ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria

Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
5 ore

Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania

L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
7 ore

Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte

Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
7 ore

Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora

Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
7 ore

Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati

Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
9 ore

Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’

Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Estero
9 ore

Dalla Corte Suprema duro colpo alla lobby delle armi negli Usa

I nove saggi hanno respinto il ricorso contro il bando dei potenziatori ai fucili automatici, uno dei rari provvedimenti in tal senso di Donald Trump
Russia
10 ore

Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’

Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
22.03.2022 - 09:46
Aggiornamento: 16:18

Francia, morto Yvan Colonna: rabbia degli indipendentisti corsi

Il militante si trovava in coma da tre settimane dopo essere stato aggredito in carcere

Ats, a cura de laRegione
francia-morto-yvan-colonna-rabbia-degli-indipendentisti-corsi
Keystone
Un momento degli scontri nel 2009 a Bastia

Yvan Colonna, il militante indipendentista corso condannato all’ergastolo per l’assassinio del prefetto Claude Erignac nel 1998, è morto ieri sera a Marsiglia, nel Sud della Francia. Colonna era in coma da tre settimane dopo essere stato aggredito in carcere ad Arles da un altro detenuto, un jihadista.

Forti reazioni sull’isola

"Yvan Colonna, patriota corso, vive per l’eternità. Noi saremo sempre al tuo fianco", ha twittato in lingua corsa il partito Femu a Corsica di Gilles Simeoni, il presidente autonomista del Consiglio esecutivo dell’isola. Poco prima la famiglia aveva confermato il decesso, chiedendo la massima riservatezza.

"Yvan Colonna, morto per la Corsica", ha postato, sempre su Twitter, Core in Fronte, il principale partito indipendentista, accompagnando il messaggio con una foto in bianco e nero del militante nazionalista. Dopo l’annuncio della morte di Colonna, alcune decine di persone si sono riunite a Bastia davanti al Palazzo di giustizia, appendendo striscioni con lo slogan "Statu francese assassinu".

Ad Ajaccio, davanti alla cattedrale, in silenzio, si sono radunati gruppi di persone. Messaggio minaccioso dall’associazione per la difesa dei prigionieri politici corsi Sulidarita, che ha twittato "Abbasso questo Stato francese assassino".

Picchiato perché avrebbe ‘parlato male del Profeta’

Yvan Colonna, 61 anni, al quale la giustizia aveva accordato una sospensione di pena alcuni giorni fa "per motivi medici", era stato ferito a morte da un detenuto radicalizzato camerunense di 36 anni, che lo aveva aggredito durante l’ora di sport. Franck Elong Abé, questo il nome dell’aggressore, scontava una pena a nove anni di carcere per associazione per delinquere di stampo terroristico. Ha giustificato il suo atto con il fatto che Colonna avrebbe bestemmiato e "parlato male del Profeta".

Proteste per l’aggressione: otto minuti senza che nessuno intervenisse

Le tensioni che sono seguite all’aggressione sono culminate il 13 marzo a Bastia con una manifestazione durante la quale 102 persone sono rimaste ferite, 77 tra le forze dell’ordine. Una protesta motivata in gran parte dalla lunghezza dell’aggressione a Colonna, circa otto minuti, sotto l’obiettivo di una telecamera di sorveglianza, senza che nessun sorvegliante intervenisse. Ad avvertire i secondini era stato addirittura l’aggressore.

Nell’isola, la settimana scorsa, una visita del ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, aveva parzialmente riportato la calma. Darmanin ha illustrato per la prima volta nell’isola la disponibilità del governo a un dialogo che potrebbe "arrivare fino all’autonomia". L’inizio delle trattative è stato fissato per aprile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved