in-aula-a-bologna-i-conti-svizzeri-di-licio-gelli
Licio Gelli, ex capo della loggia P2 (Keystone)
07.05.2021 - 22:07
Aggiornamento : 23:05

In aula a Bologna i conti svizzeri di Licio Gelli

Nel nuovo processo sulla strage in stazione del 1980 ricostruiti i flussi di denaro dell'ex capo della P2

Ansa, a cura de laRegione

Per la Procura generale di Bologna la prima destinazione dei fondi documentati nell'Appunto Bologna, sequestrato a Licio Gelli al momento del suo arresto a Ginevra e che illustrerebbe la movimentazione del denaro in parte utilizzato per finanziare la strage, vanno individuati nella cifra di 240mila dollari accreditata il 3 settembre del 1980 sul conto corrente di una banca di Ginevra a Giorgio Di Nunzio: un cambia-valute, mediatore d'affari, morto nel 1981, che incassava i soldi in Svizzera per conto di Gelli e li riportava in Italia.

Già nel 1987 l'informativa della Guardia di finanza che indagava sul crack del Banco Ambrosiano indicava che il conto corrente fosse intestato a un certo 'Nunzio', riferibile a Giancarlo Di Nunzio, nipote e braccio destro di Giorgio, ma il nome di quest'ultimo, cointestatario del conto, venne omesso da due finanzieri: circostanza scoperta dai magistrati bolognesi solo nel corso delle nuove indagini sulla strage.

Oggi in aula, nell'ambito del nuovo processo sulla bomba alla stazione, è stato sentito Roberto Di Nunzio, figlio di Giorgio, che ha spiegato come il padre intrattenesse rapporti telefonici e di persona con Federico Umberto D'Amato e con il giornalista de Il Borghese ed ex senatore dell'Msi Mario Tedeschi, entrambi indicati dai magistrati, assieme a Gelli e Umberto Ortolani, come mandanti, organizzatori e finanziatori della strage. Ma non solo, anche con Francesco Pazienza, il faccendiere dei depistaggi, con il criminologo di estrema destra Aldo Semerari, e con alti ufficiali del Sismi come Pietro Musumeci, Giuseppe Belmonte e lo stesso direttore dei Servizi dell'epoca, Giuseppe Santovito. D'Amato, l'ex capo dell'Ufficio Affari riservati del Viminale, "era uno dei nomi che si relazionava quotidianamente con mio padre - ha spiegato Roberto Di Nunzio -. Una volta venne a casa di mia nonna e si chiuse nello studio di mio padre per mezz'ora. Quando mio padre parlava con D'Amato io avevo la sensazione di un contesto di potere".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
conti svizzeri licio gelli processo strage di bologna
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved