morire-in-burkina-faso-dove-nascono-i-jihadisti
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
2 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
3 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
5 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
6 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
8 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
10 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
10 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
10 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
Estero
12 ore

Finlandia e adesione alla Nato, sì in Commissione parlamentare

Il parere della Commissione affari esteri segna il completamento di un’altra tappa legislativa richiesta a Helsinki per aderire all’Alleanza Atlantica
Video e Foto
Speciale Ucraina
13 ore

Kiev conferma: negoziazioni al momento sospese

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov aveva dichiarato che non si stavano svolgendo colloqui. Segui il live de laRegione
Confine
14 ore

Violenta rissa con coltellata a Ponte Chiasso

Lo scontro è avvenuto ieri sera alle 21 in una pizzeria a ridosso della dogana. I sanitari hanno medicato sul posto una mezza dozzina di persone
Confine
15 ore

Corpo trovato a Como, accanto i documenti di un 66enne svizzero

Gli inquirenti ipotizzano che si tratti di un senzatetto. Per il momento non ci sarebbero elementi che possano far pensare a una morte violenta
Estero
16 ore

Buffalo, il killer aveva postato online il piano dettagliato

Nel documento il giovane descrive non solo il supermarket preso di mira, ma anche altri due posti dove ‘uccidere tutti gli afroamericani’
Estero
1 gior

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
1 gior

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
1 gior

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
1 gior

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
1 gior

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
1 gior

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
1 gior

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
1 gior

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
1 gior

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
Estero
1 gior

Hacker filorussi attaccano il sito della polizia italiana

Il collettivo ‘Killnet’ ha dichiarato ‘guerra’ a 10 Paesi. Nei giorni scorsi avrebbero colpito alcuni siti istituzionali e provato a bloccare l’Eurovision
Estero
1 gior

Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi

Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il Nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura
speciale ucraina
1 gior

Kiev: ‘Evacuati 264 soldati dall’Azovstal’

Sarebbero 53 soldati feriti condotti a Novoazovsk e 211 altri combattenti portati a Olenivka, nel territorio dei separatisti filorussi di Donetsk
Gallery
Confine
2 gior

Fra le acque del Ceresio spunta... un capriolo

Insolito ‘bagnante’ stamane nello specchio d’acqua antistante a Porlezza, finito al largo forse perché spaventato da un predatore
Confine
2 gior

‘Un aereo è caduto a Orsenigo’. Ma è un falso allarme

Prima l’appello dalla centrale operativa di Roma, poi la smentita da Verzago: ‘Nessun velivolo in quella zona’
africa
15.05.2021 - 15:49

Morire in Burkina Faso, dove nascono i jihadisti

È uno dei maggiori centri di reclutamento: lì sono appena stati uccisi tre occidentali

di di Filippo Rossi

La via piena di buche che da Ouagadougou porta a Fada N’Gourma, nell’est del Burkina Faso, è attorniata da foreste brulle e baobab che spiccano per la loro maestosita. Non c’è nulla se non qualche capanna. Se i jihadisti volessero fare un attacco, non sarebbero fermati da nessuno.

Qui, il jihadismo, ha fatto migliaia di vittime civili e recentemente si è preso le vite di David Beriain e Roberto Fraile, i due reporter spagnoli uccisi insieme all'irlandese Rory Coveney, il presidente della Chengeta Wildlife Foundation che li accompagnava. I due reporter erano tra i protagonisti del documentario “Morir para contar”, dedicato a tutti coloro che rischiano la propria vita per raccontare conflitti e alle loro famiglie che soffrono aspettando a casa. Rabbrividisco al pensiero che solo due mesi fa ci passavo io su quella strada. Eppure solo ora ho realizzato gli enormi rischi corsi con altri due colleghi. E mi chiedo se sia giusto che solo la morte di tre occidentali possa riportare l’attenzione su un conflitto negletto che va avanti da quasi 10 anni nel Sahel e che vede Mali, Niger e Burkina Faso in balia di gruppi jihadisti legati ad Al-Qaeda e allo Stato Islamico.

Una guerra dimenticata

In Burkina Faso, il jihadismo è arrivato nel 2015, propagandosi dal Mali e colpendo la provincia settentrionale del Soum, il centro nord e l’est del Paese. Un esercito impreparato non è riuscito a prevenire migliaia di civili uccisi, villaggi bruciati e una crisi di sfollati considerata fra le più preoccupanti a livello mondiale.

I jihadisti si nascondono nelle foreste semi-desertiche, attaccando all’improvviso con le loro moto, massacrando e ripartendo. Creando il panico. Assediano villaggi interi, impedendo di coltivare campi, o viaggiare. Controllano intere aree con il terrore. La popolazione li chiama "les gens de la brousse", gli uomini della foresta. Spesso sono civili fuggiti da villaggi, per fame o per costrizione, che vanno a ingrossare le fila di Al Qaeda o dello Stato Islamico.

“Mi sono nascosta quando ho sentito degli spari. Uccidevano chiunque si muovesse” – racconta Salimata, 40 anni, fuggita un anno fa dopo che il suo villaggio è stato attaccato- “Chi correva nella direzione sbagliata è stato abbattuto, compreso mio padre. È stato ucciso di fronte a me”. Oggi Salimata vive in un campo profughi. “Lì non voglio tornare”.

Gli allevatori con le armi

Il terrorismo ha prosperato nella regione soprattutto dopo aver creato una divisione nella società, fra etnie di coltivatori e allevatori, riuscendo a sfruttare le debolezze della società e reclutando i più esclusi, soprattutto giovani Peuls, allevatori tradizionali. È stato quindi facile tacciare come complice dei terroristi tutta la comunità, creando un clima perfetto per massacri di innocenti.

Decine di migliaia di persone, specialmente coltivatori, si sono rifugiati in campi di fortuna per salvarsi dalla furia jihadista. Ma altrettanti Peuls hanno dovuto fare lo stesso per evitare le rappresaglie dell’esercito burkinabé e di civili armati, giustificate come “vendette per gli attacchi jihadisti”. Alcuni gridano al complotto, che sfrutterebbe il caos per eliminarli: “I massacri contro i Peuls erano già presenti prima” dice il Professor Diallo, attivista Peul a Ouagadougou. Nel 2019, il governo burkinabé ha riconosciuto ufficialmente e ha deciso di armare vari gruppi di cacciatori tradizionali appartenenti ai gruppi di coltivatori, che hanno deciso per conto loro di difendersi dagli attacchi jihadisti. Soprannominati “Volontari della patria” (Vdp), combattono ancora oggi al fianco dei gendarmi e delle Forze armate (Fds). Sebbene efficaci nel difendere il territorio, sono stati accusati di varie rappresaglie contro allevatori innocenti. “Abbiamo più paura dei Vdp che dei jihadisti” è il commento di una rifugiata Peul, 52 anni, anonima. Nessuno sa più di chi fidarsi.

“Se all’inizio i terroristi erano arabi, presto si sono create le condizioni per il reclutamento di civili locali, soprattutto Peul” - ammette Diallo -“La reazione dell’esercito e delle milizie Vdp poi, non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Molti di loro si difendono solamente, costretti a sopravvivere perché esiliati dai villaggi o privati del loro bestiame. Ma non tutti i Peuls sono jihadisti”.

Conflitti inventati ad arte

Non si tratterebbe però di un conflitto etnico. I Peuls hanno convissuto per secoli con le popolazioni di coltivatori della zona. “Ci scambiavamo latte delle mucche con prodotti del campo” racconta un allevatore, fuggito dalla furia dei Vdp. Sembra piuttosto una manipolazione: “Era una convivenza pacifica. Il jihadismo ha sfruttato le lievi tensioni fra le comunità per reclutare. Ma i Peuls non sono i soli a fare parte dei gruppi jihadisti né sono le sole vittime” commenta Mahamoudou Swadogo, esperto di jihadismo nel Sahel.

Come altre regioni del Paese, anche la zona attorno a Fada N’Gourma si è presto trasformata in terra di nessuno. Un luogo chiave. Ecco perché, insieme a due colleghi, percorriamo 5 ore di strada per arrivarci. Vogliamo incontrare Thimoté, 40 anni, un cacciatore tradizionale diventato comandante di un gruppo di 140 Vdp nel suo villaggio, Tanwalbougou, 45 chilometri più a est di Fada. Oggi è difficile parlare con uno di loro, il governo non vuole che fiatino. Nascondono qualcosa. La zona non è sicura. Il rischio di un’imboscata jihadista è molto alto.

La famiglia di Thimoté si è rifugiata in una piccola casetta spartana in periferia, nel dicembre del 2019, fuggendo ai vari attacchi jihadisti. Lui è rimasto a combattere. Per tradurre ci accompagna Joseph: “Thimoté è un cacciatore, uccide i terroristi. Si nasconde nella foresta senza che loro possano vederlo”. Lo descrive così. Come racconta Thimoté, “mio padre mi ha trasmesso il potere di scomparire in battaglia. Quando ero piccolo, mi avvicinavo alle leonesse bevendo il loro latte”. Mostra le sue armi, fra cui una maglietta crivellata di proiettili, un braccialetto con amuleti protettivi, e un coltellaccio seghettato ancora sporco di sangue umano. “Nove giorni fa ho trovato un jihadista nascosto in un villaggio. Ho fatto il mio dovere”. Il riferimento al coltello è eloquente. “Dobbiamo combattere per difendere il nostro Paese. Ci attaccano all’improvviso. Rimaniamo fermi, nascosti. Poi rispondiamo. Hanno ucciso centinaia di persone, bruciato i nostri villaggi. Non sono veri musulmani e soprattutto hanno infiltrati che conoscono la zona”.

Thimoté vuole mostrarci di più, portandoci fino a Tanwalbougou. Nella tana del lupo. Un villaggio macchiato di sangue. Nel 2020, dodici Peuls innocenti sono stati massacrati dai gendarmi e dai Vdp nei locali della gendarmeria. Forse anche lui ne era complice. Seduti proprio in quel luogo macabro, i gendarmi di Tanwalbougou ci mandano via con molta diffidenza. Sanno bene cosa cerchiamo. Il loro posto di comando è decorato da fori di proiettili. Il pericolo è dietro l’angolo. Non solo i terroristi potrebbero attaccare, ma anche loro sono ostili. Troppo facile eliminarci. Come dimostra la fine dei due giornalisti spagnoli. “Qui, i Peuls non possono attraversare la strada. Molti di loro combattono con i jihadisti o danno loro informazioni. Prima non avevamo problemi con loro. Allevavano le nostre bestie. Ma poi le cose sono cambiate. Se il governo non cerca di sensibilizzarli, dovremo ucciderli tutti”. Parole forti. Fortissime in un momento dove le comunità sono divise più che mai.

Alla fine, i gendarmi non rispondono. Ci mandando via. Ma un testimone Peul della zona, anonimo (questione di vita o di morte), racconta: “Thimoté è stato attivo in alcuni massacri. Quello che è successo con quei 12 Peuls era chiaramente un assassinio. Io ho seppellito i loro corpi. Erano pieni di sangue sebbene il procuratore di Fada N’Gourma avesse dichiarato che erano morti soffocati in una cella della gendarmeria”.

Il governo ha nascosto un massacro ingiustificato. A Ouagadougou, gli attivisti e gli esperti dibattono sull’origine del problema. Il conflitto ha colpito tutta la popolazione. I Peuls sono al centro dell’attenzione e le ferite avranno bisogno di tempo per rimarginarsi.

Ineguaglianze sociali e Sharia

Le sfaccettature di questo conflitto sono molte. In realtà ogni comunità vive questa crisi a livello locale. Ogni villaggio ha problemi differenti legati al jihadismo. “Alcuni villaggi, dimenticati dallo Stato, hanno avuto problemi. Prima del terrorismo, c’era già un problema di ineguaglianza sociale. Alcuni Peuls per esempio, hanno deciso di ribellarsi unendosi ai terroristi per questo motivo. Spesso sono gruppi insurrezionalisti che si legano ai terroristi solo per sopravvivere” afferma Swadogo.

A prova di ciò, in Burkina Faso, come in Mali, molte comunità stanno negoziando con i jihadisti trovando soluzioni locali. Indirettamente, sarebbe coinvolto anche il governo. Un indizio imprescindibile per capire che si tratta di una guerra che ha strumentalizzato un conflitto etnico inesistente. Nel nord del Paese, vicino alla città di Ouahigouya, leader tribali di alcuni villaggi stanno incontrandosi con gruppi jihadisti per capire come porre fine all’insicurezza. “Spesso chiamano prima loro. Sono affamati. Chiedono di poter tornare al mercato, mangiare, predicare nella moschea in cambio della sicurezza di civili, poter coltivare i campi e spostarsi” dice il sindaco di un villaggio riferendosi ai jihadisti. Spesso le richieste sono inaccettabili. Molti gruppi terroristi vogliono imporre la Sharia, la legge islamica: “Siamo musulmani, sì. Ma non vogliamo la Sharia” dice un abitante di un altro villaggio che ha partecipato a negoziati nella zona.

Negoziare potrebbe essere una soluzione per fermare il bagno di sangue. Alcuni incolpano l’Occidente, dicendo che i jihadisti sono una loro creatura. Molti si pongono la domanda di come tutto questo sia cominciato improvvisamente, visto che regnava l’armonia e se tutto ciò potrà mai finire. Sebbene gli attacchi siano diminuiti, i terroristi continuano a imperversare nel territorio, come conferma la morte dei due reporter spagnoli. Senza pietà, eliminano chiunque. Raccontarlo, quindi, è un dovere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi burkina faso jihadisti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved