ULTIME NOTIZIE Estero
italia
6 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
6 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
7 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
7 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
7 ore

“La Nato non entrerà nel conflitto”

Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
9 ore

Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto

Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
11 ore

Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti

Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
13 ore

Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia

Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
14 ore

Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa

Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
26.05.2021 - 22:49

Elezioni farsa in Siria, altri 7 anni per Assad

Al voto tra le macerie: ‘Le accuse dell'Occidente non ci interessano’

Ansa, a cura de laRegione
elezioni-farsa-in-siria-altri-7-anni-per-assad
Assad esulta dopo il voto (Keystone)

Il presidente siriano Bashar al Assad si appresta a essere dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali svoltesi oggi nelle zone controllate dalle forze governative, russe e iraniane. Il raìs, sfidato sulla carta da due altri candidati 'rivali', ha risposto alle critiche rivolte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea che avevano definito le elezioni una farsa affermando che si tratta di accuse "prive di valore".

La Siria è da dieci anni martoriata da un conflitto che ha ucciso circa mezzo milione di persone e ha costretto 10 milioni di siriani ad abbandonare le loro case. Il Paese è oggi segnato dalla presenza di numerosi eserciti e milizie straniere sul suo territorio e da un collasso economico senza precedenti. Per l'Onu, più del 90% della popolazione vive sotto la soglia di povertà. I risultati saranno resi noti dopodomani, ma l'esito è scontato: Assad rimane presidente per altri sette anni dopo aver ricoperto l'incarico per vent'anni, da quando ha ereditato la posizione dal padre Hafez, al potere dal 1970.

Il consenso popolare

Il destino degli Assad è da mezzo secolo intrecciato a quello del partito Baath al potere dagli anni '60 e che, anche in queste elezioni, ha svolto un ruolo essenziale nell'assicurare un indiscusso consenso popolare al presidente. Nelle precedenti consultazioni del 2014 Assad aveva ottenuto quasi il 90% dei voti, con un'affluenza di oltre il 70%. I due candidati rivali, Abdallah Abdallah e Mahmud Marei, non hanno mai potuto contare sul sostegno del sistema di potere. I media governativi hanno affermato che "l'affluenza è stata sopra le aspettative" e che le urne sarebbero rimaste aperte cinque ore in più rispetto al previsto. Assad, che nei giorni scorsi aveva deciso un'amnistia generale per migliaia di detenuti in carcere per crimini comuni, si è presentato stamani di fronte alle telecamere dei media governativi mentre votava assieme alla first lady Asma al seggio di Duma, sobborgo di Damasco rimasto per anni una delle principali roccaforti dell'insurrezione armata. "I terroristi hanno perso, i siriani hanno vinto", ha detto Assad, secondo cui "la mobilitazione di queste settimane ha messo a tacere tutti i critici. Il popolo siriano è libero nell'esprimere le sue scelte".

Nelle carceri siriane rimangono da anni migliaia di detenuti politici e dissidenti, anch'essi definiti "terroristi" dal fronte lealista. I media di governo hanno mostrato una delegazione di osservatori russi a un seggio a Damasco. Testimoni oculari in varie città siriane hanno affermato che ai seggi a Hama, Tartus, Aleppo e Damasco non c'erano osservatori né locali né stranieri. Né c'erano i rappresentanti dei due candidati 'rivali'. Altri intervistati, impiegati pubblici a Damasco e Homs, hanno raccontato di aver ricevuto esplicite pressioni da parte di rappresentanti del Baath perché esprimessero pubblicamente il consenso ad Assad in cortei non spontanei durante l'orario di lavoro, e a votare nei seggi indicati dall'apparato di sicurezza.

Studenti all'università di Damasco sono stati minacciati da delegati dell'Unione baathista degli studenti a votare negli orari indicati, ottenendo l'assicurazione di ricevere massimi voti agli esami. A Hama e Tartus, ministri e politici locali hanno organizzato kermesse elettorali in favore di Assad, chiudendo le strade, e le loro guardie del corpo assieme ad altri miliziani lealisti hanno insistentemente aperto il fuoco in aria in segno di festa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved