attentati-a-parigi-abdeslam-in-aula-non-ho-ucciso-nessuno
Keystone
Francia
09.02.2022 - 15:31
Aggiornamento: 19:46
Ats, a cura de laRegione

Attentati a Parigi, Abdeslam in aula: ‘Non ho ucciso nessuno’

L’unico superstite dei commando di jihadisti che hanno fatto strage a Parigi nella notte del 13 novembre 2015 parla di calunnie ai suoi danni

“Tengo a dire oggi che non ho ucciso né ferito nessuno, neppure un graffio”: lo ha detto Salah Abdeslam, l’unico superstite dei commando di jihadisti che hanno fatto strage a Parigi nella notte del 13 novembre 2015, interrogato al maxi-processo in corso alla Corte d’assise speciale nella capitale francese.

“Dall’inizio di questa storia, non si è smesso di calunniarmi. ‘Calunniate, calunniate’ consigliava Voltaire, ’qualcosa resterà’”, ha affermato nella dichiarazione che ha chiesto di fare all’inizio della deposizione.

Abdeslam ha poi sostenuto che gli attentati in nome dell’Isis sono stati “operazioni militari”. Interrogato dal presidente del tribunale Jean-Louis Périès sulle motivazioni del suo coinvolgimento, l’imputato ha affermato di essere stato “scioccato” dai video dei raid aerei condotti in Siria dalla coalizione internazionale.

“Quando l’Isis decide di fare degli attentati, delle operazioni militari sul territorio europeo – ha proseguito – non è con lo scopo di vedere bandiere nere sventolare sull’Occidente. Ci sono due tipi di operazioni militari: la jihad offensiva, per conquistare terre, e la jihad difensiva, per difendere il territorio dello Stato islamico”. Secondo il superstite dei commando che uccisero 130 persone ferendone altre 350, gli attentati del 2015 erano “per difendersi dalla coalizione che bombardava lo Stato islamico”.

“È stata un’operazione prendere di mira una sala per concerti e dei ristoranti?”, gli ha chiesto il presidente del tribunale. “Hanno lavorato con i mezzi che avevano – ha risposto l’imputato –. Se hanno colpito dei civili era perché volevano impressionare le menti”.

“Il mondo occidentale – ha proseguito – impone la sua ideologia al resto del mondo. Per noi musulmani è un’umiliazione. Io appoggio lo Stato islamico, sono con loro, sono per loro, li amo”. Ha poi spiegato di non essere mai partito per la Siria, anche se l’impresa gli era “passata per la mente”. Il suo giuramento di fedeltà al gruppo terroristico risalirebbe agli inizi del 2015, data in cui suo fratello rientrò dalla Siria.

Abdeslam ha quindi denunciato la severità delle pene nei casi di terrorismo. “In futuro – ha detto – quando qualcuno sarà nella metropolitana con una valigia esplosiva, e che all’ultimo momento vuole fare marcia indietro, saprà che non ha diritto di farlo, poiché sarà rinchiuso in carcere e umiliato”.

Oggi erano attese alla sbarra anche la madre, la sorella e l’ex fidanzata dell’imputato, ma il presidente del tribunale ha annunciato che le tre testimoni non saranno in tribunale: “Hanno fatto sapere di non aver intenzione di venire”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attentati parigi jihad salah abdeslam
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved