i-talebani-avanzano-in-afghanistan-l-esercito-in-fuga
Un militare afghano in divisa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
italia
9 ore

Flop Casellati, ma al Quirinale si avvicina un’altra donna

La presidente del Senato stoppata senza appello, mentre fa incetta di voti Mattarella. Leader vicini a un accordo al femminile: Belloni in pole position
Estero
9 ore

Quirinale, fumata nera, 336 voti a Mattarella, 445 astenuti

L’elezione del nuovo presidente della Repubblica italiana procede a rilento. Domani due nuove tornate
Estero
10 ore

In Russia popolazione cala di un milione, pesa anche Covid

Un calo storico degli abitanti sul quale ha influito anche la pandemia. I morti a causa del virus sarebbero oltre 660mila.
francia
10 ore

Marion Le Pen snobba zia Marine e si avvicina a Zemmour

Nuovo strappo in famiglia. La destra in fermento in vista delle elezioni presidenziali
Estero
10 ore

Portogallo al voto, testa a testa socialisti-centrodestra

Cresce la destra radicale, giochi aperti alla vigilia delle urne
Estero
10 ore

Ue, scoppia il caso degli sms tra von der Leyen e Pfizer

L’Ombudsman dell’Ue apre ufficialmente un caso che potrebbe avere conseguenze sensibili sulla gestione degli atti delle istituzioni europee.
Estero
11 ore

Biden: ‘La Russia sta per attaccare’. Ma Kiev nega

L’Ucraina: ‘Basta creare panico’. Putin: ‘Ignorati i nostri timori’
germania
11 ore

Ultradestra tedesca fuori controllo, lascia il leader

Con l’addio di Meuthen si tratta del terzo leader di Afd a mollare: ‘Parte del partito si muove fuori dai limiti della democrazia’
italia
13 ore

Morto l’ex brigatista Corrado Alunni

Aveva 75 anni, componente delle Br della prima ora, fu anche protagonista con Vallanzasca della maxievasione nel 1980 dal carcere di San Vittore
stati uniti
13 ore

Giudice cancella licenze petrolifere concesse da Biden

Ennesimo schiaffo al presidente: ‘Ignorati gli effetti sul riscaldamento globale’. L’area, nel Nuovo Messico, è di oltre 300mila chilometri quadrati
05.07.2021 - 20:030
Aggiornamento : 20:52

I talebani avanzano in Afghanistan, l'esercito in fuga

Mille soldati in Tagikistan, rischio collasso delle forze armate. Washington continua con il ritiro delle sue truppe, che dovrebbe terminare a settembre

"Non volevano arrendersi. Avevano chiesto rinforzi, ma sono stati ignorati". È in questa testimonianza di un militare afgano il senso di frustrazione delle truppe regolari di fronte alla costante avanzata dei talebani, che ha provocato la fuga di oltre mille soldati nel confinante Tagikistan. E adesso, con il ritiro quasi completato del contingente Nato, la paura che circola nel Paese è il collasso definitivo delle forze armate, ultimo argine al ritorno di una teocrazia islamica.

Nei giorni scorsi gli Stati Uniti hanno abbandonato la base aerea di Bagram, il centro nevralgico della loro campagna in Afghanistan, di fatto rinunciando alla possibilità di condurre operazioni significative sul terreno. E Washington, finché i talebani manterranno fede al loro impegno di non attaccare più gli occidentali o di ospitare basi terroristiche, non rallenteranno il ritiro, che dovrebbe completarsi a settembre.

Un'arma in più per gli insorti, che con la stragrande maggioranza delle truppe straniere già via, e i negoziati interni di pace in stallo, stanno continuando a espandere il loro raggio d'azione. Soprattutto al nord, roccaforte tradizionale dei signori della guerra che si erano alleati con gli Usa per sconfiggerli, nel 2001.


Un'esplosione nel centro di Kabul (Keystone)

Militari impotenti

Le province di Badakhshan e Takhar sono quasi sotto il loro controllo. L'esercito afgano sembra impotente di fronte all'avanzata dei ribelli, che da maggio hanno riconquistato decine di distretti, e ora controllano un terzo del Paese. Negli ultimi scontri oltre mille soldati regolari hanno riparato in Tagikistan, ed è stata la terza fuga in tre giorni. La quinta in due settimane. Le autorità locali osservano preoccupate questo flusso, per ora di centinaia di persone, ed hanno deciso di mobilitare 20.000 militari della riserva per rafforzare ulteriormente il confine.

Anche da Pakistan e Uzbekistan ci sono state segnalazioni di soldati afgani in fuga, e tutti i Paesi limitrofi si preparano a un'ondata di rifugiati, anche tra i civili, se i combattimenti dovessero intensificarsi. Tante famiglie hanno già abbandonato la provincia meridionale di Kandahar, dopo che i talebani hanno ripreso il controllo di un distretto chiave nel loro ex bastione.


Un'esercitazione con soldati afghani e britannici a Lashkar Gah (Keystone)

La versione dei ribelli

La versione dei ribelli è che la maggior parte dei distretti sono caduti pacificamente, perché le truppe governative si sono rifiutate di combattere. Ma al netto della propaganda la rinascita dell'Emirato islamico dell'Afghanistan, abbattuto dagli americani dopo l'11 settembre, appare sempre più a portata di mano. Kabul, fino a questo momento, resiste.

Il portavoce dei talebani Suhail Shaheen ha assicurato che non c'è la volontà di un'invasione, ma ha avvertito che "nessuna forza straniera, inclusi contractor militari, dovrà rimanere nella capitale dopo che il ritiro è stato completato". Proprio da Kabul il presidente Ashraf Ghani, mai così debole, sta provando a imbastire una controffensiva, assicurando che i governativi sono in grado di tenere a bada gli insorti. Nel frattempo, però, il suo governo si è detto pronto a un cessate il fuoco e alla ripresa dei negoziati. Consapevole che una vittoria militare contro i temibili avversari appare lontanissima.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved