migranti-l-ue-offre-tre-miliardi-di-euro-a-erdogan
Un salvataggio della guardia costiera turca (Keystone)
23.06.2021 - 21:56
Ansa, a cura de laRegione

Migranti: l’Ue offre tre miliardi di euro a Erdogan

L'iniziativa potrà generare discussioni con Cipro già pronta a puntare i piedi

Tre miliardi per rifinanziare i progetti per i profughi siriani e le comunità che li ospitano in Turchia, fino al 2024. Per il momento è solo una proposta, circolata dalla Commissione europea alle delegazioni dei 27 come 'non paper', un documento informale, che servirà come base per avviare la discussione al vertice di domani e venerdì a Bruxelles.

L'ipotesi che Ursula von der Leyen metterà sul tavolo dei leader, che può anticipare, prevede un pacchetto complessivo da 5,7 miliardi di euro per i richiedenti asilo accolti in Turchia, Giordania, Libano e Siria per i prossimi tre anni. Di questi, tre miliardi, tutti dal bilancio Ue, dovrebbero andare ai richiedenti asilo in Turchia (3,7 milioni i siriani accolti), oltre ai 535 milioni di euro di soluzione ponte, in via di esborso per i principali progetti umanitari fino all'inizio del 2022. L'altro stanziamento, 2,2 miliardi di euro, sarebbe invece destinato a Giordania, Libano e Siria, ma in questo caso la copertura deriverebbe da donazioni già raccolte e da altri sforzi finanziari aggiuntivi degli Stati.

L'iniziativa potrebbe generare discussioni - con Cipro sempre pronta a puntare i piedi quando si parla di Ankara - dato che il dossier migrazioni dovrebbe essere in larga parte finanziato dal 10% del Fondo per il vicinato (Ndici), pari a otto miliardi. Ma la bozza di conclusioni del summit risolve il nodo, indicando che sul dossier dovrebbero convergere anche altre risorse del bilancio Ue 2021-2027.

D'altra parte la cancelliera tedesca Angela Merkel, grande regista dell'accordo Ue-Turchia da 6 miliardi del 2016, in vista del vertice si è assicurata l'alleanza del presidente francese, Emmanuel Macron e del premier italiano Mario Draghi, aperto a "collaborare con Ankara" con l'invito però a "stare attenti ai diritti umani". Roma ha ottenuto in cambio il supporto tedesco su Libia e Sahel. Non a caso il sostegno Ue alla stabilizzazione delle due regioni sono voci entrate nella bozza di conclusioni del vertice proprio dopo l'incontro dei due leader a Berlino. L'obiettivo a cui puntare per Draghi è "un intervento dell'Ue sotto l'auspicio delle Nazioni Unite" in Libia, per provare ad arrivare a un "coinvolgimento degli Stati Uniti". Un'impresa complessa, ma che potrebbe rivelarsi una svolta anche per la questione dei flussi nel Mediterraneo centrale.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cipro migranti tre miliardi turchia ue
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved