tonga-la-cenere-sull-aeroporto-ritarda-gli-aiuti
Una veduta della zona colpita dall’eruzione (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
LIVE

L’Ucraina teme attacchi da parte della Bielorussia

Sui soldati del battaglione Azov il negoziatore russo chiarisce: ‘Nessuno scambio con l’oligarca Medvedchuk’. Segui il live de laRegione
Estero
45 min

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
1 ora

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
1 ora

Un carro attrezzi per rimuovere... solo le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
1 ora

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
2 ore

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
Estero
6 ore

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
Estero
6 ore

Cina e politica ‘zero covid’: l’atout è diventato un handicap

I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.
Oceano Pacifico
18.01.2022 - 08:13
Aggiornamento : 16:11

Tonga, la cenere sull’aeroporto ritarda gli aiuti

Si lavora per liberare la pista coperta dall’eruzione del vulcano. Salgono a tre le vittime finora confermate

Gli aerei carichi di aiuti inviati dalla Nuova Zelanda a Tonga non possono atterrare a causa della cenere che ha ricoperto la pista del principale aeroporto dopo l’eruzione del vulcano che ha provocato uno tsunami e tagliato tutti i collegamenti. Circa 200 persone, come riferisce la Bbc, hanno cercato di ripulire la pista come potevano, ma a ieri ne erano stati liberati solo 100 metri.

Il ministro degli Esteri neozelandese Nanaia Mahuta ha spiegato che un C-130 carico di aiuti umanitari, soprattutto acqua che in questo momento è l’emergenza principale ma anche generatori e kit igienici, è pronto a decollare per Tonga ma la cenere in questo momento rende impossibile l’operazione. Quanto alle navi militari con i rifornimenti ci vorranno almeno tre giorni prima che riescano a raggiungere l’arcipelago.

Intanto si aggrava il bilancio: il numero di vittime confermate è infatti saluto a tre: la britannica Angela Glover e due abitanti locali. Lo annuncia il governo dell’arcipelago nella prima dichiarazione ufficiale definendo un ‘disastro senza precedenti’ ciò che è avvenuto nei giorni scorsi.

Due delle isole più piccole e periferiche sono state colpite in modo particolarmente grave, fanno sapere le autorità, con tutte le case distrutte su una e solo due rimaste in piedi sull’altra. Il governo ha precisato inoltre che gli aiuti finora sono stati ostacolati dalla cenere caduta dal vulcano.

Aiuti sì, ma lo Stato di Tonga resti ‘Covid-free’

Le Nazioni Unite tenteranno di mantenere lo Stato di Tonga ‘libero dal Covid’ nell’ambito dell’arrivo dei soccorsi umanitari dopo l’eruzione del vulcano e lo tsunami che hanno colpito l’arcipelago dell’Oceano pacifico. «Tonga è un Paese zero Covid e ha protocolli molto rigidi a riguardo», spiega il portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), Jens Laerke. «Una delle prime regole dell’azione umanitaria è di ‘non nuocere’ e vogliamo essere assolutamente sicuri che vengano seguiti tutti i protocolli necessari per l’ingresso nel Paese».

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha spiegato che spetta alle autorità stabilire le procedure, ma certamente è una priorità fare in modo che la contaminazione «possa essere evitata il più possibile», ha affermato il portavoce dell’Oms Christian Lindmeier. Le Nazioni Unite sono pronte con squadre e forniture di emergenza per assistere Tonga, e il personale dell’Onu che ha sede nel Paese sta lavorando per assistere gli sforzi di coordinamento e risposta nel Paese.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eruzione isole tonga oceano pacifico tsunami vulcano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved