in-germania-dopo-il-maltempo-si-scatena-la-polemica
Keystone
Un bilancio pesantissimo
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
3 ore

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
5 ore

La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato

La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
5 ore

L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia

Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Confine
6 ore

La messa in sicurezza causa un crollo sulla statale 337

Re-Camedo, sia la strada, sia la sottostante linea ferroviaria sono bloccate da stamane a causa della caduta di materiale roccioso lungo i binari
Estero
7 ore

Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato

Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Confine
11 ore

Menaggio, chiude il reparto di psichiatria dell’ospedale

Le dimissioni di tre medici e il depotenziamento del servizio a Porlezza portano alla luce la carenza di personale sanitario nelle zone di frontiera
Speciale Ucraina
LIVE

Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra

Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
22 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
22 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
23 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
1 gior

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
19.07.2021 - 19:21
Aggiornamento : 20:21

In Germania dopo il maltempo si scatena la polemica

Le vittime delle alluvioni salgono a 165, ancora più di mille i dispersi. Sotto accusa il sistema dell’allerta meteo e l’organizzazione dei soccorsi.

Berlino – Finita la fase più acuta dell'emergenza generata dalla disastrosa alluvione che ha devastato l'ovest della Germania, si iniziano a tirare le somme e sul banco degli imputati finiscono il sistema di comunicazione dell'allerta meteo, che non ha avvisato la cittadinanza dell'imminente pericolo, e il coordinamento insufficiente e la lentezza dei soccorsi.

Dietro l'angolo c'è però la polemica politica, che ha visto oggi duellare a distanza il ministro dell'Interno conservatore Horst Seehofer e la candidata dei Verdi Annalena Baerbock. Sulla mancata comunicazione dell'allerta meteo in apparenza il problema non esiste: tutti dichiarano di aver fatto il proprio dovere nei modi e nei tempi dovuti. "L'Ufficio federale della protezione civile mi ha detto che i canali di allerta hanno funzionato", ha dichiarato il ministro dell'Interno in visita a Bad Neuenahr nella zona dell'Ahrweiler, accompagnato dal governatore del Nordreno Vestfalia, Armin Laschet.

Cosa non ha funzionato?

Seehofer respinge le critiche sul mal funzionamento, anche se non esclude che in futuro si possa fare di meglio. Il numero uno della Protezione civile (Bbk) Armin Schuster addirittura rincara la dose, sostenendo che "il nostro sistema di allerta ha funzionato in ogni singolo caso" e ricordando le 150 segnalazioni di allarme inviate attraverso il sistema automatizzato.

Ma in realtà qualcosa deve essere andato storto se la professoressa di idrologia Hannah Cloke lo ha definito "un fallimento monumentale". "Qualcosa nella catena di comunicazione dell'allerta si è interrotto se l'avviso non è arrivato alle persone", ha denunciato la professoressa all'emittente tedesca Zdf. Infatti 24 ore prima del disastro la struttura europea che gestisce il Sistema europeo di allarme inondazioni (Efas) aveva lanciato l'allerta, specificando con precisione le zone interessate dall'alluvione. Forse chi ha ricevuto gli avvisi non li ha inoltrati con la necessaria urgenza, e tv e radio non hanno interrotto le trasmissioni.

Ma per i dettagli è ancora presto. La catena delle responsabilità è ancora confusa e in conferenza stampa la portavoce del ministero dei Trasporti è finita sotto un fuoco di fila di domande e critiche feroci dei giornalisti tedeschi per non aver saputo dare dettagli su chi, quando e in che modo sono stati ricevuti i bollettini meteo. La portavoce del governo getta acqua sul fuoco: "Al momento il focus è aiutare e trovare le persone che ancora mancano, poi verrà il momento di rielaborare quanto accaduto e vedere quali conseguenze trarne", ha detto Martina Fietz.

Cattiva gestione dei disastri naturali?

Anche la verde Baerbock in realtà evita in questo momento di gettare la croce sulle autorità locali per la comunicazione non tempestiva dell'allerta meteo: "È ancora troppo presto per dare risposte", ha tagliato corto in un'intervista a Spiegel, di ritorno da una visita di più giorni nelle zone devastate dall'alluvione "per capire come in futuro ci si può equipaggiare meglio di fronte alle catastrofi naturali".

E invece di commentare le facili allusioni alle galosce e ai sorrisetti del suo rivale conservatore Armin Laschet, Baerbock ha concentrato le sue critiche su uno dei nodi della questione: la velocità e il coordinamento dei soccorsi. "Dobbiamo riformare la gestione dei disastri e il governo federale deve assumersi maggiori responsabilità", soprattutto perché "nelle situazioni estreme serve un coordinamento più veloce dei diversi attori".

Non se ne parla, le ha risposto però a stretto giro il ministro dell'Interno. "Il centralismo qui non cambia proprio niente", ha risposto secco, si tratta solo di "spicciola retorica elettorale". Secondo la candidata Verde invece una ragione dell'inefficienza nel sistema della gestione della catastrofe potrebbe essere che negli ultimi decenni la Germania ha avuto relativamente pochi disastri naturali in confronto ad altri paesi "e questo ha portato ad uno sviluppo insufficiente delle misure per gestire la protezione dalle catastrofi ambientali".

Intanto la corsa a salvare i dispersi non si ferma, anche se all'appello continuano a mancare oltre mille persone solo nel Land della Renania Palatinato, ha riferito il ministro dell'Interno della regione: il bilancio complessivo delle vittime accertate intanto è salito a 165.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
allerta alluvione germania meteo polemica soccorsi vittime
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved