morto-il-giornalista-olandese-colpito-da-un-arma-da-fuoco
Il giornalista ucciso (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
3 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
3 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
8 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
10 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
11 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
19 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
15.07.2021 - 20:00
Aggiornamento : 21:54

Morto il giornalista olandese colpito da un’arma da fuoco

Il reporter investigativo Peter R. de Vries era stato raggiunto con colpi alla testa il 6 luglio scorso. Aveva appena lasciato uno studio tv

Ats, a cura de laRegione

Stile diretto, prosa misurata ma efficace. L'Olanda ricorda così Peter R. de Vries, il giornalista investigativo morto a seguito delle ferite riportate dopo l'attacco a colpi di arma da fuoco alla testa avvenuto ad Amsterdam lo scorso 6 luglio.

Aveva appena lasciato uno studio televisivo dopo un talk show in cui era stato ospite. Ricoverato subito dopo l'agguato, il reporter ha trascorso più di una settimana in ospedale lottando fra la vita e la morte.

Gli inquirenti propendono per la pista della criminalità organizzata. Due persone sospettate di aver preso parte alla sparatoria sono in custodia cautelare: un polacco di 35 anni e un olandese di 21 anni, che sarebbe il killer.

"Peter ha combattuto fino alla fine, ma non è riuscito a vincere la sua battaglia", hanno affermato i suoi parenti più stretti annunciandone la morte.

De Vries, 64 anni, come arma usava la sua voce e la sua penna. Cresciuto in una famiglia religiosa ad Amstelveen, appena fuori dalla capitale olandese, si era fatto un nome come intrepido reporter di cronaca nera per il tabloid De Telegraaf, scrivendo del rapimento del milionario della birra Freddy Heineken negli anni '80, notizia che aveva fatto il giro del mondo. Un lavoro infaticabile e coraggioso che aveva anche portato alla soluzione di un caso, quello dell'omicidio di un'assistente di volo a Putten, nel centro dei Paesi Bassi.


In preghiera davanti al memoriale a lui dedicato (Keystone)

Poi si era rivolto al mondo della televisione, dove aveva condotto il suo programma sui dossier criminali, intitolato 'Peter R. de Vries, Crime Reporter'.

Una carriera costellata da successi ma anche dalla paura, per la varie minacce di morte ricevute. La fama a livello internazionale era arrivata quando si era occupato della scomparsa dell'americano Natalee Holloway sull'isola caraibica di Aruba vincendo un Emmy Award per il suo reportage.

Negli ultimi anni, de Vries era passato dalla carriera strettamente giornalistica a quella di 'confidente' di persone provenienti dall'ambiente criminale. Nel giugno 2020 aveva infatti deciso di diventare consigliere di Nabil B., testimone chiave nel cosiddetto 'processo Marengo': un importante procedimento penale contro 17 indagati, tra cui Ridouan Taghi, presunto capobanda e primo sospettato. Tutti gli imputati sono membri della cosiddetta 'mocromafia', il grande clan mafioso con radici marocchine, ritenuto responsabile di numerosi omicidi e tentati omicidi legati a casi di droga, precisano i media locali.

Numerosi i commenti e le reazioni alla notizia della scomparsa, a partire dal premier Mark Rutte "toccato profondamente" dalla morte. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è detta "profondamente rattristata" e ha elogiato i giornalisti investigativi definendoli "vitali per le nostre democrazie". 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agguato giornalista paesi bassi peter de vries
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved