proteste-contro-i-militari-ancora-sangue-in-sudan
Una delle manifestazioni nella capitale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
regno unito
7 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
8 ore

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
medio oriente
8 ore

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere
Confine
14 ore

Centovallina, i treni circolano unicamente fino a Camedo

Il cedimento di un muro della strada statale oggetto d’interventi di messa in sicurezza all’origine dell’interruzione del collegamento
Estero
15 ore

Crimea, i tatari ricordano i deportati da Stalin sfidando Mosca

Nonostante i divieti e il rischio di punizioni, circa 70 persone hanno manifestato per commemorare le vittime della deportazione del popolo tataro nel ’44
Confine
15 ore

Sospesi per quasi quattro mesi i lavori sulla A9

In vista del traffico estivo si sono fermati i lavori nella galleria San Fermo Sud, che riprenderanno in settembre
Estero
16 ore

L’Europarlamento chiede lo status di candidato per la Moldavia

Con 512 a favore, 43 contrari e 39 astenuti il Parlamento di Strasburgo sollecita le istituzioni europee a riconoscere la Moldavia come Paese candidato
Estero
17 ore

Germania: spari a scuola, un ferito a Bremerhaven

La polizia ha fermato una persona, una seconda sarebbe in fuga
Speciale ucraina
18 ore

Nato, sosterremo Kiev per tutto il tempo necessario

"L’Ucraina non accetterà mai l’occupazione della Russia" ha dichiarato Rob Bauer, presidente del Comitato militare Nato Segui il live de laRegione
africa
17.01.2022 - 19:42

Proteste contro i militari, ancora sangue in Sudan

Altri sette morti e almeno cento feriti in manifestazioni antigolpe

Ansa, a cura de laRegione

Gli oppositori che in Sudan si battono per un avvento della democrazia nel Paese dell’Africa orientale da quasi tre anni in fase di transizione post-dittatura continuano a scendere in strada contro i militari golpisti nonostante i cortei vengano dispersi anche a colpi di arma di fuoco. E in manifestazioni inscenate nelle ultime ore nella capitale Khartoum e in altre città del Paese, ci sono stati almeno sette morti e circa cento feriti: una delle giornate più sanguinose della protesta contro le Forze armate guidate dal generale, e uomo forte del Paese, Abdel Fattah al-Burhan.

Il bilancio di sangue, stilato dal sindacato dei medici sudanesi e presumibilmente destinato a salire vista la quantità di feriti, porta a 71 il numero delle vittime della repressione delle manifestazioni che si susseguono dal 25 ottobre, il giorno del colpo di Stato militare che ha posto per ora fine alla transizione democratica sudanese. Per la prima volta, hanno notato testimoni, le forze di sicurezza hanno mostrato armi pesanti come le mitragliatrici montate su veicoli. Per disperdere i manifestanti, che hanno aggirato serrati controlli, sono stati impiegati anche cannoni ad acqua, lacrimogeni e bombe assordanti. In migliaia a Khartoum sono tornati a scandire “soldati in caserma” mentre cercavano di avvicinarsi al palazzo presidenziale.


Un momento degli scontri (Keystone)

Nella limitrofa Omdurman i manifestanti hanno bruciato pneumatici ed eretto barricate per bloccare le strade. A Madani, 200 chilometri a sud della capitale, circa 2.000 persone hanno marciato al grido “vogliamo solo civili al potere". La polizia ha denunciato che giovedì un suo generale è stato accoltellato a morte da manifestanti che ora saranno processato secondo le leggi eccezionali dello stato di emergenza decretate il giorno del colpo di Stato. In un Paese dove soldati e paramilitari sono già accusati di abusi - e di recente, anche dello stupro di una dozzina di manifestanti - il Consiglio di Difesa ha annunciato la creazione di "una forza speciale antiterrorismo per far fronte a potenziali minacce”. Per tutto il pomeriggio a Khartoum gli scontri sono avvenuti nei pressi del palazzo presidenziale, ospitato nell’ex quartier generale del dittatore Omar al-Bashir deposto nel 2019 sotto la pressione di una rivolta popolare e soprattutto dei militari.

Le forze armate ora controllano il Paese di 45 milioni di abitanti, uno dei più estesi dell’Africa ma anche dei più poveri al mondo, dopo averlo dominato quasi ininterrottamente dalla sua indipendenza dal Regno unito 65 anni fa. Burhan è di fatto l’unico al comando del Sudan. Il 25 ottobre il generale aveva fatto arrestare la maggior parte dei civili che condividevano il potere con lui e l’esercito: da allora sono stati rilasciati, ma il Paese è ancora senza un parlamento fin dalla caduta di al-Bashir e, dal golpe, ora anche senza un governo. L’Onu, dal canto suo, sta cercando di organizzare un dialogo per rilanciare una transizione verso la democrazia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa feriti manifestanti manifestazioni militari morti sudan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved