il-libano-ha-un-governo-dopo-13-mesi-di-vuoto
Key
Il futuro primo ministro Najib Miqati
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 min

Gran Bretagna, otto mesi per aver morso un poliziotto (cane)

Un 34enne ha aggredito un agente e addentato la testa del police dog che lo accompagnava. L’uomo ha dovuto rispondere di sei capi di imputazione
Estero
45 min

La Birmania apre a possibili negoziati con Aung San Suu Kyi

La giunta militare vuole porre fine alla crisi politica della nazione e apre alla ex leader, rovesciata e arrestata l’anno scorso con un colpo di Stato
la guerra in ucraina
1 ora

Putin dice sì agli ispettori Aiea, ma blocca ancora Nord Stream

Giornata tesa intorno a Zaporizhzhia, sbloccata dopo una telefonata con Macron: Kiev teme che i russi vogliano scollegare la centrale dalla rete ucraina
Estero
1 ora

Guerra in Ucraina: prima denuncia in Svizzera

Riguarda un fotoreporter ginevrino ferito al volto e all’avambraccio nella regione di Mykolaiv dai soldati russi
Estero
1 ora

Ergastolo per ‘George’, uno dei ’Beatles’ dell’Isis

El Shafee Elsheikh è uno dei quattro militanti membro di una cellula specializzata nella cattura, tortura e decapitazione di ostaggi occidentali in Siria
Confine
3 ore

Donna uccisa a Malnate, arrestato un conoscente

Un 60enne è stato arrestato per l’omicidio della 73enne trovata morta in casa sua a Malnate il 22 luglio
Stati Uniti
5 ore

Paramount continuerà a mettere in onda la Champions League

La società sborserà la bellezza di 1,5 miliardi di dollari per i prossimi sei anni per diffondere le partite oltre Atlantico
Estero
9 ore

Spagna: piloti di easyJet di nuovo in sciopero

Il secondo dei tre scioperi da 72 ore indetto da un sindacato di piloti della compagnia aerea si somma a quello di parte del personale di cabina Ryanair
10.09.2021 - 19:33

Il Libano ha un governo dopo 13 mesi di vuoto

Manca il sì, scontato, del Parlamento. Entreranno in carica 24 ministri fra cristiani e musulmani. Ma non c'è nessuna donna

Dopo 13 mesi di vuoto istituzionale, il Libano ha finalmente un nuovo governo. Anche se serve ancora il sì - scontato - del Parlamento, il nuovo esecutivo sarà presieduto da Najib Miqati, da quasi due mesi alle prese con una difficile mediazione tra i partiti politici per la spartizione delle poltrone ministeriali.

Miqati avrà lo scopo prioritario di negoziare con le istituzioni finanziarie internazionali l'accesso alle risorse per far uscire il Libano dalla peggiore crisi economica degli ultimi decenni. "Non formo un governo ma una squadra di lavoro al servizio dei libanesi", ha detto il neo premier, che ha incassato il modesto ottimismo del mercato valutario (la lira locale ha guadagnato qualche punto rispetto al dollaro) e il tiepido appoggio dell'Alto rappresentante Ue per la politica estera Josep Borrell: "Ora è fondamentale affrontare le attuali crisi economiche, finanziarie e sociali, attuare le riforme attese da tempo e prepararsi alle elezioni del 2022".

Il nuovo esecutivo è formato da 24 ministri, ripartiti tra personalità cristiane e musulmane. Ma non ha nessuna donna tra le sue file. Una circostanza che ha suscitato dure reazioni da parte di attivisti della società civile libanese, indignati per quella che hanno definito "la talebanizzazione delle istituzioni" del paese.

Il governo è diviso in tre blocchi politici tra loro alleati: uno controllato dagli Hezbollah sciiti e filo-iraniani e che hanno in mano, tra l'altro, i dicasteri chiave delle Finanze e dei Lavori pubblici; un blocco espressione del potere del presidente cristiano maronita Michel Aoun, stretto alleato di Hezbollah e vicino al regime siriano e che controlla altri ministeri sensibili come Energia, Difesa, Giustizia; un terzo del premier Miqati e del leader druso Walid Jumblatt e che si è assicurato, oltre alla presidenza del Consiglio, anche i ministeri dell'Economia e degli Interni.

Miqati, 66 anni, originario di Tripoli nel nord del Paese, è stato già due volte premier negli anni passati: dal 2004 al 2005 e dal 2011 al 2014. Ed è indicato come uno degli uomini più ricchi di tutto il Medio Oriente. Il premier vanta ottime relazioni con il presidente siriano Bashar al Assad.

Negli ultimi due anni Miqati è stato più volte accusato di atti di corruzione e clientelismo, ed è uno dei leader politici libanesi fortemente contestati dal movimento di protesta scoppiato nell'autunno del 2019 in corrispondenza del palesarsi della crisi economica.

Proprio i leader del movimento di contestazione ribadiscono nei media indipendenti e sui social che "la nascita del governo Miqati non è un segnale di cambiamento né di riforme", ma è il frutto del "consolidato meccanismo clientelare di spartizione delle risorse di un "paese fallito".
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
governo libano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved