londra-ci-ripensa-accordo-sull-ulster-da-riscrivere
Sale la temperatura per le strade di Belfast (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
16 min

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
38 min

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
58 min

Un carro attrezzi per rimuovere... solo le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
LIVE

L’Ucraina teme attacchi da parte della Bielorussia

Sui soldati del battaglione Azov il negoziatore russo chiarisce: ‘Nessuno scambio con l’oligarca Medvedchuk’. Segui il live de laRegione
Estero
1 ora

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
2 ore

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
Estero
5 ore

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
Estero
5 ore

Cina e politica ‘zero covid’: l’atout è diventato un handicap

I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.
Estero
5 ore

Ragni consegnati per posta: un mercato senza controllo

L’interesse per gli aracnidi è aumentato durante la pandemia. A causa del commercio illegale molte specie sono a rischio estinzione.
21.07.2021 - 20:18

Londra ci ripensa: accordo sull’Ulster da riscrivere

Bruxelles risponde picche, ma nel Regno Unito cresce la preoccupazione per la situazione, potenzialmente esplosiva, in Irlanda del Nord

Ansa, a cura de laRegione

La postura politica e il tono sono quelli di chi è disposto ad andare allo scontro: Londra batte di nuovo i pugni sul tavolo e cambia idea sull'Irlanda del Nord, chiedendo a Bruxelles di fatto che si riveda l'intesa. Quel protocollo risultato cruciale per l'accordo sulla Brexit, sofferto, limato a più riprese, che il primo ministro britannico Boris Johnson aveva finalmente sottoscritto nel 2019 ma che a due anni di distanza resta evidentemente troppo controverso, e soprattutto insufficiente a garantire stabilità dato "il persistente febbrile clima politico" nell'area, che secondo Londra non consente di "poter andare avanti così".

Le parole sono del sottosegretario britannico con delega alla Brexit, David Frost: le ha scandite alla Camera dei Lord. E si traducono nell'intenzione di chiedere all'Ue una moratoria sull'applicazione delle disposizioni doganali post Brexit per l'Irlanda del Nord in modo da negoziare "cambiamenti importanti" nelle misure all'origine di gravi tensioni nella provincia britannica. "Pensiamo che ci dobbiamo mettere d'accordo rapidamente su una moratoria", ha detto Frost ai Lord senza troppi giri di parole.


Caso Brexit senza fine (Keystone)

Il "no" dell'Europa

La replica di Bruxelles è arrivata a stretto giro, con un 'niet' via comunicato, che non fa prevedere nulla di buono per i rapporti fra le due sponde della Manica che sembravano finalmente rasserenate dopo l'altalena del negoziato. In sostanza: il protocollo non si tocca, "ma siamo pronti a cercare soluzioni creative". L'onere di rispondere a Frost è toccato al vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic: "Prendiamo atto della dichiarazione resa oggi da Lord Frost. Continueremo a impegnarci con il Regno Unito, anche sui suggerimenti avanzati oggi", ha fatto sapere, "siamo pronti a continuare a cercare soluzioni creative, nell'ambito del Protocollo, nell'interesse di tutte le comunità dell'Irlanda del Nord. Tuttavia, non accetteremo una rinegoziazione del Protocollo".

Così, nemmeno troppo tra le righe, si legge la risolutezza di Bruxelles a non riaprire un dossier non solo dolorosissimo, ma anche molto complicato, sul quale sono state spese energie, risorse e molto tempo. "Il Protocollo sull'Irlanda/Irlanda del Nord è la soluzione congiunta che l'Ue ha trovato con il primo ministro Boris Johnson e Lord David Frost, ed è stata ratificata dal Parlamento del Regno Unito", si legge nella nota della Commissione europea. "Il suo scopo è proteggere l'accordo del Venerdì Santo in tutte le sue parti, mantenere la pace e la stabilità nell'Irlanda del Nord, evitare un confine duro sull'isola d'Irlanda, preservando l'integrità del mercato unico dell'Ue. Affinché questi obiettivi siano raggiunti, il Protocollo deve essere attuato. Il rispetto degli obblighi legali internazionali è di fondamentale importanza".

Quindi la chiosa, che non lascia molto spazio a dubbi: "L'Ue ha cercato soluzioni pratiche e flessibili per superare le difficoltà che i cittadini dell'Irlanda del Nord stanno incontrando per quanto riguarda l'attuazione del Protocollo", ha sottolineato la Commissione, "soluzioni realizzate con lo scopo principale di farne beneficiare le persone dell'Irlanda del Nord". Ma il muro contro muro è appena iniziato, di nuovo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
belfast brexit bruxelles irlanda londra regno unito
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved