partygate-raffica-di-dimissioni-nello-staff-di-johnson
‘Portatevi via Johnson’ (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
2 ore

Svolta green per la navigazione sul lago di Como

Una motonave da 350 posti diesel-elettrica andrà a incrementare la flotta. La gara telematica avviata terminerà il 30 agosto
Confine
3 ore

Turismo boom a Como. Prima nella classifica italiana

Nel primato intervengono pure fattori legati al suo brand, cresciuto enormemente grazie anche alla presenza di molte celebrità
Estero
4 ore

Lavoro, la pandemia ha toccato maggiormente i giovani

La fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha perso più impieghi rispetto agli adulti. Lo indica l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo)
Confine
4 ore

Monteviasco offre gestione gratuita dell’ostello per rilanciarsi

Il Comune del Varesotto a poca distanza dal Ticino cerca un gestore per la struttura attualmente inutilizzata per rilanciarsi dopo l’isolamento
Estero
5 ore

Ogni anno 20’000 elefanti vengono uccisi per le zanne

Oggi è la Giornata mondiale dell’elefante. In pericolo la specie di elefante di savana, a elevato rischio di estinzione l’elefante di foresta
Confine
6 ore

Fermato in dogana con ricambi di orologi di lusso non dichiarati

Un 70enne del Biellese è stato controllato al valico di Piaggio Valmara di rientro dalla Svizzera. La merce aveva un valore di circa 10’000 euro
Estero
8 ore

Con il caro-energia, addio ai voli a 10 euro di Ryanair

Lo ha dichiarato il Ceo della compagnia irlandese. Le tariffe superscontate sono destinate a sparire per un certo numero di anni
Estero
9 ore

Kim Jong-un proclama una ‘eclatante vittoria’ sul Covid-19

Il leader nordcoreano ha dichiarato vinta la guerra contro il virus dopo quasi due settimane senza alcun caso ufficialmente registrato nel Paese
Estero
9 ore

Arrestato uno dei quattro ‘Beatles’ dell’Isis

Aine Davis, britannico, è accusato di far parte di un gruppo di rapitori e assassini dello Stato Islamico ribattezzato come il quartetto di Liverpool
regno unito
04.02.2022 - 21:59
Ansa, a cura de laRegione

Partygate, raffica di dimissioni nello staff di Johnson

Cinque collaboratori sbattono la porta. Sale anche il numero di deputati che chiedono le dimissioni del premier

Il Partygate e tutte le sue conseguenze sono all’origine della raffica di cinque dimissioni consegnate nelle ultime 24 ore da alcuni fra i più stretti collaboratori del premier britannico Boris Johnson, che si ritrova ora con uno stato maggiore da riformare nel momento più critico della sua carriera politica.

Uscite improvvise

Come sostiene un portavoce del primo ministro conservatore, l’uscita di Dan Rosenfield, capo dello staff, quella di Martin Reynolds, responsabile della segreteria di Johnson e del responsabile media Jack Doyle, erano state concordate e fanno parte, come ha ribadito anche il ministro della Sanità Sajid Javid, dell’annunciato ’repulisti’ interno per liberarsi dei pezzi da novanta coinvolti nell’organizzazione delle feste ‘illecite’ a Downing Street. Ma non è stato così per la stratega politica Manira Mirza, stretta alleata di Johnson da lungo tempo, che invece ha lasciato (e con lei una componente della sua Policy Unit al n.10, Elena Narozanski) per protestare contro le accuse rivolte dal primo ministro al leader del Labour, Keir Starmer, per non aver perseguito, quando era a capo del Crown Prosecution Service, il defunto pedofilo seriale Jimmy Savile.


Il premier britannico Boris Johnson (Keystone)

Lo scontro ripetuto fra i due era avvenuto proprio durante le sessioni alla Camera dei Comuni in cui BoJo era finito sotto il fuoco dell‘opposizione dopo gli allarmanti risultati preliminari del rapporto Gray. Nel tentativo di riprendere il controllo della situazione, Johnson ha parlato al suo staff prendendo a prestito una frase dal film d’animazione ’Il re leone’, ricordando a tutti che “i cambiamenti sono positivi” e sottolineando l’importanza e la responsabilità di occupare un ruolo al servizio dei cittadini.

Reazione e controreazione

Il leader Tory tenta quindi di serrare i ranghi, anche con citazioni piuttosto discutibili per il suo spessore da biografo di Winston Churchill, e lo deve fare anche coi suoi deputati. Ha inviato una lettera in cui si impegna a “migliorare il modo in cui Downing Street e il governo più in generale funzionano”, promettendo ulteriori aggiornamenti nei prossimi giorni. Lo scopo è quello di frenare l’aperto dissenso nei suoi confronti, nel giorno in cui il parlamentare Tory Aaron Bell, eletto per la prima volta nel 2019, si è fatto avanti per chiedere la sfiducia del primo ministro.

A seconda delle fonti, si parla di 13-17 deputati che hanno manifestato la loro voglia di cambiamento al vertice. Servono almeno 54 lettere di parlamentari al Comitato 1922, l’organismo interno del partito di maggioranza, per avviare un voto sulla fiducia al premier. Intanto si sente anche qualche scricchiolio dentro la compagine di governo. Se in apparenza il sostegno è pieno e da parte di tutti, si possono cogliere minime ma importanti sfumature rivelatrici di un certo malcontento. Il Cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, dato come uno dei possibili pretendenti alla poltrona di BoJo, ha preso pubblicamente le distanze dal premier rispetto al suo attacco incauto contro il leader Labour.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson deputati dimissioni londra ministro partygate premier staff
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved