ULTIME NOTIZIE Estero
Messico
7 ore

‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’

In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
9 ore

Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone

Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
9 ore

Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare

Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
10 ore

Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne

A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
11 ore

Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie

Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
11 ore

Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto

Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
11 ore

Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino

Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
14 ore

Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio

Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
15.07.2021 - 20:00
Aggiornamento: 21:54

Morto il giornalista olandese colpito da un’arma da fuoco

Il reporter investigativo Peter R. de Vries era stato raggiunto con colpi alla testa il 6 luglio scorso. Aveva appena lasciato uno studio tv

Ats, a cura de laRegione
morto-il-giornalista-olandese-colpito-da-un-arma-da-fuoco
Il giornalista ucciso (Keystone)

Stile diretto, prosa misurata ma efficace. L'Olanda ricorda così Peter R. de Vries, il giornalista investigativo morto a seguito delle ferite riportate dopo l'attacco a colpi di arma da fuoco alla testa avvenuto ad Amsterdam lo scorso 6 luglio.

Aveva appena lasciato uno studio televisivo dopo un talk show in cui era stato ospite. Ricoverato subito dopo l'agguato, il reporter ha trascorso più di una settimana in ospedale lottando fra la vita e la morte.

Gli inquirenti propendono per la pista della criminalità organizzata. Due persone sospettate di aver preso parte alla sparatoria sono in custodia cautelare: un polacco di 35 anni e un olandese di 21 anni, che sarebbe il killer.

"Peter ha combattuto fino alla fine, ma non è riuscito a vincere la sua battaglia", hanno affermato i suoi parenti più stretti annunciandone la morte.

De Vries, 64 anni, come arma usava la sua voce e la sua penna. Cresciuto in una famiglia religiosa ad Amstelveen, appena fuori dalla capitale olandese, si era fatto un nome come intrepido reporter di cronaca nera per il tabloid De Telegraaf, scrivendo del rapimento del milionario della birra Freddy Heineken negli anni '80, notizia che aveva fatto il giro del mondo. Un lavoro infaticabile e coraggioso che aveva anche portato alla soluzione di un caso, quello dell'omicidio di un'assistente di volo a Putten, nel centro dei Paesi Bassi.


In preghiera davanti al memoriale a lui dedicato (Keystone)

Poi si era rivolto al mondo della televisione, dove aveva condotto il suo programma sui dossier criminali, intitolato 'Peter R. de Vries, Crime Reporter'.

Una carriera costellata da successi ma anche dalla paura, per la varie minacce di morte ricevute. La fama a livello internazionale era arrivata quando si era occupato della scomparsa dell'americano Natalee Holloway sull'isola caraibica di Aruba vincendo un Emmy Award per il suo reportage.

Negli ultimi anni, de Vries era passato dalla carriera strettamente giornalistica a quella di 'confidente' di persone provenienti dall'ambiente criminale. Nel giugno 2020 aveva infatti deciso di diventare consigliere di Nabil B., testimone chiave nel cosiddetto 'processo Marengo': un importante procedimento penale contro 17 indagati, tra cui Ridouan Taghi, presunto capobanda e primo sospettato. Tutti gli imputati sono membri della cosiddetta 'mocromafia', il grande clan mafioso con radici marocchine, ritenuto responsabile di numerosi omicidi e tentati omicidi legati a casi di droga, precisano i media locali.

Numerosi i commenti e le reazioni alla notizia della scomparsa, a partire dal premier Mark Rutte "toccato profondamente" dalla morte. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è detta "profondamente rattristata" e ha elogiato i giornalisti investigativi definendoli "vitali per le nostre democrazie". 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved