Seattle Kraken
2
NAS Predators
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
2
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 0-2)
caso-eitan-richiesta-a-israele-l-estradizione-del-nonno-materno
archivio Keystone
Shmuel Peleg a Tel Aviv
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

LGBT, la Francia mette al bando le terapie di conversione

Quarant’anni dopo la depenalizzazione dell’omosessualità, vietate definitivamente le pratiche che pretendono di ‘guarire’ le persone LGBT
stati uniti
8 ore

I giudici di New York bocciano l’obbligo di mascherina a scuola

No della Corte Suprema dello Stato ma il governatore va avanti. Tasso di positività sceso dal 22 al 10%
stati uniti
8 ore

Biden insulta reporter di Fox

A microfono aperto dice: ‘Stupido figlio di p...’ Poi si scusa, ma ormai la sua popolarità è ai minimi termini
italia
8 ore

Quirinale: la sinistra boccia la terna del centrodestra

Seconda, prevedibile, fumata nera. Salvini e Meloni propongono Letizia Moratti, Marcello Pera e Carlo Nordio, ma Letta e Conte vogliono passare oltre
Estero
9 ore

Il Cremlino mette Navalny nella lista dei terroristi

La condanna dell’Europa: ‘Inaccettabile repressione delle voci critiche’
Estero
9 ore

Sale la tensione in Ucraina, manovre russe in Crimea

Usa e Ue delineano sanzioni dirette a Putin e piani sul gas. Venerdì il leader del Cremlino incontra Macron
Estero
9 ore

La Polonia avvia la costruzione del muro anti-migranti

Barriera di 186 chilometri al confine con la Bielorussia. Ong e opposizioni indignate
regno unito
10 ore

Boris Johnson, la polizia indaga sul Partygate

Premier sull‘orlo del baratro per le feste organizzate durante il lockdown, ma resiste: ’Non ho violato leggi’
Estero
17 ore

La Ue: basare le regole per i viaggi sulla persona, non su zone

Il Consiglio Ue ha adottato oggi la raccomandazione che chiede che chi possiede un certificato Covid valido non sia sottoposto a ulteriori restrizioni
26.11.2021 - 19:260
Aggiornamento : 22:57

Caso Eitan, richiesta a Israele l’estradizione del nonno materno

A domandarla è lo Stato italiano. Su Shmuel Peleg pende sempre un mandato di cattura internazionale per il sequestro del nipote lo scorso settembre

Da un lato, la richiesta di estradizione per Shmuel Peleg, il nonno materno di Eitan, su cui pende ancora un mandato di cattura internazionale per il sequestro del nipote portato a Tel Aviv l’11 settembre, che è stata inoltrata dalle autorità italiane a quelle israeliane, come riferito dal procuratore aggiunto di Pavia Mario Venditti. Dall’altro, l’arresto a Cipro del suo presunto complice, Gabriel Abutbul Alon, “soldato” dell’agenzia di contractor statunitense Blackwater.

Sono queste le novità sul fronte penale nella difficile e tragica vicenda con al centro il bimbo di sei anni conteso dai due rami familiari, dopo che è sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone del 23 maggio nella quale ha perso padre, madre, fratello e bisnonni. Mentre sul rientro in Italia del piccolo deve decidere la Corte Suprema israeliana, dopo due provvedimenti favorevoli alla zia paterna e tutrice legale Aya Biran, la Procura pavese attende l’esito delle procedure sui mandati d’arresto nei confronti dei due indagati. Poi, potrà chiudere l’inchiesta per sequestro di persona aggravato, sottrazione e trattenimento all’estero di minore e appropriazione del passaporto del bambino, reati contestati in concorso anche alla nonna materna Esther Cohen, e procedere con la richiesta di processo.

Per ora è stato eseguito solo il mandato a carico di Abutbul, il 50enne che era alla guida della macchina, noleggiata da Peleg, che portò il bimbo da Pavia, dove il nonno era andato a prenderlo a casa della zia per una delle visite autorizzate, fino a Lugano. Per il gip pavese Pasquale Villani, che ha firmato l’ordinanza (confermata dal Riesame per Peleg) di custodia in carcere nell’inchiesta della Squadra mobile, è “pressoché certa” anche la presenza dell’uomo sull’aereo privato che poi ha portato “l’ignaro Eitan” e il nonno fino in Israele. Come “il suo allontanamento, a bordo dello stesso velivolo, alla volta di Cipro”, dove Abutbul, cittadino israeliano, risiede.

È stato individuato in un albergo a Limassol seguendo le tracce del suo cellulare, dopo che aveva fatto di nuovo ritorno a Cipro il 30 ottobre. I prossimi passaggi, dopo la trasmissione degli atti alle autorità cipriote, sono l’udienza per la convalida dell’arresto e la successiva decisione dei giudici sulla richiesta di estradizione già inoltrata dall’Italia. Per la sua consegna la procedura potrebbe essere abbastanza rapida, a meno d’imprevisti, perché si tratta di un mandato d’arresto europeo. “I tempi dipenderanno dalla giustizia cipriota, però potremmo anche interrogarlo a Cipro, direttamente noi o tramite rogatoria”, ha spiegato Venditti.

Diversa, invece, la questione per quanto riguarda la posizione di Peleg. Come riferito in mattinata dal procuratore, alle autorità israeliane “è arrivata” la richiesta di estradizione da parte dell’Italia, dopo che la Procura generale di Milano ha trasmesso l’istanza e gli atti dell’ordinanza al ministero della Giustizia. Si tratta, però, di un mandato di arresto internazionale, non europeo, e da fonti giudiziarie si era già saputo che appare improbabile che venga eseguito l’arresto con conseguente via libera all’estradizione. Interlocuzioni, invece, sarebbero in corso sulla possibilità di processare il 58enne nel proprio Paese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved