ULTIME NOTIZIE Estero
Gallery
Italia
38 min

Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi

Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
16 ore

Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati

Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
Canada
16 ore

Terrore all’atterraggio: aereo fuori pista, salvi i passeggeri

Un Boeing, proveniente da Vancouver, era appena arrivato all’aeroporto internazionale della regione canadese di Waterloo
Bielorussia
16 ore

Morto il ministro degli Esteri bielorusso: avvelenamento?

Sessantaquattro anni, aveva in programma un incontro con il suo omologo russo Serghei Lavrov: ‘Siamo scioccati’
Italia
16 ore

Selfie con estorsione: ‘Dacci 500 euro o ti picchiamo!’

Arrestati tre centurioni che fanno bella mostra di sé per i turisti nella capitale romana davanti al Colosseo
video
Italia
18 ore

Frana a Ischia: dispersi ed evacuati

Lo smottamento, provocato dalle intense piogge, ha invaso diverse case e travolto alcune auto in sosta, trascinandole fino al mare
Italia
18 ore

A Milano inaugurata la linea blu della metro che porta a Linate

Sarà un’apertura a tappe: al momento sono disponibili le prime sei stazioni che collegano l’aeroporto a piazzale Dateo
Italia
20 ore

Prendere di petto le elezioni: una pornostar per la Lombardia

Dopo Cicciolina a Roma e Sandy Balestra a Bellinzona si candida a governatrice meneghina Fortunata Ciaco al secolo Priscilla Salerno
Ucraina
22 ore

Mosca e le perdite in vite umane: oltre 86mila soldati uccisi

L’esercito russo ha perso anche caccia, elicotteri, droni senza contare le migliaia di carri armati, artiglieria, navi e missili abbattuti
eutanasia
1 gior

Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera

La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior

Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’

Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior

Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone

Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
12.10.2021 - 21:01

Un miliardo di aiuti Ue per l’Afghanistan

Primo effetto concreto del G20: denaro alle Ong sul posto e non ai talebani. Presto corridori umanitari per chi vuole fuggire.

Ansa, a cura de laRegione
un-miliardo-di-aiuti-ue-per-l-afghanistan
Una ragazza protesta con la bandiera afghana (Keystone)

“Un mandato alle Nazioni Unite per il coordinamento della risposta e per agire anche direttamente”. Al G20 straordinario sull’Afghanistan, presieduto dall’Italia, il premier Mario Draghi lancia quella che definisce “la prima risposta multilaterale alla crisi” scoppiata dopo la presa di Kabul da parte dei talebani.

Un impegno comune dei Grandi della terra, a partire dalla “consapevolezza che l’emergenza umanitaria è gravissima“, sottolinea il presidente del Consiglio. Una prima promessa concreta giunge dall’Ue, rappresentata al summit dai suoi vertici politici, Charles Michel e Ursula von der Leyen, con la messa in campo di un miliardo di euro di aiuti alla popolazione afghana. "Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare un grave collasso umanitario e socio-economico", e "dobbiamo farlo in fretta”, ha detto la presidente della Commissione. Lo stanziamento prevede altri 250 milioni di euro, oltre ai 300 milioni già impegnati, mentre il resto delle risorse verrà destinato ai Paesi vicini per affrontare l’emergenza migratoria. "Il popolo afghano non deve pagare il prezzo delle azioni dei talebani”, ha spiegato von der Leyen.

Aiuti diretti

L’obiettivo è far arrivare gli aiuti direttamente alla popolazione attraverso le Ong, evitando di passare dai talebani. Un impegno assicurato anche dal presidente Usa Joe Biden, che ribadisce anche la volontà di promuovere i diritti umani per tutti, a partire dalle categorie più fragili come donne e minoranze. Il vertice in videoconferenza - allargato a Paesi Bassi, Spagna, Singapore e Qatar, oltre che a diverse organizzazioni internazionali, tra cui Nazioni Unite, Banca mondiale e Fondo monetario internazionale - è stato “soddisfacente e fruttuoso“, ha detto Draghi, sottolineando la "convergenza di vedute sulla necessità di affrontare l’emergenza umanitaria", nonostante le defezioni dei presidenti di Cina e Russia, Xi Jinping e Vladimir Putin, che hanno delegato i loro ministri e rappresentanti regionali, mentre la prossima settimana a Mosca è fissato un summit sulla crisi cui sono invitati i talebani. "Che io sappia”, la loro assenza "non era dovuta a motivi particolari di politica estera”, ha commentato il premier, sottolineando tuttavia che sarà “essenziale che Russia e Cina partecipino al G20” in presenza a Roma il 30-31 ottobre.

Ma se sull’urgenza degli aiuti e della ripresa di “corridoi umanitari“ con il rigido inverno afghano alle porte sono tutti d’accordo, i nodi emergono sulle richieste al governo dei mullah. Il G20 dovrebbe agire “sulla base del rispetto della sovranità, dell’indipendenza e dell’integrità territoriale dell’Afghanistan” e non "imporre la propria ideologia agli altri”, ha avvertito il ministro degli Esteri di Pechino, Wang Yi, secondo cui i Paesi che ancora impongono sanzioni unilaterali "dovrebbero revocarle il prima possibile”.

Lotta al terrorismo

Altra questione aperta è la lotta al terrorismo, da affrontare, ha detto il premier, sradicando il traffico di stupefacenti come fonte di finanziamento, mentre ancora oggi è stato ucciso un attivista della società civile a Jalalabad, roccaforte dell’Isis-K. Al centro del vertice anche la tutela dei diritti, che nel documento finale di sintesi compare in cima alla lista dei principi condivisi. “È stato toccato da tutti il problema dei diritti delle donne, di garantire loro il diritto all’istruzione e di non tornare indietro di 20 anni", ha spiegato Draghi. "Affrontare la crisi umanitaria richiederà contatti con i talebani, ma questo - ha sottolineato ancora il premier - non significa un loro riconoscimento”.

Del resto, già oggi i rappresentanti di Ue e Usa hanno già tenuto nuovi colloqui diretti con i mullah a Doha. Altro tema in cima all’agenda è il rischio di un’ondata di profughi, su cui il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha avvertito che il suo Paese “non può permettersi un nuovo flusso di migranti”: se dovesse accadere, “ne sarebbero colpiti anche i Paesi europei”. Un appello al coordinamento che Draghi ha definito “interessante”, ma su cui non c’è ancora un accordo in seno al G20.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved