ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno

Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
3 ore

Elisabetta II è ufficialmente morta ‘di vecchiaia’

Pubblicato il certificato di morte della sovrana, che alla voce ‘professione’ riporta ‘Sua Maestà la Regina’
Estero
3 ore

I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’

Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
Estero
5 ore

La Finlandia chiude le frontiere con la Russia

Ogni richiesta di ingresso verrà considerata individualmente, annuncia il ministro degli Interni. Sarà possibile entrare solo per motivi specifici
Estero
6 ore

La Russia annetterà domani i territori ucraini

I trattati verranno firmati al Cremlino. Previsto un discorso di Putin
Stati Uniti d’America
12 ore

In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità

Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
italia
22 ore

Bossi è fuori, anzi no

Caos seggi, tra polemiche e riconteggi, che premia il fondatore della Lega
il dopo-voto in italia
22 ore

Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’

Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
01.04.2022 - 14:10
Aggiornamento: 17:09

Da oggi in Italia fine dell’emergenza Covid e allentamenti

Il green pass 3G non servirà più, fra l’altro, per negozi, hotel, musei e mostre e per la ristorazione all’aperto. 3G invece che 2G sui mezzi pubblici

Ats, a cura di Marco Narzisi
da-oggi-in-italia-fine-dell-emergenza-covid-e-allentamenti
Keystone

Da oggi si volta pagina in Italia: termina infatti, dopo oltre due anni, lo stato di emergenza che fu proclamato dal governo Conte il 31 gennaio 2020 per la pandemia da Covid ed entrano in vigore le nuove norme che per tutto il mese di aprile eliminano in molti casi il green pass e limitano l’utilizzo del super pass.

Il certificato noto in Svizzera come 2G (guariti o vaccinati) andrà però definitivamente in soffitta solo dal 1° maggio. Con un’eccezione: fino al 31 dicembre resta l’obbligo di green pass rafforzato (con tampone) per le visite nelle residenze sanitarie assistenziali (Rsa) e nei reparti di degenza degli ospedali, i luoghi epicentro della prima ondata.

Da oggi non è più necessario avere almeno il green pass base (3G) per entrare negli uffici pubblici, nei negozi, nelle banche, alle poste o dal tabaccaio. Addio al certificato verde anche per alloggiare in hotel e strutture ricettive (compresi i ristoranti al loro interno), visitare musei, mostre e biblioteche, per accedere ai parchi divertimento e alle piscine all’aperto, per mangiare nei ristoranti all’aperto, nonché per salire sui mezzi di trasporto pubblico locale (tram, autobus, metro), anche se resta obbligo di mascherina Ffp2 fino al 30 aprile.

Per la ristorazione al chiuso, al banco o al tavolo, serve il pass base (3G), che si può ottenere anche con un test negativo, e non più quello rafforzato (2G). Green pass base anche per salire su aerei, treni, traghetti e pullman intra-regionali (con obbligo di mascherina Ffp2 fino al 30 aprile), partecipare a concorsi pubblici, accedere alle mense, andare allo stadio (con mascherina Ffp2 fino al 30 aprile) e assistere a spettacoli teatrali e concerti all’aperto (sempre con mascherina Ffp2).

Da oggi decade, inoltre, il limite alle capienze e dunque anche negli stadi sarà possibile occupare il 100% dei posti. Così come torneranno a capienza piena i bus e le metropolitane.

Il "super green pass", ovvero il 2G, resta ancora obbligatorio fino al 30 aprile per gli eventi sportivi nei palazzetti al chiuso (con mascherina Ffp2); per qualsiasi tipo di festa nei locali al chiuso; per cinema, teatri e concerti al chiuso (con mascherina Ffp2); discoteche (qui basta la mascherina chirurgica, da levare solo in pista al momento del ballo); piscine, palestre, centri benessere, sport al chiuso; convegni e congressi, casinò.

Cambia anche la quarantena. Chi entra in contatto con un positivo, anche se non vaccinato, non deve più osservare l’isolamento. L’obbligo di mascherine al chiuso è al momento stato prorogato fino al 30 aprile.

A metà giugno decadono gli obblighi vaccinali per militari, forze dell’ordine, personale scolastico e amministrativo, over 50. Il 30 giugno è il termine fissato per il ritorno in ufficio in presenza nell’ambito privato: fino a quella data ci sarà la possibilità di ricorrere al cosiddetto "lavoro agile" senza accordi individuali.

L’ultima data da segnare è il 31 dicembre, quando decadrà l’obbligo vaccinale per i sanitari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved