PHI Flyers
2
NY Islanders
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
1. tempo
(1-5)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
la-miniera-d-oro-dei-green-pass-falsi
Un controllo al Festival di Montreux (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
italia
5 ore

Quirinale: scende Berlusconi, sale Draghi

Si complica la strada per il Cavaliere, che non avrebbe abbastanza numeri. Salvini pronto a proporre un’alternativa.
italia
5 ore

Beppe Grillo indagato: ‘Soldi per favorire Moby’

‘Girò istanze del proprietario Onorato a parlamentari’. La Guardia di Finanza anche alla Casaleggio associati, altra testa del Movimento 5 Stelle
Estero
5 ore

Breivik chiede la libertà condizionale e fa il saluto nazista

L’attentatore norvegese uccise 77 persone. La richiesta a poco più di dieci anni dalla strage di Utoya
australia
7 ore

Park Hotel, il limbo dove i profughi sprecano le loro vite

Numeri e storie dall’albergo che ha ospitato Djokovic, uno dei centri di detenzione dove i richiedenti asilo restano ad attendere la libertà per anni
Estero
7 ore

L’Oms: la pandemia non è finita, probabili nuove varianti

Il direttore generale: ‘Omicron può essere in media meno grave ma la narrativa che si tratti di una malattia lieve è fuorviante’
Germania
14 ore

Covid-19, nuovo picco di incidenza in Germania

In 24 ore registrate 74’405 nuove infezioni. E i dati reali potrebbero essere ancora più elevati: i laboratori di analisi sono al limite
Europa
15 ore

È Roberta Metsola la nuova presidente del Parlamento europeo

L’eurodeputata maltese è stata eletta al primo turno con 458 preferenze (su un totale di 690 votanti)
Confine
16 ore

Trasporto pubblico, chieste le dimissioni dell’assessore

I comitati pendolari della Lombardia scrivono al presidente Attilio Fontana e denunciano il decadimento del trasporto, in particolare quello su ferro
Emirati Arabi Uniti
17 ore

Oltre dieci milioni di visite per Expo Dubai

Il traguardo è stato superato lo scorso weekend. E online i contatti sono già oltre 65 milioni. ‘È un risultato eccezionale’
Oceano Pacifico
18 ore

Tonga, la cenere sull’aeroporto ritarda gli aiuti

Si lavora per liberare la pista coperta dall’eruzione del vulcano. Salgono a tre le vittime finora confermate
Estero
1 gior

I Paperoni del mondo due volte più ricchi

Raddoppiati i patrimoni mentre aumenta la povertà nel mondo. Per Jeff Bezos (Amazon) 81,5 miliardi di dollari in più
francia
1 gior

Zemmour condannato per incitamento all’odio

Diecimila euro di multa per alcune sue frasi razziste, Ma il leader dell’estrema destra continua la sua campagna elettorale
Estero
1 gior

Crollano le nascite in Cina, mai così poche da 70 anni

Crollate per il quinto anno di fila, scivolando nel 2021 ai minimi dalla fondazione della Repubblica popolare nel 1949
medio oriente
1 gior

Gli Huthi attaccano coi droni il petrolio degli Emirati

Raid ad Abu Dhabi degli insorti yemeniti filo-iraniani. Riad condanna
Estero
1 gior

Morta Elena Curti, l’ultima figlia di Mussolini

Aveva quasi 100 anni. Scrisse un libro di memorie e fu testimone della cattura di Dongo
africa
1 gior

Proteste contro i militari, ancora sangue in Sudan

Altri sette morti e almeno cento feriti in manifestazioni antigolpe
 
11.08.2021 - 05:100
Aggiornamento : 07:30

La miniera d’oro dei green pass falsi

Chi si rivolge a sedicenti esperti via web ci rimette non solo molti soldi in cambio di nulla, ma anche la cosa più preziosa che abbiamo: la privacy

Il “lasciapassare verde” è al centro dell’attenzione. Non averlo è senza dubbio un ostacolo alla mobilità personale, ma ancor prima è indicatore di un atteggiamento ostile verso la campagna vaccinale o – quanto meno – del rifiuto di rispettare le regole elementari per la convivenza e la socialità in un momento difficile come quello che stiamo vivendo.

Tralasciando i problemi burocratici e le attese per il proprio turno a porgere il braccio per l’inoculazione del farmaco, la questione del “green pass” ha creato accese polemiche e più tranquille discussioni ma al contempo ha fornito opportunità davvero ghiotte per le organizzazioni criminali che hanno intravisto nei “no-vax” e degli aspiranti “finti-vax” un mercato estremamente proficuo.

Documento fondamentale

La certificazione che attesta l’avvenuta somministrazione di almeno una dose di vaccino (con indicazione puntuale della struttura sanitaria, della data e del lotto di appartenenza della fiala) abbinata all’esibizione di un documento di identità (indispensabile per dar luogo al necessario abbinamento tra “pass” e “persona”) rappresenta il sistema più efficace per limitare gli accessi fisici negli ambienti chiusi o nei contesti di naturale assembramento.

Nonostante la logicità dell’iniziativa, gli evidenti aspetti di carattere funzionale e il ruolo preventivo di certe soluzioni, il coro dei “no” ha rapidamente fatto sentire la sua voce. Non è mancato chi ha sventolato i vessilli dei diritti costituzionali e chi ha issato la bandiera delle privacy: persino in mezzo alla popolazione “vaccinata” si sono palesati i soggetti in disaccordo sui controlli. Ironia della sorte, nemici giurati del vaccino hanno ritenuto interessante l’opportunità di entrare in possesso di un “green pass” fasullo, ovvero dell’attestazione tarocca per inoculazioni in realtà mai avvenute.


Il certificato Covid della Confederazione (Keystone)

I pifferai magici

Un mucchio di babbei si sono fatti ammaliare dalle suadenti note di moderni “pifferai magici”: la delicata melodia dei malfattori ha richiamato l’attenzione di chi – ben lontano dalle fatidiche iniezioni – sperava di poter comprare qualcosa che il Servizio Sanitario metteva gratuitamente a disposizione dei cittadini che facevano richiesta e si prenotavano per questo o quel siero.

Difficile complimentarsi con i criminali che speculano sulla cretinaggine della loro “clientela”, ma è lecito sorridere di quel che tocca in sorte a chi si crede furbo e cade in trappole incredibilmente evidenti. I tonti vengono “puniti” automaticamente perché i costosi documenti cartacei e digitali che comprano online sono inutili e riconoscibili immediatamente.

Cosa sta accadendo? Su siti Internet, nel deep web, all’interno delle dark-net o attraverso canali Telegram e gruppi di vario genere sulle piattaforme di messaggistica istantanea si assiste a un vero e proprio mercato di “contrabbando” di “green pass” farlocchi e di totale inutilità. Per la gioia dei truffatori sono davvero tanti quelli che abboccano e che, ancora contenti di essersi fatti bidonare, provvedono a pubblicizzare la “magica” possibilità con un serrato passaparola.

Chi si fa fregare riceve un file pdf pronto a essere stampato oppure una immagine da esibire sul telefonino in caso di controllo. Peccato che il QR-code non funzioni, anche se apparentemente conduce a una pagina web contenente i dati dell’interessato e le informazioni vaccinali di mera fantasia. Se il controllore con il proprio smartphone inquadra il codice grafico QR ci impiega un istante a capire che la pagina web che viene visualizzata non è quella dell’ente pubblico competente a certificare l’avvenuta vaccinazione.

Le decine o addirittura le centinaia di euro spese finiscono solo per arricchire indebitamente i truffatori che – in realtà – ai malcapitati non rubano soltanto i soldi.

Il nodo criptovalute

In questa brutta storia, infatti, spicca lo scippo dei dati personali di chi si è fatto raggirare. Chi viene gabbato – oltre a mettere mano al portafogli (venendo pure costretto a trovare i bitcoin o altre criptovalute) deve compilare schede e moduli. Quei modelli consentono alle organizzazioni criminali di recuperare una moltitudine di informazioni sul conto del “furbetto” che chiedeva il falso “green pass”. Nomi, cognomi, indirizzi di casa e di posta elettronica, date e luoghi di nascita, identificativi sanitari e codici fiscali, numeri di telefono e così a seguire: il bottino dei briganti telematici può persino includere dati sanitari se qualcuno ha riempito anche gli spazi in cui si domandavano precisazioni sulle condizioni di salute.

Questi archivi elettronici sono molto interessanti per le aziende farmaceutiche, per l’ospedalità privata, per i laboratori di analisi cliniche, per le compagnie assicuratrici che stipulano polizze sanitarie o sulla vita, per gli istituti di credito che erogano prestiti o mutui pluriennali: la redazione della scheda proposta dai banditi via internet diventa una specie di confessione che può far comodo a una vasta gamma di soggetti.

Sono proprio i dati personali il petrolio del terzo millennio e non sempre le persone hanno coscienza del loro valore. In questo caso, poi, finiscono subito nelle mani sbagliate perché chi li raccoglie se ne servirà senza nessuno scrupolo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved