usa-rilanciano-mosca-puo-prendere-kiev-in-due-giorni
Soldati ucraini durante un’esercitazione (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

‘Severodonetsk completamente occupata dall’esercito russo’

La città è stata teatro di feroci combattimenti per diverse settimane.
Estero
13 ore

Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico

Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.
Estero
16 ore

Siccità in Italia: ‘Quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa’

Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli parla di situazione drammatica. Ieri in Lombardia è stato decretato lo stato di emergenza.
Estero
17 ore

Kiev: ‘Dalla Bielorussia lanciati missili contro Chernihiv’

L’attacco alla regione ucraina sarebbe avvenuto intorno alle 4 di questa mattina (ora svizzera)
Estero
18 ore

Borrell arrivato in Iran per rilanciare l’accordo sul nucleare

L’alto rappresentante per politica estera dell’Ue cercherà di convincere il Paese a firmare l’intesa
Estero
19 ore

Sparatoria a Oslo: due morti e 14 feriti. Arrestato un uomo

L’attacco è avvenuto in tre luoghi vicini: il club gay London Pub, il jazz club Herr Nilsen e un punto vendita di cibo da asporto.
Estero
1 gior

Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi

Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
1 gior

L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti

Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
1 gior

La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto

Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
1 gior

Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto

Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
Confine
1 gior

Schianto a Maccagno, 15enne del Bellinzonese rischia la vita

Un’auto con a bordo una donna e due minorenni è uscita di strada ieri sera. Non sono ancora note le cause dell’incidente
Confine
1 gior

Aumentano i sequestri di valuta alla frontiera

A Brogeda e alla stazione di Chiasso sono stati intercettati oltre 23 milioni di euro. Le violazioni accertate dalla Guardia di finanza sono 663
Estero
1 gior

Onu: la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa da forze israeliane

Questa la conclusione dell’inchiesta delle Nazioni Unite. L’uccisione l’11 maggio scorso durante gli scontri a Jenin (Cisgiordania). Israele nega
ucraina
06.02.2022 - 20:38
Aggiornamento : 22:08

Usa rilanciano: ‘Mosca può prendere Kiev in due giorni’

‘Possibile attacco da 50mila morti’. Mosca risponde: ‘Follia’. E Kiev frena, ritenendo possibile una soluzione diplomatica

Ansa, a cura de laRegione

Un attacco massiccio, con Kiev che cade in due giorni, 50’000 civili uccisi e fino a 5 milioni di profughi. È uno scenario catastrofico quello evocato da Washington per rilanciare l’allarme su una possibile invasione russa dell’Ucraina. “Una follia”, ribatte Mosca, ma anche il governo ucraino ribadisce la sua perplessità: "Non credete alle previsioni apocalittiche”, mette in guardia il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba. Mentre il presidente francese Emmanuel Macron, in procinto di partire per Mosca, afferma che "l’obiettivo geopolitico della Russia oggi chiaramente non è l’Ucraina”.

Allarme di Biden

Nei giorni scorsi, fa sapere il New York Times, il presidente Usa Joe Biden ha informato i parlamentari americani e i partner europei che la Russia ha messo insieme il 70% delle forze necessarie per una invasione completa dell’Ucraina. L’intelligence statunitense, aggiunge il quotidiano, non pensa che Putin abbia preso la decisione finale, ma che la finestra diplomatica si stia chiudendo. Un’affermazione che cade proprio alla vigilia dell’incontro in programma tra Macron e il presidente russo Vladimir Putin, che la settimana dopo sarà seguito dalla missione a Mosca del cancelliere tedesco Olaf Scholz.

L’amministrazione Biden, che aveva già avvertito su una possibile invasione all’inizio di gennaio e poi entro le prime due settimane di febbraio, pensa adesso che essa possa avvenire nella seconda metà del mese. Cioè dopo le Olimpiadi invernali di Pechino, per non inimicarsi l’alleata Cina. Nel frattempo, indica l’Intelligence Usa, Mosca ha aumentato le truppe.


Putin e Biden a Ginevra (Keystone)

Cremlino freddo

Secondo il Washington Post, sono stati schierati 83 gruppi di battaglioni tattici, con circa 750 militari ciascuno, contro i 60 di due settimane fa. Il tutto con l’appoggio di decine di migliaia di persone per la logistica, il sostegno aereo e medico.

“La follia e l’allarmismo continuano", risponde il vice ambasciatore russo all’Onu Dmitry Polyanskiy, ribadendo che il suo Paese non ha mai avuto alcuna intenzione di invadere l’Ucraina. E il diplomatico aggiunge un commento paradossale: "E se dicessimo - dice - che gli Stati Uniti potrebbero impadronirsi di Londra in una settimana e causare la morte di 300’000 civili? Tutto questo sulla base delle nostre fonti di intelligence che non riveleremo”.

Acqua sul fuoco

Kiev, allarmata per gli effetti destabilizzanti dei continui allarmi sull’economia, cerca di calmare gli animi. “Capitali diverse - afferma il ministro Kuleba - hanno scenari diversi, ma l’Ucraina è pronta a qualsiasi sviluppo”. “Le possibilità di trovare una soluzione diplomatica per la riduzione dell’escalation sono considerevolmente maggiori della minaccia di un’ulteriore escalation”, gli fa eco il consigliere presidenziale Mykhailo Podoliak, secondo il quale le “massicce rotazioni” russe vicino al confine rispondono, più che a una volontà di invasione, a una precisa strategia per “effettuare pressioni psicologiche” su Kiev.

Macron si espone

“L’obiettivo geopolitico della Russia oggi chiaramente non è l’Ucraina, ma il chiarimento delle regole di coabitazione con la Nato e l’Ue“, afferma da parte sua Macron in un’intervista al Journal du Dimanche. "La sicurezza e la sovranità dell’Ucraina o di qualunque altro Stato europeo non può essere oggetto di nessun compromesso”, mette in chiaro il presidente francese, ammettendo però che allo stesso tempo "è legittimo che la Russia ponga la questione della propria sicurezza”.

La posizione negoziale dell’Eliseo, dunque, è chiara: le ragioni del Cremlino vanno comprese. Un tema che sarà al centro lunedì anche di un colloquio che il cancelliere Scholz avrà alla Casa Bianca con Biden. Quanto agli allarmi su una imminente invasione, Macron esprime un velato scetticismo: “Sono diverse settimane che leggo o sento parlare dei grandi responsabili che annunciano operazioni imminenti di settimana in settimana. L’intensità del dialogo che abbiamo avuto con la Russia e questa visita a Mosca sono per impedire che ciò avvenga. Successivamente, discuteremo dei termini della de-escalation”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cremlino joe biden kiev mosca russia ucraina usa washington post
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved