sri-lanka-crisi-e-violenze-si-dimettono-premier-e-governo
Keystone
09.05.2022 - 16:24
Aggiornamento: 19:47
Ats, a cura de laRegione

Sri Lanka, crisi e violenze. Si dimettono premier e governo

Il Paese è scosso da un’ondata di proteste e di scontri tra fazioni politiche rivali aggravate dalla grave crisi economica in corso

Poteva essere la vittoria pacifica di un popolo che, per un lungo mese, ha protestato senza violenza, chiedendo le dimissioni del Premier e del Presidente dello Sri Lanka, accusati di avere portato il Paese alla bancarotta e causato la più seria crisi economica dall’Indipendenza, nel 1948. Invece, le dimissioni del Premier Mahinda Rajapaksa sono arrivate, ma nelle stesse ore è scattata una spirale di violenza che rischia di aggravare una situazione già molto compromessa.

La fase nuova aperta in Sri Lanka ha un solo titolo: ‘Caos’. Nel Paese senza governo, dove i 22 milioni di abitanti da settimane non riescono a procurarsi cibo, generi di prima necessità, carburante, farmaci, tutti i poteri sono adesso nelle mani del Presidente Gotabaya Rajapaksa, fratello del premier dimissionario.

Oggi l’isola ha visto ovunque disordini, incendi a ogni angolo di strada, autobus rovesciati, e pesanti interventi della polizia che caricava i manifestanti, sparando gas lacrimogeni e cannoni d’acqua: il bilancio della giornata, secondo l’ultimo conteggio della polizia, è di cinque morti, tra cui un politico che si è suicidato mentre era circondato dalla folla, e almeno 150 feriti.

Tutto è cominciato nelle prime ore della mattina a Colombo, la capitale, quando gruppi di sostenitori del governo sono entrati nell’accampamento allestito davanti al Palazzo presidenziale e hanno distrutto tende, cartelli, postazioni. Coincidenza, nelle stesse ore il Premier rassegnava le dimissioni, seguito a poca distanza da tutti i membri del governo.

Difficile prevedere gli sviluppi politici: il Paese è ormai una patata bollente che in pochi ambiscono ad ereditare. In aprile il governo ha ammesso di non poter ripagare il debito estero, pari a 52 milioni di dollari, e ha dichiarato un default tecnico con l’Fmi che ha posto condizioni molto rigide per un aiuto finanziario ed una crisi umanitaria alle porte mentre la popolazione è esasperata, contro tutti.

Sajith Premadasa, il leader dell’opposizione, si è dichiarato disposto a mettersi al servizio e a formare un nuovo governo. Ma lui stesso, è stato travolto da una folla anti-sistema che ha circondato la sua auto e lo ha costretto a fuggire.

Molti osservatori prevedono solo anarchia e confusione, con pogrom contro i Rajapaksa e i loro sostenitori, e polizia ed esercito non in grado di difendere tutti. Nonostante il coprifuoco, in serata varie residenze di politici sono state prese d’assalto, mentre le forze di sicurezza hanno dovuto difendere da un attacco anche Temple Tree, la residenza del primo ministro. Il premier si è dimesso, lo Sri Lanka è insorto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
crisi economica mahinda rajapaksa sri lanka
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved