ULTIME NOTIZIE Estero
Messico
7 ore

‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’

In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
9 ore

Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone

Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
9 ore

Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare

Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
10 ore

Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne

A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
11 ore

Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie

Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
11 ore

Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto

Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
11 ore

Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino

Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
14 ore

Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio

Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
01.11.2021 - 20:49

Nel mondo oltre 5 milioni le vittime del Covid

Secondo la John Hopkins University. L’Australia riapre i suoi confini

Ats, a cura de laRegione
nel-mondo-oltre-5-milioni-le-vittime-del-covid
Keystone

Salgono a 5 milioni le vittime del Covid nel mondo. Un dato che arriva in un momento di luci e ombre nell’andamento della pandemia, con la Grecia che registra un numero record di nuovi casi e l’Australia che riapre le sue frontiere dopo quasi due anni, mentre la Cina blinda il parco Disneyland a Shanghai per un solo contagio.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, che ormai da due anni tiene i conti della diffusione del coronavirus nel mondo, i morti sono 5.003.021 e i casi 246.889.661, con gli Stati Uniti tristi capofila sia per quanto riguarda le vittime (746.021), sia per quanto riguarda i contagi (45.979.056).

In Europa, l’allarme arriva dalla Grecia dove nelle ultime 24 ore ha registrato 5.449 positivi al Covid, un numero spaventoso se si considera che il Paese ha una popolazione di soli 11 milioni di abitanti. Il governo di Atene preme per un’accelerazione della campagna vaccinale, solo il 60,5% della popolazione ha ricevuto il siero contro il coronavirus, ma non si decide a imporre regole più rigide come l’obbligo della mascherina.

A causa di un solo nuovo contagio Disneyland Shanghai ha richiuso i battenti a tempo indeterminato per stroncare sul nascere un possibile nuovo focolaio del virus. Il parco ha proceduto allo screening del personale e dei visitatori con oltre 40.000 persone sottoposte al test del Covid.

In un video diffuso dai media ufficiali, si possono vedere dipendenti in tute protettive che testano i visitatori tra i fuochi d’artificio sopra l’iconico castello di Disneyland. Tutti i test sono risultati negativi, ma adulti e bambini che hanno visitato il parco negli ultimi giorni dovranno comunque astenersi dall’andare a scuola o al lavoro per almeno 48 ore e sottoporsi a ulteriori test.

Le autorità cinesi continuano a perseguire l’obiettivo zero contagi adottando misure severe a fronte di 92 nuovi casi rilevati sabato nel Paese, il numero più alto da settembre, anche in vista delle Olimpiadi invernali di Pechino del prossimo febbraio.

Buone notizie, invece, dall’Australia che dopo quasi due anni (600 giorni) ha riaperto i suoi confini. Sono diventate virali sul web le immagini strazianti di amici e parenti in lacrime che si abbracciavano all’aeroporto di Sidney, tra commozione e gioia.

Il 20 marzo 2020 il Paese aveva disposto una delle chiusure delle frontiere più rigide al mondo per proteggersi dalla pandemia di Covid-19. Decine di migliaia di australiani che vivono all’estero non sono potuti rientrare in patria per oltre un anno e mezzo con pochissime eccezioni, condizionate dall’obbligo di una costosa quarantena di 14 giorni in hotel.

Le due più grandi città del paese, Sydney e Melbourne, hanno deciso di allentare quelle misure e di consentire agli australiani completamente vaccinati di viaggiare senza obbligo di quarantena.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved