ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
3 ore

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
Estero
5 ore

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
Estero
5 ore

Brasile al voto: Lula si riprende la scena ma il Paese è diviso

Nonostante la campagna più polarizzata nella storia del colosso verde-oro, l‘ex sindacalista è convinto che sarà ’facile ristabilire pace e democrazia’
Confine
5 ore

La Lombardia vista come ‘capitale italiana della ’ndrangheta’

È quanto emerge dalla relazione dalla Direzione investigativa antimafia inoltrata in questi giorni al Parlamento
Confine
8 ore

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze
Estero
8 ore

Re Carlo non parteciperà alla conferenza sul clima

Nonostante negli anni passati vi abbia partecipato, quest’anno il sire non presenzierà all’incontro seguendo il consiglio della premier Truss
Italia
9 ore

Curato grazie a Maradona, nei guai per spaccio

Per l’ex bimbo di Acerra salvato (e curato in Svizzera) dal Pibe de Oro sono scattati gli arresti domiciliari e la revoca del reddito di cittadinanza
Iran
11 ore

Caso Mahsa Amini: da inizio proteste morte almeno 92 persone

L’Ong Iran Human Rights ha accusato le forze di sicurezza di aver ‘represso in modo sanguinario’ le rivolte
Italia
13 ore

L’Odissea degli ultimi: nel 2022 sono 1’400 i morti in mare

In quasi dieci anni, sono invece 25mila le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo
31.10.2021 - 16:56

G20: più vaccini ai paesi poveri

Il documento presentato dal Gruppo dei 20 punta anche a un tasso d’immunizzazione del 70% entro la metà del 2022

Ats, a cura de laRegione
g20-piu-vaccini-ai-paesi-poveri
Keystone

«Per contribuire ad avanzare verso gli obiettivi di vaccinare almeno il 40% della popolazione in tutti i paesi entro la fine del 2021 e il 70% entro la metà del 2022, prenderemo iniziative per contribuire ad aumentare la fornitura di vaccini e prodotti e strumenti medici essenziali nei paesi in via di sviluppo e rimuovere i relativi vincoli di approvvigionamento e finanziamento». Lo si legge nel documento finale del G20.

Il comunicato finale prevede poi che i leader delle 20 maggiori economie del mondo si impegneranno a sostenere gli sforzi per ridurre a 100 giorni il periodo necessario per sviluppare nuovi vaccini, farmaci e test in caso di nuove pandemie. «Sosterremo la scienza per abbreviare il ciclo per lo sviluppo di vaccini, terapie e diagnostica sicuri ed efficaci da 300 a 100 giorni».

I leader del G20 riuniti a Roma si sono pure impegnati a riavviare i viaggi internazionali «in modo sicuro e ordinato»: «a tal fine - si legge nella bozza della dichiarazione finale - prendendo in considerazione le politiche nazionali di salute pubblica, riconosciamo l’importanza di standard condivisi per garantire viaggi senza interruzioni, compresi i requisiti e i risultati dei test, i certificati di vaccinazione, l’interoperabilità e il riconoscimento reciproco delle applicazioni digitali, pur continuando a proteggere la salute pubblica e garantendo la privacy e protezione dei dati».

Migranti, donne e Wto

E ancora, nel documento si afferma che «l’impatto della pandemia ci ha messo di fronte a nuove sfide per quanto riguarda le migrazioni nelle nostre economie globalizzate. Ci impegniamo ad adottare misure per sostenere la piena inclusione dei migranti, compresi i lavoratori, e dei rifugiati, nello spirito della cooperazione internazionale e in linea con le politiche, la legislazione e le circostanze nazionali, garantendo il pieno rispetto dei loro diritti e libertà fondamentali indipendentemente dal loro status migratorio».

«Riconosciamo inoltre l’importanza di prevenire i flussi migratori irregolari e il traffico di migranti, come parte di un approccio globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare, rispondendo al contempo ai bisogni umanitari e alle cause profonde dello sfollamento».

Per quanto riguarda le donne, «riaffermiamo il nostro impegno per l’uguaglianza di genere e sottolineiamo il ruolo fondamentale dell’emancipazione e della leadership di donne e ragazze a tutti i livelli per uno sviluppo inclusivo e sostenibile».

«Ci impegniamo a mettere le donne e le ragazze, che sono state colpite in modo sproporzionato dalla pandemia, al centro dei nostri sforzi per andare avanti meglio», si legge ancora nella dichiarazione finale. «Ci impegniamo ad attuare la roadmap del G20 verso e oltre l’obiettivo di Brisbane e a migliorare rapidamente la qualità e la quantità dell’occupazione femminile, con particolare attenzione a mettere fine alla al gap salariale di genere».

Infine, «restiamo impegnati a lavorare attivamente e in modo costruttivo con tutti i membri della Wto per intraprendere la necessaria riforma dell’Organizzazione» mondiale del commercio, dichiarano ancora i leader del G20 nel comunicato finale del vertice, ribadendo l’impegno per un successo in tal senso della Conferenza ministeriale della Wto di fine novembre.

I 20 lavoreranno, in quell’occasione, «per migliorare la capacità del sistema commerciale multilaterale di aumentare la nostra preparazione e resilienza alla pandemia e alle catastrofi” e per “migliorare l’accesso tempestivo, equo e globale ai vaccini».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved