morte-malcolm-x-scagionati-due-condannati-dopo-55-anni
Malcolm X, ucciso il 21 febbraio 1965 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
40 min

Attacco al campus di Heidelberg in Germania, diversi i feriti

Colpi d’arma da fuoco sparati nel campus universitario medico. Secondo la Dpa, l’autore dell’attacco è morto
Estero
1 ora

Cure alternative date per telefono, il paziente muore: arrestato

Il medico, noto no-vax già a rischio radiazione dall’Ordine dei Medici, consigliava intrugli a un paziente con gravi patologie invece che il ricovero
Estero
3 ore

Julian Assange può fare appello contro l’estradizione negli Usa

Lo ha annunciato l’Alta Corte di Londra. La disputa continuerà davanti alla più alta corte britannica
Estero
4 ore

Italia, si elegge il Presidente. Oggi la prima chiama ‘al buio’

Senza accordo fra i partiti, nella prima votazione che richiede i due terzi dei 1’008 votanti prevarranno le schede bianche. Si inizia alle 15
Estero
14 ore

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri.
Estero
16 ore

Covid-19, la fine della pandemia è plausibile dopo Omicron

Lo ha affermato il responsabile dell’Oms per l’Europa, che prevede un nuovo picco di contagi entro marzo.
Estero
18 ore

Italia, sul Colle manca l’intesa: primo voto in bianco

Attesa per i nomi del centrodestra, si rafforza l’ipotesi Riccardi candidato del centrosinistra
Estero
19 ore

Ucraina, il Foreign Office denuncia un complotto di Mosca

‘Piano su leader filo-russo’. Stati Uniti preoccupati dalle accuse mosse dalla Gran Bretagna. La Russia le bolla come ‘assurde’
Confine
20 ore

Allevatori del Porlezzese allarmati per i troppi cervi

Gli ungulati sono aumentati in maniera esponenziale e mettono in pericolo l’attività delle aziende agricole
stati uniti
17.11.2021 - 20:360

Morte Malcolm X: scagionati due condannati dopo 55 anni

Uno dei due è morto nel 2009, l’altro ha 83 anni: ‘Gravi errori compiuti al processo’

I loro nomi in codice in seno alla Nation of Islam erano Norman 3X Butler e Thomas 15X Johnson. Hanno passato gran parte della loro vita a cercare invano di dimostrare la propria innocenza, a urlare al mondo che loro con l’assassinio di Malcolm X non c’entravano nulla. Ora, a 55 anni dalla condanna, verranno definitivamente scagionati da quello che è uno degli episodi criminali più clamorosi e dolorosi della storia americana.

La decisione è stata presa dal procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance che, dopo un’indagine durata 22 mesi, ha ammesso “gravi errori” compiuti allora dagli inquirenti e dagli investigatori di Fbi e Dipartimento di polizia di New York che, durante il processo ai sospetti killer, avrebbero coperto una parte delle prove. Prove che avrebbero portato all’assoluzione di due degli imputati. Per questo Vance ha chiesto scusa alle famiglie di chi ingiustamente ha passato circa 20 anni della sua vita in cella per un omicidio che non ha mai commesso. E per un sistema giudiziario allora più che mai permeato da un sistematico razzismo.


Norman 3X Butler è ancora in vita, ha 83 anni (Keystone)

Si apre così la strada a una revisione dei fatti avvenuti quel maledetto 21 febbraio del 1965, quando tre uomini, tutti afroamericani, aprirono il fuoco contro Malcolm X che aveva appena preso la parola nella Adubon Ballroom di Harlem. Il leader di quel movimento antirazzista al cui interno si erano aperte delle faide spirò davanti a sua moglie incinta e a tre delle sue figlie. Aveva 39 anni.

La ricostruzione e i dubbi

I fatti come ricostruiti nel processo non hanno mai convinto, e nel corso degli anni sono stati contestati da diversi storici. Mille i dubbi e le perplessità che hanno sempre avvolto la vicenda. L’unico a dichiararsi colpevole fu Thomas Hagan, l’afroamericano che sparò i colpi mortali e scarcerato nel 2010. Lo stesso Hagan, non creduto, al processo sostenne come Norman 3X e Thomas 15X, che avevano già dei buoni alibi, non facevano parte della spedizione di morte.

Tra le rilevazioni dell’indagine del procuratore di Manhattan quella della presenza nella sala in cui Malcolm X fu assassinato di alcuni agenti sotto copertura. Sono spuntati poi documenti che dimostrano come gli investigatori quel giorno fossero al corrente dei concreti rischi corsi dal leader dei diritti civili, con una telefonata giunta ore prima a un giornale in cui si diceva che il leader dei diritti civili quel giorno sarebbe stato assassinato. Dunque, resta il mistero su come andarono davvero le cose e sul perché Malcolm X non fu adeguatamente protetto. Intanto delle due persone scagionate solo una può finalmente festeggiare: Norman 3X, uscito di prigione nel 1985, oggi ha 83 anni. Mentre Thomas 15X, dopo essere stato rilasciato nel 1987, è deceduto nel 2009.


Thomas 15X Johnson, scagionato dopo 55 anni (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved