in-spagna-lo-stato-paghera-i-congedi-mestruali
Un murale sul ciclo mestruale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’
Estero
6 ore

In Texas crociata anti-gay, allarme di Biden sui diritti

Lo Stato conservatore al centro della battaglia antiabortista pronto a una legge contro la sodomia
Estero
7 ore

Iscritta all’università da 18 anni, padre non vuole più pagare

Accolta la richiesta dell’uomo che dal 2006 dà alla figlia 300 euro al mese di assegno di mantenimento. La donna afferma di soffrire di depressione.
Estero
8 ore

La Cassazione conferma la condanna di 7 anni a Coppola

L’immobiliarista romano era latitante in Svizzera. Era stato accusato di bancarotta fraudolenta.
Confine
10 ore

Como, 38enne si impicca al Bassone

Un detenuto italiano si è tolto la vita in carcere. Il segretario provinciale Ulipa penitenziari: ‘È una chiara sconfitta per lo Stato’
Estero
10 ore

‘Il cioccolato con la salmonella non è arrivato nei negozi’

Lo indica la stessa Barry Callebaut sulla base di indagini interne. La multinazionale aveva individuato il batterio in un lotto di uno stabilimento belga.
Estero
11 ore

Dal 16 gennaio bisognerà pagare per visitare Venezia

L’assessore al bilancio: ‘La città resterà sempre aperta. Quando sarà superata una certa soglia di presenze il contributo sarà più alto’
Confine
13 ore

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
17.05.2022 - 22:48
Ansa, a cura de laRegione

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’

È svolta in Spagna per le donne lavoratrici affette da dolori mestruali. Il governo ha infatti ha approvato un progetto di legge che riconosce loro congedi in caso di cicli "invalidanti": saranno permessi "speciali" di durata variabile a seconda dei casi e pagati "integralmente" dallo Stato. Una misura esistente, in termini più o meno simili, solo in alcuni paesi asiatici e in Zambia.

"Siamo il primo Paese in Europa a riconoscere la salute mestruale come parte dei diritti delle donne", ha rivendicato la ministra delle Pari Opportunità, Irene Montero.

Il nuovo tipo di congedo è incluso in un testo normativo più ampio, che comprende, in particolare, provvedimenti voluti dal centro-sinistra al governo per "blindare" l’accesso all’aborto, in un momento di ascesa di correnti di destra anti-abortiste. Ma, negli ultimi giorni, è stata proprio quella di approvare permessi mestruali l’idea che ha suscitato più dibattito pubblico, anche all’interno della maggioranza.

Fine di un tabù

"Il messaggio è chiaro: il ciclo mestruale non sarà più un tabù", ha affermato Montero in conferenza stampa. "È finito il tempo di andare a lavoro dopo esserci imbottite di pillole e dover nascondere il dolore che proviamo", ha aggiunto. Per accedere al congedo, ha precisato la ministra, non sarà necessario aver versato contributi in precedenza. Bisognerà però dimostrare, tramite certificato medico, che il ciclo mestruale è associato a un dolore invalidante", una condizione spesso "legata ad altre patologie".

La linea sostenuta da Montero (esponente del partito di sinistra Podemos), è evidentemente prevalsa rispetto a quella di chi, come la vicepremier e ministra dell’Economia socialista Nadia Calviño, aveva sollevato dubbi sulla possibilità che il riconoscimento di permessi di questo tipo potesse creare situazioni "discriminatorie" per le donne.


Una coppetta mestruale (Keystone)

In Italia, ad esempio, una proposta per introdurre congedi mestruali era arrivata nel 2016 da quattro deputate del Partito Democratico, ma l’iniziativa non è andata a buon fine. Per quanto riguarda l’aborto, il nuovo progetto di legge spagnolo — che dovrà poi essere approvato in Parlamento — comprende misure come la soppressione dell’obbligo di autorizzazione dei genitori per le ragazze di 16 e 17 anni e la garanzia che in ogni centro sanitario pubblico ci siano sanitari disposti a praticarlo. Inoltre, sono previste l’introduzione di un congedo per maternità a partire dalla settimana 39 di gravidanza che non comporterà una riduzione di quello post-parto e l’estensione dell’educazione sessuale obbligatoria a tutte le tappe dell’istruzione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
congedi mestruali diritti donne lavoro pillole spagna
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved