Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
0
Basilea
1
1. tempo
(0-1)
Losanna
0
Servette
0
1. tempo
(0-0)
Milan
1
Sassuolo
3
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
4
1. tempo
(0-4)
Olten
Ticino Rockets
17:30
 
Langenthal
Kloten
17:30
 
elezioni-farsa-in-siria-altri-7-anni-per-assad
Assad esulta dopo il voto (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Moderna: se necessario, un nuovo vaccino pronto a inizio 2022

La casa farmaceutica precisa che serviranno circa due settimane per un’idea precisa sull’efficacia dei vaccini contro la variante Omicron
Estero
4 ore

Repubblica Ceca, Petr Fiala è il nuovo premier

Il nuovo governo dovrebbe avere 18 ministri dei cinque partiti che a novembre hanno firmato l’accordo di coalizione
Estero
4 ore

Ripartono domani a Vienna i colloqui con l’Iran sul nucleare

Pochi giorni fa Teheran aveva ribadito di non voler rinunciare al proprio programma. Il clima prevalente è di generale pessimismo
Estero
5 ore

Serbia, bagno di folla per Vucic alla convention del suo partito

In un clima elettrizzato, con cori da stadio e sventolio di vessilli, il presidente ha sfoderato alcuni elementi del suo repertorio nazionalpatriottico
Estero
5 ore

‘Omicron dà sintomi lievi’

Così si è espressa Angelique Coetzee, presidente della Associazione dei medici del Sudafrica
Estero
7 ore

Omicron, Israele chiude le sue frontiere

Il primo ministro Naftali Bennett: ‘La priorità assoluta ora è mantenere un’economia funzionante e un sistema scolastico attivo’
Estero
21 ore

Test molecolare e isolamento per chi entra in Gb

Lo ha detto il premier Boris Johnson, il quale ha anche dichiarato che sarà introdotto l’obbligo della mascherina nei negozi e sui trasporti pubblici
Estero
22 ore

Il popolo saharawi in cerca della libertà

Dopo 30 anni di negoziati infruttosi, il conflitto ha ripreso nel Sahara occidentale. Intervista a Omeima Abdeslam dl Fronte Polisario
Estero
23 ore

Moderna, booster con dose più alta per Omicron

L’azienda farmaceutica annuncia di avere in corso di test uno specifico vaccino contro la nuova variante
Estero
26.05.2021 - 22:490

Elezioni farsa in Siria, altri 7 anni per Assad

Al voto tra le macerie: ‘Le accuse dell'Occidente non ci interessano’

Il presidente siriano Bashar al Assad si appresta a essere dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali svoltesi oggi nelle zone controllate dalle forze governative, russe e iraniane. Il raìs, sfidato sulla carta da due altri candidati 'rivali', ha risposto alle critiche rivolte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea che avevano definito le elezioni una farsa affermando che si tratta di accuse "prive di valore".

La Siria è da dieci anni martoriata da un conflitto che ha ucciso circa mezzo milione di persone e ha costretto 10 milioni di siriani ad abbandonare le loro case. Il Paese è oggi segnato dalla presenza di numerosi eserciti e milizie straniere sul suo territorio e da un collasso economico senza precedenti. Per l'Onu, più del 90% della popolazione vive sotto la soglia di povertà. I risultati saranno resi noti dopodomani, ma l'esito è scontato: Assad rimane presidente per altri sette anni dopo aver ricoperto l'incarico per vent'anni, da quando ha ereditato la posizione dal padre Hafez, al potere dal 1970.

Il consenso popolare

Il destino degli Assad è da mezzo secolo intrecciato a quello del partito Baath al potere dagli anni '60 e che, anche in queste elezioni, ha svolto un ruolo essenziale nell'assicurare un indiscusso consenso popolare al presidente. Nelle precedenti consultazioni del 2014 Assad aveva ottenuto quasi il 90% dei voti, con un'affluenza di oltre il 70%. I due candidati rivali, Abdallah Abdallah e Mahmud Marei, non hanno mai potuto contare sul sostegno del sistema di potere. I media governativi hanno affermato che "l'affluenza è stata sopra le aspettative" e che le urne sarebbero rimaste aperte cinque ore in più rispetto al previsto. Assad, che nei giorni scorsi aveva deciso un'amnistia generale per migliaia di detenuti in carcere per crimini comuni, si è presentato stamani di fronte alle telecamere dei media governativi mentre votava assieme alla first lady Asma al seggio di Duma, sobborgo di Damasco rimasto per anni una delle principali roccaforti dell'insurrezione armata. "I terroristi hanno perso, i siriani hanno vinto", ha detto Assad, secondo cui "la mobilitazione di queste settimane ha messo a tacere tutti i critici. Il popolo siriano è libero nell'esprimere le sue scelte".

Nelle carceri siriane rimangono da anni migliaia di detenuti politici e dissidenti, anch'essi definiti "terroristi" dal fronte lealista. I media di governo hanno mostrato una delegazione di osservatori russi a un seggio a Damasco. Testimoni oculari in varie città siriane hanno affermato che ai seggi a Hama, Tartus, Aleppo e Damasco non c'erano osservatori né locali né stranieri. Né c'erano i rappresentanti dei due candidati 'rivali'. Altri intervistati, impiegati pubblici a Damasco e Homs, hanno raccontato di aver ricevuto esplicite pressioni da parte di rappresentanti del Baath perché esprimessero pubblicamente il consenso ad Assad in cortei non spontanei durante l'orario di lavoro, e a votare nei seggi indicati dall'apparato di sicurezza.

Studenti all'università di Damasco sono stati minacciati da delegati dell'Unione baathista degli studenti a votare negli orari indicati, ottenendo l'assicurazione di ricevere massimi voti agli esami. A Hama e Tartus, ministri e politici locali hanno organizzato kermesse elettorali in favore di Assad, chiudendo le strade, e le loro guardie del corpo assieme ad altri miliziani lealisti hanno insistentemente aperto il fuoco in aria in segno di festa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved