il-cardinal-becciu-uno-spregiudicato-a-processo
Il cardinale Angelo Becciu (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Salman Rushdie è sulla via della guarigione

Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
8 ore

Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida

Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
8 ore

Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila

Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
8 ore

Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’

Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
9 ore

In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss

Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
10 ore

Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya

Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
11 ore

Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino

La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
13 ore

Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos

Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
Estero
14 ore

Salman Rushdie staccato dal respiratore e riesce a parlare

Lo scrittore era stato colpito venerdi a New York con dieci coltellate ed era in condizioni gravi
Italia
16 ore

Milano capitale d’Italla delle multe: 102 milioni di incassi

A Napoli soli 27mila euro dagli autovelox. Il record a Melpignano: 5 milioni di incassi (2’300 a cittadino, se rapportato al numero di abitanti)
Stati Uniti
1 gior

A Trump di dimostrare che i documenti erano declassificati

Spetta all’ex presidente degli Stati Uniti provare che il materiale ‘top secret’ requisiti dall’Fbi erano tutti desecretati
Francia
1 gior

Campionessa di sci alpinismo muore sul Monte Bianco

Adèle Milloz e un’altra alpinista forse tradite dal distacco di una frana. L’incidente si è verificato sul versante dell’Aiguille du Pigne
Stati Uniti
1 gior

Spinto dalla perquisizione a Trump l’uomo abbattuto dall’Fbi

La polizia lo aveva abbattuto mentre cercava di fare irruzione, armato di fucile, nella sede degli investigatori
Stati Uniti
1 gior

Auto si schianta contro un pub: almeno 14 feriti

L’incidente è avvenuto ad Arlington, in Virginia. Dopo l’impatto, nel locale si è sprigionato un incendio
Italia
1 gior

Furto nella casa dei suoceri di Domenico Berardi

Ignoti sono penetrati nell’abitazione dei genitori della moglie del calciatore del Sassuolo e della nazionale azzurra
Ungheria
1 gior

Gazprom apre i rubinetti verso l’Ungheria

Flusso aumentato in agosto di 2,6 milioni di metri cubi al giorno. Colloqui in corso per ulteriori incrementi per settembre
Italia
1 gior

Riparbella, una festa di compleanno finisce in dramma

Un turista tedesco 54enne cade da un muro e precipita in una scarpata in un’area rurale, morendo
Lituania
1 gior

Anche la Lituania medita possibili limitazioni ai visti russi

Dopo l’analoga decisione dell’Estonia (dove le regole cambieranno a partire dal 18 agosto), anche Vilnius sta valutando un inasprimento
28.07.2021 - 05:30

Il cardinal Becciu, uno «spregiudicato» a processo

Il decano dei vaticanisti Svidercoschi: «Certe mosse di Francesco fanno venire in mente il Papa sovrano. La Chiesa deve riformare il modo in cui comunica»

L’aula di tribunale nemmeno c’era, perché processi così la Chiesa cattolica non ne faceva più. L’hanno allestita in una sala dei Musei Vaticani. Gli imputati sono dieci, tra cui spicca il cardinale Angelo Becciu, ex Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi ed ex Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato. Mai prima d’ora, almeno in epoca moderna, un cardinale era comparso a processo se non davanti ad altri cardinali. Gli altri nove imputati sono prelati, funzionari della Santa Sede e manager esterni. 

Il motivo è la gestione dei fondi della Segreteria di Stato vaticana, un buco nero aperto dalle indagini sull'acquisto dell’ex palazzo dei grandi magazzini Harrods in Sloane Avenue, a Londra, e allargatosi anche ad altre vicende. La lista di reati va dal peculato all'appropriazione indebita, dalla corruzione all'estorsione. Becciu stesso è accusato di peculato, abuso d’ufficio e subornazione, cioè l’offerta di denaro a un testimone per manipolarne la deposizione. Secondo l’accusa gli investimenti sospetti sarebbero stati coperti da Becciu utilizzando denaro proveniente dall’Obolo di San Pietro, l’insieme di donazioni che i fedeli affidano al Papa affinché vengano redistribuite in opere di carità. Ad attivare un processo del tribunale ordinario era stato, il 30 aprile scorso, Papa Francesco, che - con un Motu Proprio - ha stabilito che cardinali e vescovi possono essere processati da giudici laici previo assenso del pontefice.

Senza mezze misure, Gian Franco Svidercoschi - decano dei vaticanisti, presente come giornalista Ansa al Concilio Vaticano II ed ex vicedirettore dell’Osservatore Romano - parla di «ritorno del sovrano». «Giovanni Paolo I rinunciò alla mitra e alla tiara, Benedetto XVI riportò i simboli, Francesco organizza i processi». Il Papa Re, si diceva un volta. Associare quest’immagine a quella pop di Bergoglio pare una forzatura, ma Svidercoschi è convinto che sia Francesco, sia Benedetto XVI si siano trovati - non per caso - in situazioni simili, in cui per farsi capire era necessario prendere decisioni forti seppur partendo da impostazioni molto diverse. Progressista il primo, conservatore il secondo.


Papa Francesco (Keystone)

«Ratzinger fece di tutto per avvicinarsi ai Lefebvriani, ritirando anche la scomunica a quattro di loro. Poi alcune dichiarazioni incaute e inaccettabili di Richard Williamson, lefebvriano e negazionista dell’Olocausto, fecero inevitabilmente saltare il lavoro di cucitura del Papa». Lo strappo risaliva al Concilio Vaticano II, «che riformò la liturgia, ma non abbandonò mai del tutto il latino. Il vero errore fu non lasciare convivere i due riti», ricorda Svidercoschi, per cui anche l’ultima recente lettera di Papa Francesco sulla liturgia pre e post-conciliare è un messaggio interno ed esterno forte, ma comunque drammatico, che mostra crepe dentro la Chiesa e un’avventatezza nei modi che non dovrebbe appartenere alle stanze vaticane. «Francesco ha detto quel che ha detto in modo stonato. E le conseguenze di questa comunicazione le paghi. Ci sono sempre più sbattezzati, in Germania ci sono 200 mila fedeli in meno, alcuni magari non si dichiarano tali per pagare meno tasse, ma il problema resta».

Per Svidercoschi c’è «un problema enorme di comunicazione esterna, che risale dai tempi di Giovanni Paolo II ed è andato peggiorando. Ma anche un problema, soprattutto tra chi gestisce le ricchezze della Chiesa, di spregiudicatezza, in cui il fine giustifica i mezzi». Di quest’ultima cosa ne parlava, «già nel 1933 Pio XI con Domenico Tardini, colui che di lì a poco diventerà Segretario di Stato: parlano di speculazioni, si chiedono come gestire il denaro, dove investire, quanto sia giusto inseguirlo». «Negli anni, con l’aumento delle spese, questa situazione è sfuggita di mano». A questo proposito Svidercoschi ricorda un dialogo che ebbe a inizio anni Ottanta con monsignor Marcinkus, il presidente dello Ior noto anche per la frase “La Chiesa non si governa a suon di avemarie”. Marcinkus sosteneva che per avere il denaro da mandare nelle zone povere del mondo qualche compromesso andava pur fatto, Svidercoschi ribatté “lei sa che tra gli investimenti del Vaticano ci sono una fabbrica di cannoni e una di preservativi?”. Insomma, dove si trova la fine per cui il fine giustifica i mezzi?

Qui entra in ballo l’operato di Becciu, ora a processo, che «faceva indubbiamente affari spregiudicati, ma è illogico pensare che lo facesse all’oscuro di tutti. Qualcuno avrà pur dovuto avallare certe decisioni, sennò vuol dire che la struttura, che sembra molto rigida, è fuori controllo». Per Svidercoschi è tuttavia chiaro che le cose in qualche modo sono sfuggite di mano a Becciu: «Se vuoi fare in modo che il Vaticano risparmi sugli infissi in Africa può andare bene, se però gli infissi li fai fare da tuo fratello è ovvio che stai superando un limite, soprattutto se rappresenti la Chiesa».


La copertina delle Bild il giorno dell'elezione di Ratzinger (Keystone)

E così Francesco fa affondare Becciu «come affondò il cardinale Pell, accusato di pedofilia dai conservatori che non lo sopportavano. Pell uscì pulito dall’inchiesta, ma il Papa non lo rimise comunque dov’era. Bergoglio ha difficoltà a tenere la barra dritta, perché deve dare segnali inequivocabili sia ai conservatori sia a chi è più progressista di lui, su temi in cui ha fatto aperture inattese, ad esempio sugli omosessuali». Anche per questo Svidercoschi, davanti a un Francesco che appare «sempre più vecchio e stanco», pensa che «purtroppo, dopo di lui arriverà un moderato. Certo, in conclave ormai la maggioranza dei partecipanti deve qualcosa a Bergoglio, ma la fedeltà un volta al voto conta fino a un certo punto. Probabilmente tornerà un papa italiano, meno sussultorio e più attento agli equilibri interni. E non è detto che per la Chiesa sia un bene».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
angelo becciu benedetto xvi chiesa papa francesco processo vaticano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved