morto-epifani-storico-sindacalista-cgil
Guglielmo Epifani (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
5 ore

Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette

Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
Estero
17 ore

Congo, Patrice Lumumba seppellito dopo sessant’anni

Nel giorno dell’anniversario dell’indipendenza dello Stato africano, il feretro del leader separatista assassinato nel 1961 è stato deposto a Kinshsa
stati uniti
17 ore

Paradosso Dem: finanziano i trumpiani per vincere alle Midterm

Strategia adottata perché considerati avversari troppo estremisti e quindi ‘più vulnerabili’. Il Washington Post: ‘Strategia pericolosa per la democrazia’
Estero
17 ore

Alta tensione in India per il sarto hindù sgozzato

Dilaga sui social hashtag ‘Hindu Lives matter’. Ora si temono vendette
la guerra in ucraina
18 ore

Liberata l’Isola dei Serpenti. Zelensky scrive a Putin

I russi si ritirano, Kiev esulta. Usa: ‘Allarme armi nucleari’. E la Cina attacca la Nato
stati uniti
19 ore

La Corte Suprema Usa piccona anche la lotta per il clima

La Casa Bianca: ‘Decisione devastante per l’ambiente’
Estero
20 ore

Morto Sonny Barger, fondatore degli Hells Angels

Aveva 83 anni ed era malato di cancro. Negli Stati Uniti il club di motociclisti è giudicato un’organizzazione criminale
Estero
21 ore

Spesa record per la famiglia reale, imbarazzo in tempo di crisi

I costi pubblici per il mantenimento di casa Windsor sono schizzati per la prima volta oltre la soglia dei 100 milioni di sterline.
Estero
1 gior

Coronavirus, impennata di casi a livello mondiale

Secondo l’ultimo bollettino dell’Organizzazione mondiale della sanità, il picco maggiore lo si è registrato nel Mediterraneo orientale (+47%)
Estero
1 gior

‘In Italia sarà un’estate senza restrizioni Covid’

Lo afferma il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che non pensa verranno introdotte nuove misure.
Confine
1 gior

Como, via i posteggi per assessori e consiglieri comunali

È stato il primo atto del sindaco Rapinese. Gli stalli sono ora riservati ai cittadini che si presentano in Municipio per sbrigare pratiche.
italia
07.06.2021 - 21:58
Aggiornamento: 23:39

Morto Epifani, storico sindacalista Cgil

Aveva 71 anni. Portò un milione di persone in piazza contro Berlusconi, poi divenne anche segretario del Pd

Colto e gentile, riformista, un uomo di dialogo, ma determinato sui valori: da sempre attento alla difesa del lavoro. Il sindacato e la politica piangono Guglielmo Epifani, morto dopo una breve malattia.

È stato segretario della Cgil, il primo di matrice socialista, e per lungo tempo la spalla di Sergio Cofferati. Ma poi ha guidato il Pd dal maggio 2013 per sette mesi, in una stagione di grandi cambiamenti. Il Partito Democratico - con Giorgio Napolitano al Quirinale ed Enrico Letta alla guida del governo - visse la transizione da PierLuigi Bersani, che lasciò la guida del partito a Epifani eletto con una schiacciante maggioranza interna, al rottamatore Matteo Renzi, arrivato al vertice del partito sull'onda delle primarie. Un partito che Epifani ha poi lasciato nel 2017 fondando Articolo 1 (dal quale è poi nato Leu) in polemica soprattutto con le norme del Jobs Act, fortemente volute dal premier Renzi. Epifani è stato certo un protagonista: un sindacalista in grado di parlare davanti a un milione di persone chiamate in piazza contro il governo Berlusconi, senza però mai perdere l'immagine di una persona di grande equilibrio, di uomo di dialogo.

Il ricordo della politica

"Un esempio di impegno al servizio dei deboli", lo definisce oggi il premier Mario Draghi. Caldissimo il ricordo del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ne mette in risalto "la visione riformista e le qualità di dirigente impegnato, sempre attento agli interessi dei lavoratori" ma anche l'assenza di settarismo. A Montecitorio, nel transatlantico dove i capannelli sono parte integrante della politica, era sempre pronto a confrontarsi con parlamentari di destra, oltre che con i compagni del suo ex e del suo nuovo partito. E forse per questo che il cordoglio arriva dagli esponenti di tutte le parti politiche.

Il primo a ricordarlo è stato Enrico Letta, che quando Epifani guidò il Pd era presidente del Consiglio poi 'liquidato' da Renzi e che appena appresa la notizia ha interrotto un incontro con i sindacati che riguardava proprio la proroga per lo stop ai licenziamenti.

Ma a ricordarlo, da destra, sono stati anche il ministro dello Sviluppo Economico (Lega), Giancarlo Giorgetti ("persona profonda"), la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni ("stimabile e perbene"), della lega Matteo Salvini ("apprendo la notizia con tristezza").

"Il sindacato e la politica italiana perdono un signore. Un signore che si dimostrava tale anche e soprattutto quando capitava di non essere d'accordo con lui", dice anche Matteo Renzi che proprio per le sue posizioni politiche lo portò, con Bersani e Speranza, a uscire dal Pd, dalla 'Ditta'. Doti di equilibrio che gli riconosce, come politico e sindacalista, anche Silvio Berlusconi. Ma Epifani è stato soprattutto un sindacalista. "Un esempio", dice l'attuale leader Cgil, Maurizio Landini.

Accanto a Cofferati

Il suo tratto lo racconta Sergio Cofferati, che con lui ha condiviso molte stagioni sindacali ("un amico"), e che gli fece un importante endorsement quando arrivo alla guida del Pd: "era una persona dolce e nel contempo assai determinato nell'affrontare anche le situazioni più difficili", racconta. All'interno della Cgil ha rappresentato l'area riformista, socialista. E al fianco di Cofferati visse la stagione che, in difesa dell'articolo 18, portò 3 milioni di persone in piazza, una vera e propria marea che invase Roma nel marzo 2002. La sua carriera di dirigente sindacale inizia nel 1979 con l'incarico di segretario generale aggiunto della categoria dei lavoratori poligrafici e cartai. Nel 1990 entra nella segreteria confederale e nel 1993 sarà nominato segretario generale aggiunto da Bruno Trentin. L'ultima uscita pubblica è del 27 maggio, al fianco dei lavoratori della Whirlpool a Roma, un'ulteriore testimonianza del suo impegno per la tutela del lavoro.

Uomo di cultura

Il suo tratto pacato trovava le basi nella sua grande cultura. Laureato in filosofia alla Sapienza con una tesi sulla rivoluzionaria socialista Anna Kuliscioff, Epifani era amante della musica - soprattutto quella Jazz e talvolta suonava la chitarra - ma anche della poesia, soprattutto di Boudelaire. Era anche espertissimo di arte contemporanea, in particolare di pittura. Della sua vita privata è nota la sua passione per i viaggi, insieme alla moglie, ma anche il fatto che amava i vini: una curiosità nota a tutti i sindacalisti Cgil che, quando era in giro per l'Italia a visitare le sezioni, spesso lo accompagnavano a visitare le cantine dei produttori locali

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cgil guglielmo epifani italia partito democratico sindacalista
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved