02.02.2022 - 09:41
Aggiornamento: 17:11

Gli amanti di Starbucks devono attendersi un aumento dei prezzi

Nonostante il record di vendite, la pandemia ha influito in maniera importante sui costi

Ats, a cura de laRegione
gli-amanti-di-starbucks-devono-attendersi-un-aumento-dei-prezzi
Keystone

Il gigante del caffè Starbucks non ha mai venduto così tante bevande e snack come nell’ultimo trimestre del 2021, ma il gruppo statunitense ha dovuto fare i conti con l’inflazione. Anche i costi aggiuntivi legati a Omicron e un mercato del lavoro rigido hanno pesato sulla performance.

Alcuni prezzi erano già stati alzati

La catena, che ha già aumentato alcuni dei suoi prezzi in ottobre e gennaio, prevede ulteriori aumenti più tardi quest’anno per limitare l’impatto, ha detto ieri l’amministratore delegato Kevin Johnson in una videoconferenza. La cifra d’affari del distributore di cappuccini, tè freddo e snack è salita del 19 per cento a 8,1 miliardi di dollari nel primo trimestre del suo anno fiscale che si è concluso il 2 gennaio, un livello mai visto prima.

Ma “abbiamo anche affrontato pressioni straordinarie sui costi, che hanno colpito il nostro margine”, ha detto Johnson. L’utile netto del gruppo è balzato del 31% a 816 milioni di dollari. Questo però su una base per azione ed escludendo le voci eccezionali, la misura preferita dagli investitori.

Carenza di manodopera e dipendenti in malattia

In particolare, la diffusione della variante Omicron ha portato a costi aggiuntivi, ad esempio amplificando le carenze di manodopera nella catena di approvvigionamento del gruppo. L’azienda ha anche pagato di più per continuare a stipendiare i dipendenti che hanno contratto il virus e devono rimanere a casa, mentre recluta e forma nuovi dipendenti.

Starbucks si aspetta che i problemi nella catena di approvvigionamento “persistano nel breve termine”, ha detto Johnson. Mentre l’azienda affronta le crescenti richieste dei dipendenti di sindacalizzarsi negli Stati Uniti, l’esecutivo non ha affrontato la questione direttamente martedì sera.

“Restiamo convinti che l’investimento di un miliardo di dollari nei salari dei dipendenti che abbiamo annunciato (a ottobre) sia il giusto investimento a lungo termine per assicurarci di avere i migliori talenti per sostenere il nostro business”, ha detto. L’azienda ha detto all’epoca di voler aumentare il salario medio per i suoi dipendenti americani a 17 dollari l’ora entro l’estate del 2022, con un salario minimo tra i 15 e i 23 dollari a seconda della regione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved