tre-reporter-europei-uccisi-dai-jihadisti-in-burkina-faso
Forze di polizia in azione in Burkina Faso (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Voli europei, tariffe quasi raddoppiate

Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
speciale ucraina
LIVE

Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’

Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
Estero
9 ore

Colombia, Betancourt ritira la candidatura alle presidenziali

Sfavorita nei sondaggi ha deciso di sostenere il candidato indipendente Rodolfo Hernández: ‘L’unico che oggi può sconfiggere il sistema’
Estero
15 ore

Marin e Andersson, le due premier che sfidano Putin

La finlandese, con una storia familiare difficile, e la svedese, eletta per un cavillo, stanno traghettando i loro Paesi nella Nato
Estero
1 gior

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
1 gior

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 gior

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
1 gior

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
1 gior

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
1 gior

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
27.04.2021 - 21:22
Aggiornamento : 22:31

Tre reporter europei uccisi dai jihadisti in Burkina Faso

Stavano facendo un servizio sul bracconaggio: due di loro erano spagnoli, uno irlandese. Tra i sopravvissuti c'è anche uno svizzero

Tre reporter, tra cui lo spagnolo David Beriáin, fra i massimi esponenti europei del giornalismo d'inchiesta, sono stati uccisi in una sorta di esecuzione da terroristi islamici legati ad al-Qaida in Burkina Faso, dove erano stati rapiti lunedì mattina mentre raccoglievano materiale per un reportage sul bracconaggio. Beriain, 43 anni, il cameraman Roberto Fraile (47, anch'egli spagnolo) e un collega irlandese facevano parte di un gruppo di giornalisti e formatori occidentali che stavano seguendo una pattuglia anti-bracconaggio nel sud-est dell'ex Alto Volta, ai bordi di una riserva naturale verso il confine col Benin: circa 40 persone, di cui 15 di scorta, secondo quanto è possibile ricostruire da fonti ufficiali e mediatiche.

La dinamica

Nella zona di Pama un veicolo e alcune motociclette del convoglio che facevano da battistrada sono incappati "in una postazione tenuta da terroristi che hanno aperto il fuoco", ha riferito il ministero della Comunicazione. Tre uomini della scorta sono rimasti feriti e c'è stato il rapimento dei tre reporter stranieri e di un burkinabè. "I tre occidentali sono stati giustiziati dai terroristi", ha riferito un alto funzionario dei servizi di sicurezza senza aggiungere altri dettagli. Anche se per il momento, secondo il ministero burkinabè, "l'identità dei rapitori non è accertata in maniera chiara", a ucciderli dovrebbero essere stati i jihadisti del Jnim (il Nusrat al-Islam wal-Muslimin, Gruppo di sostegno all'Islam e ai musulmani): è stata infatti questa formazione, in un messaggio audio, a rivendicare il sanguinoso rapimento. "Abbiamo ucciso tre bianchi. Abbiamo anche preso due veicoli con armi e 12 motociclette", si afferma nella registrazione.

Il veterano dei fronti caldi

Beriain, veterano di molti fronti caldi del pianeta, era conosciuto anche in Italia fra l'altro per uno dei documentari della serie 'Il mondo dei narcos' sui signori della droga e la corruzione in Colombia e Messico. Lo spagnolo era autore anche del programma televisivo 'Clandestino', che affrontava il tema della criminalità organizzata in diverse parti del mondo: per un reportage sulla 'ndrangheta, mandato in onda nel novembre del 2009, la Procura di Milano però lo aveva indagato per il sospetto che contenesse testimonianze fake.

Il cameraman Fraile, che lascia due figli, sempre come freelance aveva già rischiato la vita in diversi conflitti tra cui quello in Siria dove, ad Aleppo nel 2012, era stato ferito all'inguine da una scheggia. Dell'irlandese in serata si è appreso che era sposato ad un'olandese e viveva nei Paesi Bassi.

Fra i sopravvissuti c’è anche uno svizzero. La pericolosità del Burkina, poverissima ex colonia francese senza sbocchi al mare, si inquadra nell'attività di gruppi jhadisti nella regione semi desertica del Sahel cominciata con la conquista di ampi settori del Mali settentrionale nel 2012 e solo in parte arginata dall'intervento militare di Parigi e altri Paesi dell'area.

Scatenati in Burkina dal 2015 sono anche i terroristi Isis dello Stato islamico nel Gran Sahara (Egis) e di altre formazioni come gli Ansaroul Islam: l'Onu ha contato più di 1.800 morti nel solo 2019 e oltre un milione di sfollati da allora. Vari anche i rapimenti, fra cui quello durato 15 mesi dell'architetto padovano Luca Tacchetto e della sua compagna canadese Edith Blais, tornati liberi solo nel marzo dell'anno scorso. Nel gennaio 2016 era stata rapita a Djibo (al confine con Mali e Niger) anche una coppia australiana: la donna fu liberata circa un mese dopo mentre l'uomo è ancora dato per scomparso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa bracconaggio burkina faso david beriain jihadisti reporter
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved