l-universita-di-shanghai-ordina-di-schedare-gli-studenti-gay
Keystone
Stretta omofoba?
ULTIME NOTIZIE Estero
Spagna
6 ore

Incendio in una casa di riposo, sei morti

Undici le persone ricoverate per intossicazione. Il rogo potrebbe essere stato causato da un cortocircuito all’interno delle apparecchiature mediche
italia
17 ore

Quirinale: scende Berlusconi, sale Draghi

Si complica la strada per il Cavaliere, che non avrebbe abbastanza numeri. Salvini pronto a proporre un’alternativa.
italia
17 ore

Beppe Grillo indagato: ‘Soldi per favorire Moby’

‘Girò istanze del proprietario Onorato a parlamentari’. La Guardia di Finanza anche alla Casaleggio associati, altra testa del Movimento 5 Stelle
Estero
17 ore

Breivik chiede la libertà condizionale e fa il saluto nazista

L’attentatore norvegese uccise 77 persone. La richiesta a poco più di dieci anni dalla strage di Utoya
australia
19 ore

Park Hotel, il limbo dove i profughi sprecano le loro vite

Numeri e storie dall’albergo che ha ospitato Djokovic, uno dei centri di detenzione dove i richiedenti asilo restano ad attendere la libertà per anni
Estero
19 ore

L’Oms: la pandemia non è finita, probabili nuove varianti

Il direttore generale: ‘Omicron può essere in media meno grave ma la narrativa che si tratti di una malattia lieve è fuorviante’
Germania
1 gior

Covid-19, nuovo picco di incidenza in Germania

In 24 ore registrate 74’405 nuove infezioni. E i dati reali potrebbero essere ancora più elevati: i laboratori di analisi sono al limite
Europa
1 gior

È Roberta Metsola la nuova presidente del Parlamento europeo

L’eurodeputata maltese è stata eletta al primo turno con 458 preferenze (su un totale di 690 votanti)
29.08.2021 - 18:430

L’Università di Shanghai ordina di schedare gli studenti gay

Inchiesta esclusiva del ‘Guardian’. James Palmer (Foreign Policy): dimostra il bisogno del sistema di monitorare e schedare, specialmente attivisti potenziali.

a cura de laRegione

Roma – L'Università di Shanghai, uno dei più grandi e prestigiosi atenei della Cina, avrebbe inviato direttive ai suoi college chiedendo di schedare gli omosessuali o comunque coloro che si identifichino come Lgbtq+, e - fatto ancora più inquietante - di riferire sullo "stato mentale" di ogni studente, inclusi "posizioni politiche, contatti sociali e salute mentale". Lo scrive il Guardian in un'inchiesta esclusiva, citando un 'Campus Survey', cioè una sorta di censimento dell'università, intercettato sui social da attivisti e studenti, che si propone di identificare "requisiti rilevanti" della popolazione studentesca.

Il Guardian scrive di non essere riuscito a contattare per una conferma o un commento l'ufficio comunicazioni dell'università di Shanghai. Ma foto delle parti salienti del documento incriminato circolano su Weibo - il principale social di microblogging cinese -, rimbalzando poi anche sui social occidentali. Nel frattempo lo stesso post originario con il documento, scrive il giornale britannico, è stato cancellato. Ma su Weibo il dibattito è entrato nel vivo e alcuni esperti si chiedono se questa direttiva inquisitoria non sia in contraddizione con la stringente legge varata ed entrata di recente in vigore in Cina a tutela della privacy.

Stretta del regime sulle minoranze sessuali

Sul 'Twitter cinese' molti esprimono preoccupazione per quella che viene percepita come una crescente stretta del regime cinese sulle minoranze sessuali, come su quelle etniche e su qualunque entità possa esprimere dissenso. Secondo James Palmer, vicedirettore della rivista Foreign Policy, "più che di persecuzione omofoba, si tratterebbe del bisogno del sistema di monitorare e schedare, specialmente attivisti potenziali".

Sia come sia, nel 2017 Weibo soppresse le voci attive di militanti femministe e negli ultimi mesi sono cresciuti di intensità gli episodi di bullismo di stampo nazionalistico sui social contro militanti femministe o Lgbtq+. Episodi, questi, che una recente inchiesta di un istituto di Taiwan, i Doublethink Labs, riportata lo scorso maggio dal Guardian, riteneva fossero amplificati e moltiplicati da "soggetti controllati dallo stato".

Che questi episodi siano veri o meno, il Guardian denota come "la comunità Lgbtq+ sia stata progressivamente messa ai margini negli ultimi anni". E così anche lo Shanghai Pride, l'unica manifestazione pubblica concessa finora alle minoranze sessuali in Cina, ha annunciato la chiusura lo scorso anno, complice anche il Covid. Gli organizzatori della marcia di Shanghai sui social hanno espresso tristezza per "la fine dell'arcobaleno": "È stata una grande esperienza durata 12 anni e siamo orgogliosi di aver fatto questo viaggio e di aver contribuito a sensibilizzare e a promuovere la diversità per la comunità Lgbtq+".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved