in-iran-inizia-l-era-del-falco-raisi
Raisi alla conferenza stampa di insediamento (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
6 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
6 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
10 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
11 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
11 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
12 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
12 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
13 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
1 gior

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
03.08.2021 - 19:01

In Iran inizia l'era del "falco" Raisi

Sfide enormi per il conservatore vicino a Khamenei, dal Covid al nucleare. L'Ue alla cerimonia, ira di Israele

Ansa, a cura de laRegione

In Iran inizia l'era del 'falco' Ebrahim Raisi: il neo presidente ultraconservatore si è insediato alla presidenza dopo aver ricevuto l'approvazione della Guida Suprema iraniana Ali Khamenei - di cui è stretto alleato - nel corso di una cerimonia a Teheran e trasmessa in diretta dalla tv di Stato.

Il discorso

Nel suo discorso il vincitore delle ultime elezioni, segnate da un astensionismo che ha superato il 50%, ha criticato l'attuale situazione in Iran, sottolineando che "i problemi nel Paese sono dovuti da una parte ad ostilità da parte di nemici e dall'altra da questioni interne, che hanno minato la fiducia della popolazione nel sistema". Gli ha fatto eco Khamenei: "I nemici hanno condotto una guerra di propaganda contro l'Iran attraverso i media e una guerra soft, specialmente negli ultimi anni nel campo della sicurezza e dell'economia", ha detto, parlando alla cerimonia.

"Non faremo affidamento sugli stranieri", ha quindi sottolineato Raisi puntando il dito contro la precedente amministrazione del moderato Hassan Rohani per i problemi economici che affliggono il Paese. "Da oggi, la mia amministrazione seguirà un programma urgente e a breve termine per rimuovere i dieci problemi più importanti, compresi quelli relativi alla carenza di budget, investimenti, inflazione, diffusione del coronavirus, carenza di acqua ed elettricità". Il suo mandato dura quattro anni, ma le sfide immediate che lo attendono sono enormi, al di là dell'economia asfissiata dalle sanzioni: prima fra tutte la gestione della pandemia (il numero giornaliero di casi ha toccato oggi un nuovo record, superando i 39.000).

Il nucleare

Ma anche il futuro dell'accordo sul nucleare, finito su un binario morto dopo il ritiro degli Usa, voluto dall'ex presidente Donald Trump, cui è legato il possibile allentamento delle sanzioni. Un capitolo su cui però almeno ufficialmente la linea di Teheran - via le sanzioni senza alcuna rinegoziazione - non dovrebbe cambiare. E Raisi, 60 anni, già capo della Corte suprema iraniana, considerato il responsabile di eccidi di oppositori alla fine degli anni '80, assume la guida del Paese in un momento in cui Teheran è nuovamente nell'occhio del ciclone. L'Iran è infatti accusato da Usa, Gb e Israele di essere dietro l'attacco alla petroliera Mercer Street, in cui sono morte due persone, un cittadino britannico e un romeno.


Protesta anti-Raisi di cittadini iraniani a Washington (Keystone)

Le reazioni

L'Unione Europea ha condannato l'attacco, prendendo atto delle accuse dei tre paesi, ma si è limitata a chiedere chiarezza sulle circostanze. E la decisione Bruxelles di inviare il vice segretario generale del Servizio europeo per l'azione esterna Enrique Mora (coordinatore Ue ai colloqui sul nucleare, argomento che potrebbe essere toccato al margine dell'insediamento) alla cerimonia di insediamento di Raisi, è stata duramente attaccata da Israele.

Una scelta che "lascia interdetti e dimostra una scarsa capacità di giudizio", ha affermato il ministero degli esteri israeliano in un comunicato in cui fa appello ai dirigenti europei di "annullare la loro vergognosa partecipazione alla cerimonia del 'macellaio di Teheran' ". Nel comunicato Israele rileva che quell'evento si svolge "pochi giorni dopo che l'Iran ha ucciso due civili, uno dei quali membro di un Paese della Ue, in un attacco terroristico lanciato contro una nave civile. Il nuovo presidente dell'Iran - prosegue il comunicato israeliano - ha le mani intrise di sangue di migliaia di cittadini iraniani...adulazione e servilismo verso regimi violenti e totalitari servono solo a incoraggiare nuove violenze e aggressioni".

A rincarare la dose con toni minacciosi è sceso in campo anche il premier Naftali Bennett: "L'Iran - ha detto - sa bene che prezzo paga chi minaccia la nostra sicurezza. Gli iraniani sappiano che non possono restare seduti tranquilli a Teheran e da là appiccare il fuoco al Medio Oriente. Ciò è finito".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ali khamenei iran israele nucleare raisi teheran
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved