ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Euro, ogni milione di banconote 13 sono false

Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
2 ore

Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como

Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
4 ore

Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale

Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
5 ore

Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita

La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
Corea del Nord
7 ore

Revocato il lockdown nell’area di Pyongyang

Coronavirus, dopo la stretta di cinque giorni decisa una settimana prima, la Corea del Nord fa retromarcia
stati uniti
17 ore

Trump lancia la campagna e attacca DeSantis: ‘Sleale’

‘Sono più arrabbiato che mai, il 2024 è l’ultima chance per salvare gli Usa’
medio oriente
18 ore

Netanyahu vuole più insediamenti

Arriva Blinken mentre vengono varate le nuove norme antiterrorismo dopo il massacro di Jenin e la risposta palestinese con i morti in sinagoga
medio oriente
18 ore

Droni colpiscono sito militare in Iran

Lì si producono armi che vanno in Russia. Secondo il Wall Street Journal sono stati gli israeliani con il benestare degli Usa
la guerra in ucraina
20 ore

Putin ha deciso: addestramento militare nelle scuole russe

Come accadeva in Unione Sovietica si insegnerà l’uso di mitragliatrici e bombe a mano
Liechtenstein
22 ore

‘Faites vos jeux’... Anche nel Principato

Respinto in votazione popolare il divieto di casinò. Quasi tre cittadini su quattro (e tutti gli undici Comuni) si sono espressi negativamente
Italia
1 gior

Psicofarmaci per sballo, è boom in Italia

Gli psichiatri suonano il campanello d’allarme: ‘Dipendenza in crescita, necessario contrastarne l’abuso’
Regno Unito
1 gior

Grave violazione del codice ministeriale: Zahawi licenziato

Via lettera, il primo ministro britannico Rishi Sunak silura il ministro senza portafoglio
Estero
1 gior

Forte scossa di terremoto nella notte in Iran

Il sisma di magnitudo 5,7 è stato localizzato nel Nord del Paese. Il bilancio parziale è di tre vittime e diverse centinaia di feriti
Stati Uniti
1 gior

Incidente di caccia in Kansas, ma a sparare... è il cane

Calpesta l’arma nel retro del pick-up: parte un colpo che colpisce il cacciatore seduto davanti, uccidendolo
Estero
1 gior

Nuovo piano europeo per salvare api e farfalle

Ecco il ‘New Deal’ per gli impollinatori, con undici iniziative per frenare il declino della popolazione di questi insetti
Italia
1 gior

Milano, per gas e luce 30 milioni di euro in più

Già l’anno scorso il capoluogo lombardo aveva dovuto far fronte a un aumento di 70 milioni di euro. E per li 2023 il caro-bollette si farà ancora sentire
India
1 gior

Aaa, insegnante di matematica cercasi. Telefonare al...

Singolare annuncio di ricerca personale in india: il numero che i candidati devono contattare lo si ricava da una complessa equazione
laR
 
13.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:22

La liberazione di Irpin raccontata da chi l’ha fatta

Anton è arruolato nelle truppe di difesa territoriale. Ci racconta cosa ha visto, come si è mosso e cosa ha rischiato

di Anna Korbut
la-liberazione-di-irpin-raccontata-da-chi-l-ha-fatta
(Keystone)

Bucha, Borodyanka, Irpin: località ormai tristemente note, scene di alcuni dei peggiori attacchi russi durante l’offensiva su Kiev. Irpin è stata liberata il 28 marzo, Bucha e Gostomel sono state dichiarate libere il primo aprile. A Irpin, per due settimane a partire dal 18 marzo, c’era anche Anton H., soldato impegnato nella Difesa territoriale. In quella quindicina di giorni Anton si è trovato affiancato alle truppe che tenevano la posizione del fronte. Il suo compito era quello di controllare che i russi non raggiungessero il ponte principale di Irpin prima degli ucraini: «Stavamo di vedetta e vedevamo gli ‘orchi’ che provavano e riprovavano ad abbatterci», racconta. «Colpi di mortaio, d’artiglieria, un paio di volte sono spuntati perfino dei carri armati. Le raffiche potevano durare mezz’ora come un’ora intera. E tu ti trovi in mezzo a questa sorta di lotteria in cui senti il colpo, aspetti che atterri il proiettile, ma fino all’ultimo non sai se toccherà a te essere colpito. Noi siamo stati fortunati, per così dire: in due settimane abbiamo avuto un solo morto e dieci feriti, perlopiù in modo lieve».

Senza armi pesanti

«Non avevamo equipaggiamento pesante, il nostro compito era osservare e riferire quanto vedevamo, sostenere il primo confronto a fuoco e infine lasciare il campo all’esercito. Dietro di noi le truppe ucraine rispondevano all’attacco con i tank e l’artiglieria», aggiunge Anton. Una ‘normale’ giornata al fronte permette anche di riposarsi e dormire, ma solo quando si è in numero sufficiente. Nelle giornate più difficili, al contrario, può capitare di rimanere in servizio per ventiquattr’ore. E poi ci sono gli approvvigionamenti e l’equipaggiamento: l’unità di Anton aveva quanto occorreva per una settimana di servizio, ma il dispiegamento è durato il doppio. Anton però non si scompone: «Avevamo quel che ci serviva, e non è che serva chissà cosa per combattere. Puoi farlo bardato come un cyborg oppure con addosso solo un giubbotto antiproiettile e un elmetto, specie se devi tenere le posizioni e non conquistarne di nuove. C’è una mitragliatrice, ma la si usa di rado. Man mano che i combattimenti procedono i soldati portano con sé sempre meno cose. Il laccio emostatico puoi tenerlo in tasca, non ti serve lo zaino».

‘Sotto il tiro dei carri armati russi’

L’unità di Anton si è poi ritirata verso altre posizioni dalle quali svolgere missioni di ricognizione. A volte si trattava di incursioni rapide, ma in alcuni casi si sono trovati sotto il fuoco nemico e il ritorno è stato più lento e complicato, con la necessità di trovare rifugio dai colpi dei carri armati. «È difficile dire come facessero a individuare i nostri movimenti, dove fossero i loro osservatori», nota Anton, «fatto sta che i carri armati ci sparavano addosso e verso le case. Una volta ce ne siamo trovati uno proprio di fronte. È stato il momento più difficile: eravamo bloccati, per un momento non sapevamo più cosa fare. Poi i ragazzi hanno sparato una granata con un lanciarazzi anticarro, di quelli a spalla. Ci siamo stesi tutti a terra e abbiamo atteso che le nostre truppe attaccassero il carro anche ai fianchi. C’è stato solo un morto. A salvarci è stato il fatto che il tank era troppo in alto rispetto a noi per puntarci come si deve, per cui i colpi fischiavano sopra alle nostre teste».

Nel pieno dell’occupazione, a Irpin erano rimasti circa 2’500 civili. Anton ne ha visti sì e no una dozzina. È stato l’esercito a convincere la gente ad andarsene, ad aiutarli a raggiungere altre destinazioni e far sì che durante lo spostamento fossero il più possibile al sicuro. I residenti cercavano cibo nei negozi semidistrutti e l’esercito gli ha permesso di prenderne, purché non toccassero gli alcolici. «Spesso passavano civili provenienti da Bucha. Mi ha colpito molto una famiglia: padre sulla settantina, con la moglie e una figlia che avrà avuto trent’anni. Hanno attraversato il ponte e abbiamo dato loro il consueto benvenuto: "Buon pomeriggio, ora siete protetti dalle forze armate ucraine". La donna si è gettata tra le nostre braccia. Ci ha detto che i katsaps (epiteto utilizzato per definire i russi, forse dall’ucraino per ‘capra’ o dal turco per ‘macellaio’, ndr) ammazzavano i civili per strada, che finalmente poteva sperare di sopravvivere».

Bucha era stata completamente occupata e a Irpin solo una delle tre strade principali era sotto il controllo ucraino. I russi nel sud della zona mettevano a rischio la posizione di Anton: «Alla nostra destra c’era un altro ponte sulla Buchanka, per il quale combattevamo. Il ponte Jur si trova al centro, e ai russi non sarebbe convenuto attraversarlo perché si sarebbero infilati in mezzo a palazzi molto alti. Una volta ci hanno sparato, ma non sono riusciti a raggiungerci. Ci siamo ritirati e poi per qualche giorno abbiamo continuato con le incursioni occasionali, toccata e fuga. Poi i russi hanno colpito la fabbrica di plastica, che è bruciata per giorni». Mentre Anton combatteva, altre truppe spingevano i russi fuori da Makarov. A quel punto l’invasore ha rischiato di trovarsi circondato, e forse proprio per questo ha preferito ritirarsi da Kiev. Hanno perso moltissime forze, risorse ed equipaggiamenti prima di andare a concentrarsi nelle zone orientali del Paese.

Le forze di difesa territoriale forniscono un sostegno eccellente all’esercito, ma non possono sostituire le truppe regolari. Possono però, ad esempio, essere dispiegate su parte del fronte. L’importante è tener conto delle effettive esperienze militari dei suoi membri, esperienze che ad Anton non mancano: «All’inizio della guerra abbiamo occupato l’aeroporto, e non ci è servito l’aiuto di nessun altro. Abbiamo permesso all’esercito di concentrarsi altrove». Quando abbiamo incontrato Anton, si era preso un paio di giorni di riposo a Kiev. Al momento di andare in stampa è molto probabile che sia già ripartito verso nuovi fronti, in difesa del suo Paese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved