SJ Sharks
5
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 3-1 : 1-0)
abbraccia-un-migrante-a-ceuta-insultata-sui-social
L'abbraccio tra la cooperante e il migrante in lacrime (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
17 ore

Zaki sarà scarcerato, ‘ma non è stato assolto’

Lo studente egiziano dell’Università di Bologna era stato arrestato in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva
Francia
20 ore

Esplosione: crolla un edificio, un morto accertato

Una donna e il suo bebè sono invece stati estratti vivi dalle macerie
Estero
1 gior

Gli Usa vogliono boicottare le Olimpiadi di Pechino

Nessun rappresentante del governo statunitense sarà presente ai Giochi invernali di Pechino. La replica: ‘Offesa al popolo cinese’
Confine
1 gior

Vigezzo: ubriaco aggredisce Carabinieri, arrestato

L’episodio si è verificato sabato notte; ubriaco, un 64enne si è scagliato sugli agenti intervenuti per calmarlo
Estero
1 gior

A New York vaccino obbligatorio per i lavoratori privati

Misura voluta dal sindaco uscente Bill De Blasio. Nel 2020 la maggiore città Usa era stata molto colpita dal coronavirus, con almeno 34mila morti
Confine
1 gior

Cabiate, ergastolo per il 26enne che picchiò a morte una bimba

Un cittadino rumeno uccise la figlia della compagna lo scorso gennaio, dopo averla violentata. La difesa ricorrerà in Appello
Estero
1 gior

Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame

L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
2 gior

Power Index: gli Usa i più influenti anche in Asia

È la prima volta che gli Stati Uniti rafforzano il loro potere nella regione, superando di 2 punti percentuali la Cina
Estero
20.05.2021 - 20:000
Aggiornamento : 20:26

Abbraccia un migrante a Ceuta, insultata sui social

Ma per la volontaria della Croce Rossa anche tanti attestati di solidarietà da tutto il mondo

È già una delle immagini simbolo della crisi dei migranti a Ceuta: un lungo abbraccio tra Luna Reyes, volontaria della Croce Rossa, e un ragazzo senegalese appena arrivato dal Marocco su una delle spiagge dell'enclave spagnola insieme ad altre migliaia di persone. Lui che le si stringe mentre piange disperatamente. Lei che cerca di consolarlo e tranquillizzarlo dopo avergli offerto dell'acqua. Eppure questo episodio di umanità non è stato accolto da tutti allo stesso modo: oltre a ricevere messaggi di sostegno, Reyes è stata investita anche da una valanga d'odio sui social, con insulti e frasi maschiliste e razziste.

Una reazione che - raccontano i media iberici - ha portato questa giovane di 20 anni a rinunciare almeno per un po' ad accedere ai suoi profili. E che l'ha lasciato incredula. "L'ho solo abbracciato", ha detto alla televisione pubblica spagnola Rtve. In quel momento, ha aggiunto, le è parsa la risposta "più normale del mondo" a una "richiesta di aiuto". Reyes ha raccontato che il giovane - di cui ha perso le tracce poco dopo senza neanche riuscire a sapere il suo nome - aveva appena attraversato a nuoto il confine tra il Marocco e la Spagna insieme a un amico, apparso in gravi condizioni. "Era disperato, pensava che stesse morendo", ha affermato.

L'hashtag #GraciasLuna

Il suo timore adesso è che il ragazzo sia uno delle migliaia di migranti già riconsegnati al Marocco (su 8'000 arrivi tra lunedì e martedì, sono già almeno 6'000 le persone allontanate o tornate indietro spontaneamente, secondo il governo spagnolo). Lei, madrilena, si è trovata nel cuore dell'emergenza perché a Ceuta sta svolgendo un tirocinio. Come nel caso di un'altra foto simbolo di questa situazione senza precedenti nell'enclave spagnola - un agente della Guardia Civil ritratto in mare mentre salvava un neonato -, l'abbraccio tra Luna e il migrante senegalese in poche ore ha fatto il giro del web.

Molti l'hanno accompagnata con l'hashtag #GraciasLuna, una campagna di solidarietà che ha raccolto le adesioni anche di esponenti del governo: "È molto più di una foto. È un simbolo di speranza e solidarietà", ha commentato la vicepremier Yolanda Díaz. Intanto, secondo le informazioni dal posto, sembra essere tornata una relativa calma sul confine - dove tuttavia è stato recuperato il secondo cadavere dall'inizio della crisi - dopo che il Marocco ha ristabilito i controlli alla frontiera. Adesso la "preoccupazione principale" di Madrid è l'accoglienza dei minori rimasti a Ceuta, almeno 850 secondo le ultime cifre. Le tensioni diplomatiche correlate all'emergenza - scatenatasi quando Rabat, che cerca appoggi internazionali riguardo al conflitto per il Sahara Occidentale, ha smesso di pattugliare il confine con la Spagna - non si sono però esaurite. "Non accetteremo nessun ricatto", ha detto la ministra della Difesa spagnola, Margarita Robles. Già da ieri sera Rabat sta comunque accettando il rimpatrio organizzato di tutti i suoi cittadini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved