tamponi-per-entrare-in-italia-scontro-ue-draghi
Il premier italiano Mario Draghi (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Italia, dissequestrata la storica biblioteca dei Girolamini

I sigilli vennero messi dieci anni fa nell’ambito di un’inchiesta sul furto di migliaia di volumi antichi
Estero
2 ore

Trasporto aereo, aumentano i bagagli persi o in ritardo

Sono più di quattro ogni mille passeggeri le borse e valigie smarrite, giunte tardivamente, rubate o danneggiate.
Estero
2 ore

Partire, restare... l’incertezza attanaglia i rifugiati siriani

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, cinque milioni di persone hanno cercato rifugio in Turchia. Ora ci sono pressioni perché rientrino in patria.
Confine
12 ore

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
13 ore

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
15 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
17 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
18 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
19 ore

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
coronavirus
15.12.2021 - 22:09
Aggiornamento : 22:27

Tamponi per entrare in Italia, scontro Ue-Draghi

Roma insiste: situazione difficile, dobbiamo mantenere bassi i contagi. Bruxelles: “Decisione non concertata”

Ats, a cura de laRegione

Il governo italiano tira dritto: fino al 31 gennaio servirà un tampone per entrare in Italia dall’estero e la quarantena per i non vaccinati. “Non c’è molto da riflettere“, taglia corto il pemier Mario Draghi. E respinge le forti perplessità rimbalzate da Bruxelles, per le limitazioni all’ingresso anche per chi arrivi da Paesi Ue: le misure devono essere "proporzionali e giustificate”, nonché "di breve durata”, avverte la Commissione.

Ma c’è un dato, sottolinea Draghi, alla base della decisione presa martedì dal governo, con un’ordinanza: l’incidenza della variante Omicron in Italia è per ora, secondo l’Istituto superiore di sanità (Iss), solo dello 0,19% mentre dilaga all’estero. La stretta sui viaggi serve a difendere “con le unghie e i denti“ una “normalità” che l’Italia ha conquistato "al prezzo di 134mila morti”. E affrontare il Natale con "relativa tranquillità”.

Nuove chiusure

Sul Covid, quindi, Draghi non sembra voler cedere ai dubbi dell’Ue, così come non ha ceduto alle perplessità di una parte della sua maggioranza. Dopo aver prorogato fino al 31 marzo il Super Green pass anche in zona bianca (la Lega gradisce poco l’estensione, ma sceglie di non polemizzare) e avere così esteso per altri tre mesi le limitazioni per i non vaccinati, dai ristoranti alle discoteche, il premier tiene ferma la linea sugli arrivi dall’estero. In Ue solo Italia, Portogallo, Irlanda e, da ultimo, la Grecia, hanno introdotto obbligo di tampone ai viaggiatori.

Bruxelles però poco gradisce. Lamenta di non aver ricevuto da Roma nessuna notifica sulle nuove restrizioni, ma dal governo spiegano che la notifica è stata fatta in mattinata, dopo aver firmato nella serata di martedì l’ordinanza. Tutto risolto? Non proprio. La bozza delle conclusioni del Consiglio Ue chiede di “non ostacolare in maniera sproporzionata la libertà di movimento” in Ue. Se ne parlerà al summit, insomma. Così come si parlerà di contrasto al Covid e di obbligo vaccinale, che a Roma alcuni partiti (dal Partito democratico a Forza Italia) sosterrebbero.

Ma la convinzione nel governo, sul Green pass come sulle regole per i viaggi, è aver indicato la strada: “Nessuno scontro", dice il ministro Luigi Di Maio, che con Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza: "Il nostro faro è la salute e non possiamo rischiare di chiudere dopo le feste”.

Spinta sui vaccini

Imporre il tampone, spiega Draghi, serve a proteggere gli italiani da Omicron, come già avviene per chi arriva dall’Inghilterra. Ma Roma continua a puntare tutto sui vaccini, che sono “essenziali” per “tenere aperta l’economia, le scuole, i luoghi della socialità“. “Chi non si è vaccinato lo faccia al più presto e fate subito la terza dose”, è l’appello del premier: serve ancora "massima cautela”, perciò si è prorogato lo stato d’emergenza. Finora, osserva, la ricetta ha funzionato: "I contagi sono in aumento in tutta Europa, con 57 casi al giorno ogni 100’000 abitanti, in Italia l’incidenza è la metà anche se in crescita”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved