ULTIME NOTIZIE Estero
l’invasione russa
7 ore

Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina

Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
7 ore

Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti

Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
Giamaica
8 ore

Usain Bolt frodato per 12,7 milioni di dollari

L’otto volte campione olimpico truffato da una società di investimento privata che avrebbe raggirato pure molte altre persone e uffici governativi
balcani
8 ore

Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue

Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
8 ore

Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’

Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
Stati Uniti
9 ore

Smantellata una maxirete internazionale di hacker

Basato negli Stati Uniti, il gruppo Hive Ransomware aveva estorto più di 100 milioni di dollari a persone o compagnie di tutto il mondo
Estero
9 ore

Settantaquattro milioni non bastano: Cedu in affanno

Troppi ricorsi e troppi pochi fondi per la Corte europea dei diritti umani. A fine 2022 i fascicoli pendenti erano ancora oltre 74mila
Estero
12 ore

Piccolo Stato, grande multa: San Marino sanziona Facebook

Meta Inc. ha perso il ricorso e dovrà pagare 4 milioni di euro per la diffusione indebita dei dati di circa 12’700 sammarinesi
Estero
13 ore

Al Memoriale della Shoah ‘I Simpson deportati ad Auschwitz’

I murales dell’artista aleXsandro Palombo sono apparsi sui muri della Stazione centrale a Milano presso il Binario 21, luogo di partenza per i lager
Confine
15 ore

Como, aumenta il numero di giovani spacciatori

Quattro giovani sono stati denunciati a piede libero per detenzione di hashish. Sanzionato anche un minorenne
Italia
16 ore

15enne spinto sui binari, fermati due minori: lite per gelosia

I due hanno rischiato di far finire il coetaneo sotto un treno in corsa alla stazione di Seregno. All’origine dell’aggressione, una ragazza ‘contesa’
Estero
18 ore

Maxiretata anti-’ndrangheta: 56 arresti, sequestri milionari

L’operazione è scattata oggi in diverse province in tutta Italia, da Milano a Vibo Valentia: sequestrati beni per 250 milioni di euro
Estero
18 ore

Spagna: attacco con machete in due chiese, un morto e un ferito

Un uomo ha aggredito il parroco e il sagrestano di due parrocchie nella città di Algeciras, ferendo il primo e uccidendo il secondo per poi essere fermato
Estero
1 gior

Trump torna su Facebook e Instagram

L’ex numero uno della Casa Bianca riavrà il suo account. Lo ha deciso Meta, due anni dopo averlo sospeso per i fatti del Campidoglio
Estero
1 gior

Sagrestano ucciso in attacco con arma da taglio in Spagna

La vittima è stata colpita da un uomo armato di macete all’interno di una chiesa. L’aggressore è stato fermato dalla Polizia. Ferito anche un parroco
14.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:20

Per il Sudamerica? Tutto a destra

Finiti i sogni di gloria del chavismo, anche l'Ecuador sceglie un conservatore come Brasile e Uruguay. Ma in Perù spunta una speranza comunista

per-il-sudamerica-tutto-a-destra
Guillermo Lasso festeggia la vittoria con la mano sul cuore (Keystone)

“Sono socialista, bolivariano, cristiano e anche marxista”, così Hugo Chávez, sotto lo sguardo di Fidel Castro, dal Palacio de Las Convenciones dell’Avana (da dove sennò?) conquistava i delegati del vertice per l’Alleanza Bolivariana dei popoli dell’America Latina. Eravamo agli sgoccioli dello scorso millennio quando Chávez prese il potere in Venezuela aprendo la strada a un Sudamerica mai così sbilanciato verso sinistra, con le elezioni in rapida sequenza di Luiz Inácio Lula da Silva e poi Dilma Rousseff in Brasile, Nestor Kirchner e la moglie Cristina Fernandez in Argentina, Evo Morales in Bolivia, Michelle Bachelet in Cile, Rafael Correa in Ecuador e dei quindici anni ininterrotti del Frente Amplio in Uruguay, culminati con l’elezione dell’ex tupamaro Pepe Mujica, il presidente che tutti avremmo voluto come nonno e il nonno che tutti vorremmo come presidente. Mujica divenne una celebrità suo malgrado: meno faceva per finire sotto i riflettori, più i riflettori lo illuminavano. L’auto scassata, la casetta umile, i vestiti del mercato mal stirati, le frasi sagge a metà tra l’antico proverbio e i mantra motivazionali new-age, l’idea che ci salveranno i giovani, l’ecologia e le rinunce ben più delle pretese.

Da Lenin a Lenìn

Vent’anni dopo Chávez è morto, il marxismo è morto, il socialismo è morto e anche il bolivarismo non si sente tanto bene. Gli altri sono spariti tutti, o quasi. Resiste l’erede Nicolas Maduro, presidente a metà in un Venezuela ormai allo stremo, resistono madame Kirchner, tornata in auge a fine 2019 (come vice del presidente Alberto Fernández) dopo l’esperimento fallimentare di Mauricio Macri in Argentina; e Lula, riemerso da una serie di scandali giudiziari. Resiste soprattutto la religione, collante d’importazione che in parte cozza con le pretese chaviste di un’America Latina unita e primigenia, massacrata dai conquistadores andati dall’altra parte del mondo nel nome di Dio. Lo stesso nome pronunciato fino allo sfinimento dal nuovo presidente dell’Ecuador, Guillermo Lasso, ultimo esponente di un’ondata di uomini di potere sudamericani ultraconservatori che ha spazzato via i sogni di chi, come Chávez metteva nel suo pantheon Marx e Gramsci, Castro e Garibaldi. Ironia della sorte, Lasso sfila la sedia al delfino di Correa, il socialista Moreno, il cui nome di battesimo è Lenín, con l'accento sulla i.

Dio, Dio, Dio, patria e famiglia

Banchiere e membro dell’Opus Dei, il neopresidente dell’Ecuador si è presentato al Paese come un inevitabile dono del Signore, Eppure per ben due volte era stato bocciato dagli elettori. Strano, per un predestinato. Questa volta nulla ha potuto la sinistra telecomandata sempre da Correa, che aveva scelto Andrés Arauz per continuare una via socialista a cui non credeva più nessuno. Anche perché Correa, il telecomando lo usa dal Belgio, dove ha riparato dopo una condanna a otto anni per corruzione in patria.

E così tra espliciti richiami patriarcali e la promessa che mai l’aborto sarà praticato sotto la sua presidenza, Lasso s’infila nel solco creato da Bolsonaro e i suoi fratelli. Del presidente brasiliano, negazionista del Covid e grande amico di Trump, dei petrolieri e dei disboscatori dell’Amazzonia, si è già detto e scritto tutto. Il suo mandato scade nell’ottobre del 2022 e - fino a un anno fa - tutto credeva, Bolsonaro, fuorché ritrovarsi con una pandemia fuori controllo e il possibile ritorno del temuto Lula in politica.

Proprio l’esito del voto in Brasile (sempre che Lula si candidi davvero) potrebbe far tornare a oscillare il pendolo sudamericano verso sinistra, in virtù del peso specifico di un Paese grande quasi la metà dell’intero subcontinente.

I figli delle dittature

Una prima scossa potrebbe arrivare dal Perù dove lo scontro per la presidenza non poteva avere due contendenti ideologicamente più lontani, il maestro-contadino comunista Pedro Castillo e un candidato della destra, molto probabilmente Keiko Fujimori, figlia dell’ex dittatore Alberto: i due pretendenti, usciti da una rosa-monstre di 18 candidati, mostrano al meglio le mancanze di una terra sedotta spesso dagli estremi e raramente dalla sintesi. Castillo per ora è avanti, ma al ballottaggio i conservatori (che hanno conquistato secondo, terzo e quarto posto) potrebbero unirsi e tenere a bada questo rigurgito di sinistra.

Proprio la presenza di Keiko Fujimori riaccende il dibattito sulle dinastie, sui familismi e sui clientelismi che in Sudamerica - come e più che in altre parti del mondo - sono durissimi a morire. In Cile, al comando c’è Sebastian Piñera, che è rimasto in sella nonostante le maxi-proteste di due anni fa. Erede di una famiglia che fin dal Settecento va a braccetto con il potere e fratello dell’ex ministro del Lavoro di Augusto Pinochet, sostenne in prima persona il dittatore fino allo storico referendum del 1988 che vide l’inattesa sconfitta del Caudillo.

In Paraguay il legame tra il potere di oggi e quello delle sanguinarie dittature del Novecento è altrettanto lampante: l’attuale presidente Mario Abde Benítez è il figlio del segretario personale del generale Alfredo Stroessner, il meno noto, non il più tenero dei carnefici di un Sudamerica incapace di liberarsi dei fantasmi di destra che si auto-replicano svestendo le uniformi per un più rassicurante doppiopetto come di una sinistra barricadera, prigioniera dei suoi sogni e mai all’altezza delle aspettative.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved