restituite-all-italia-antichita-per-10-milioni-di-dollari
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
7 ore

Val Grande, turista svizzero disperso

Senza esito le ricerche di un confederato sparito domenica. Sarebbe dovuto giungere a Fondotoce. Dopo un bivacco in capanna, non si è più visto
Estero
7 ore

Ucraina, nel Regno Unito la prossima conferenza dei donatori

Lo ha confermato a Lugano la ministra degli Esteri britannica Liz Truss. L’appuntamento è per il 2023.
Estero
7 ore

Bosnia: condanne per estorsione pellegrini italiani Medjugorje

Due alti funzionari statali accusati di corruzione, criminalità organizzata e abuso d’ufficio trascorreranno 14 e 10 anni in carcere
Estero
7 ore

Putin: ‘Avanti con l’offensiva’

La seconda fase dell’invasione russa nel Donbass è iniziata: Mosca punta a conquistare il Donetsk
Estero
10 ore

Sparatoria in Illinois alla parata del 4 luglio, sei le vittime

Stando ai media statunitensi diverse persone sono rimaste ferite. È caccia allo sparatore, non ancora localizzato
Estero
10 ore

L’Eliseo annuncia ufficialmente il rimpasto di governo

La notizia era stata anticipata dai media francesi questa mattina. Il ministro della salute Olivier Véran è stato nominato portavoce
Danimarca
13 ore

Copenaghen, due 17enni e un 47enne le vittime

Il bilancio finale comprende anche trenta persone ferite, di cui almeno quattro gravi. Autore accusato di omicidio e tentato omicidio
Stati Uniti
13 ore

Indipendenza... dipendente dai voli: 1’400 quelli cancellati

Notevoli disagi negli Usa per la festa del 4 luglio a causa del caos negli aeroporti. Oltre ai collegamenti saltati, altri 14’000 con ritardi
Italia
13 ore

Marmolada, la montagna restituisce un settimo corpo

Operazioni di ricerca rallentate dal maltempo. Ma c’è anche una buona notizia: rintracciati, sani e salvi, quattro dei dispersi
Svezia
14 ore

Sciopero dei piloti Sas, cancellato un volo su due

Il mancato accordo nei negoziati salariali sfocia nell’astensione dal lavoro. Toccati 30’000 passeggeri al giorno
Confine
16 ore

Intercettati otto tank-container con carburante di contrabbando

Maxisequestro della Guardia di finanza a Busto Arsizio. Denunciati il conducente dell’articolato e la sua ‘staffetta’
India
17 ore

Frana di Manipur, i morti salgono a 42, i dispersi a 20

Lo scoscendimento si era verificato mercoledì in un cantiere ferroviario nello Stato indiano nord-orientale del Paese
Confine
17 ore

Como, spuntano tute per go-kart e termometri contraffatti

Due operazioni di sequestro messe a segno dall’Agenzia delle dogane. La merce proveniva dal Regno Unito. Denunciato l’importatore
16.12.2021 - 18:42
Aggiornamento: 30.12.2021 - 09:50
di Ats - Ansa - a cura de laRegione

Restituite all’Italia antichità per 10 milioni di dollari

Le opere, confiscate dalle autorità, erano esposte nei grandi musei. Si tratta del più grande rimpatrio di reperti

New York ha restituito all’Italia duecento antichità del valore complessivo di 10 milioni di dollari confiscate a importanti istituzioni e collezioni Usa, dal Getty Museum di Los Angeles alla Fordham University, dai musei d’arte di San Antonio e Cleveland a lussuose residenze di New York e Long Island. Si tratta del più grande rimpatrio singolo di reperti dall’America al Belpaese, come hanno sottolineato gli investigatori durante la cerimonia di riconsegna al consolato italiano nella Grande Mela. Tra i manufatti, una coppa da vino vecchia di 2’500 anni, vasi, piatti e frammenti di ceramiche greco-romane e altri oggetti preziosi.

“Per anni musei prestigiosi e collezionisti privati negli Usa hanno messo in mostra questi tesori storici italiani anche se la loro presenza in America costituiva la prova di crimini contro il patrimonio culturale”, ha spiegato il district attorney di Manhattan Cyrus Vance, il procuratore che sta indagando anche sulle presunte frodi fiscali di Donald Trump. Ma di fronte alle prove della provenienza illegale dei reperti, i musei e i possessori hanno accettato di restituirli senza obiezioni.

Dietro c’è la mano di un antiquario

Gran parte delle opere in questione (160 su 200) sono legate a un unico venditore, Edoardo Almagià, un antiquario settantenne laureato a Princeton ora basato a Roma dopo aver vissuto a lungo a New York, dove ha venduto oggetti trafugati dal 1980 al 2006. È stato indagato più volte dalle autorità italiane e americane. Queste ultime ora lo hanno messo sotto inchiesta per trasporto illegale in Usa di centinaia di manufatti antichi e per false dichiarazioni doganali. Nel 2000 fu fermato all’aeroporto Jfk di New York con due affreschi rubati a Ercolano.

Nel 2006, l’anno in cui lasciò gli Usa, l’Fbi perquisì il suo appartamento a Manhattan e lui cedette sei oggetti che poi furono dichiarati di provenienza illecita. E nel 2012 un tribunale italiano lo ha assolto dall’accusa di aver diretto la razzia di vecchie tombe romane ed etrusche, ma ha confermato la confisca di tutti i reperti in suo possesso affermando che i suoi traffici hanno contribuito “a uno dei più grandi saccheggi del patrimonio culturale italiano, basato su una grande quantità di merce rubata”.

Volato a New York per prendere in custodia le antichità, il generale dei carabinieri Roberto Riccardi, a capo del nucleo tutela patrimonio culturale, ha spiegato che i termini di prescrizione rendono difficile per l’Italia perseguire Almagià ma, ha sottolineato, “ciò che è più importante è che questi importantissimi reperti archeologici tornino a far parte della nostra identità culturale”. Dal canto suo l’antiquario respinge le accuse e nega di aver commesso violazioni rilevanti nell’importazione degli oggetti antichi.

Recuperate opere a centinaia

Intanto, la Procura di Manhattan prevede ulteriori confische e procedimenti legati al caso Almagià, ritenendo che ci siano molti altri musei con oggetti da lui procurati negli Usa, che resta il principale mercato d’arte mondiale anche per le opere italiane trafugate. L’operazione è solo l’ultima di una serie di blitz che hanno consentito di recuperare negli Stati Uniti centinaia di opere d’arte del Belpaese in 20 anni di collaborazione tra autorità americane e italiane grazie a un memorandum d’intesa firmato nel 2001.

La presa di posizione di Almagià

Riportiamo di seguito la presa di posizione pervenutaci dal diretto interessato, Edoardo Almagià.

“Con riferimento all’articolo – Restituite all’Italia antichità per 10 milioni di dollari- e, in particolare, al passaggio in cui è scritto: “Dietro c’è la mano di un antiquario. Gran parte delle opere in questione (160 su 200) sono legate a un unico venditore, Edoardo Almagià, un antiquario settantenne laureato a Princeton ora basato a Roma dopo aver vissuto a lungo a New York, dove ha venduto oggetti trafugati dal 1980 al 2006. È stato indagato più volte dalle autorità italiane e americane. Queste ultime ora lo hanno messo sotto inchiesta per trasporto illegale in Usa di centinaia di manufatti antichi e per false dichiarazioni doganali”,

Si omette di riferire che negli unici procedimenti penali a mio carico (Proc. Rep. Trib. Napoli R.G.N.R. 5814/12; Proc. Rep. Trib. Roma R.G.N.R. 3306/06) non è stato mai chiesto il rinvio a giudizio. Essi sono stati archiviati su richiesta delle stesse Procure della Repubblica competenti. Non sono quindi indagato per i fatti riportati nell’articolo, che non corrispondono a verità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
antichità confiscate italia new york
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved