uno stabilimento belga.
Estero
11 ore

Dal 16 gennaio bisognerà pagare per visitare Venezia

L’assessore al bilancio: ‘La città resterà sempre aperta. Quando sarà superata una certa soglia di presenze il contributo sarà più alto’
Confine
14 ore

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
18 ore

Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette

Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
Estero
1 gior

Congo, Patrice Lumumba seppellito dopo sessant’anni

Nel giorno dell’anniversario dell’indipendenza dello Stato africano, il feretro del leader separatista assassinato nel 1961 è stato deposto a Kinshsa
stati uniti
1 gior

Paradosso Dem: finanziano i trumpiani per vincere alle Midterm

Strategia adottata perché considerati avversari troppo estremisti e quindi ‘più vulnerabili’. Il Washington Post: ‘Strategia pericolosa per la democrazia’
Estero
1 gior

Alta tensione in India per il sarto hindù sgozzato

Dilaga sui social hashtag ‘Hindu Lives matter’. Ora si temono vendette
la guerra in ucraina
1 gior

Liberata l’Isola dei Serpenti. Zelensky scrive a Putin

I russi si ritirano, Kiev esulta. Usa: ‘Allarme armi nucleari’. E la Cina attacca la Nato
stati uniti
1 gior

La Corte Suprema Usa piccona anche la lotta per il clima

La Casa Bianca: ‘Decisione devastante per l’ambiente’
22.05.2022 - 07:00
Aggiornamento: 18:31
Ats, a cura de laRegione

Cina e politica ‘zero-Covid’: l’atout è diventato un handicap

I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.

L’incrollabile strategia del governo cinese di azzeramento dei vaccini, un successo sanitario instancabilmente celebrato dai media ufficiali, si sta trasformando in una responsabilità politica per il presidente Xi Jinping.

I molteplici confinamenti, le quarantene forzate, la drastica riduzione dei collegamenti aerei internazionali, il mancato rilascio di nuovi passaporti per i cittadini cinesi se non per motivi ritenuti indispensabili, gli incessanti test Pcr...

Un peso per il morale dei cittadini

Se l’azzeramento del Covid ha limitato il bilancio ufficiale del Covid-19 a poche migliaia di morti, un vero risultato per un Paese di 1,4 miliardi di abitanti, questa politica pesa molto sull’economia e sul morale dei cinesi.

A differenza dell’Occidente, che è stato praticamente paralizzato dall’epidemia negli ultimi due anni, la Cina era già tornata a una vita quasi normale dalla primavera del 2020.

Da allora la politica sanitaria è stata elogiata in Cina come simbolo della saggia leadership di Xi Jinping e della superiorità del sistema cinese rispetto alle democrazie liberali.

Danni per l’immagine del presidente

Fervente sostenitore del ‘Covid-zero’, una strategia ora molto associata alla sua persona, il leader 68enne dovrebbe chiedere un terzo mandato come capo del Partito comunista cinese (Pcc) alla fine del 2022.

Ma l’attuale ondata di casi di Omicron in Cina sta evidenziando gli effetti dannosi di questa politica sanitaria, che a sua volta sta danneggiando l’immagine del presidente.

Centinaia di persone sono morte a causa del coronavirus nelle ultime settimane a Shanghai, dove la popolazione è stata confinata per quasi due mesi ed è allo stremo delle forze.

L’economia ne risente

L’economia, dal canto suo, tossisce a causa delle restrizioni imposte in tutto il Paese, che impediscono a molti cinesi di viaggiare, consumare o addirittura lavorare. Per non parlare dell’interruzione delle catene di approvvigionamento.

La performance economica cinese di lunedì è stata la peggiore degli ultimi due anni, con i consumi ai minimi e la disoccupazione vicina ai massimi storici.

Non allentare lo ‘zero-Covid’, "ora rischia di far apparire la strategia cinese ostinata, (...) poco creativa e poco saggia", ha dichiarato all’agenzia di stampa Afp Vivienne Shue, docente dell’Università di Oxford.

Ma Xi Jinping ha chiesto di perseguire questa politica "senza riserve", affermando di voler mettere la vita dei suoi connazionali al di sopra delle considerazioni economiche.

Il 2022 è un anno cruciale per Xi Jinping

Al 20° Congresso del Pcc, che si terrà in autunno, si prevede che i massimi dirigenti comunisti gli conferiranno un terzo mandato quinquennale come segretario generale, salvo sorprese clamorose.

Nel frattempo, nel tentativo di spegnere gli incendi economici, il premier Li Keqiang questa settimana ha cercato di giocare al pompiere, chiedendo un "senso di urgenza" tra i governi locali per lanciare misure di sostegno. Ma quando si tratta di malcontento sociale, i politici locali hanno poco spazio di manovra.

Secondo gli esperti, il presidente, che è già il leader cinese più potente degli ultimi decenni, è ora così associato al ‘Covid-zero’ che non ha altra scelta che attuare con zelo questa strategia.

‘Suicidio politico’

"Contestare questa politica significherebbe sfidare lui", afferma Alfred Wu, professore specialista di Cina presso l’Università nazionale di Singapore. Sembra infatti che il Covid-19 abbia il potere di creare o distruggere una carriera: vari politici sono già stati licenziati per non aver controllato i focolai.

A Shanghai, la città più popolosa della Cina con 25 milioni di abitanti, la gestione a volte caotica del contenimento ha sollevato interrogativi sul futuro del capo municipale del Pcc, Li Qiang.

Considerato un potenziale futuro primo ministro, questo alleato di Xi Jinping ha ancora "buone possibilità" di entrare nel Comitato permanente dell’Ufficio politico del Pcc, il cuore del potere cinese, durante il Congresso, secondo la società americana SinoInsider.

Xi Jinping viene sfidato anche al suo interno?

"È difficile sapere se le élite del partito abbiano un’opinione diversa da lui" sulla situazione sanitaria, afferma Joseph Torigian, specialista di regimi autoritari presso l’American university di Washington.

E in ogni caso, "la politica cinese non è una gara di popolarità", un criterio che non è un fattore determinante per ottenere il potere, sottolinea.

A pochi mesi dal Congresso, rinunciare al ‘Covid-zero’ sarebbe in ogni caso un rischio considerevole per Xi Jinping, secondo SinoInsider: "Oggi ancor più di prima, sarebbe un suicidio politico".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina coronavirus xi jinping
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved