ULTIME NOTIZIE Estero
Tunisia
2 min

Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato

All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
1 ora

Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro

I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
Estero
10 ore

Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio

Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
Estero
10 ore

La Cina sceglie la repressione, ma non solo

Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento
Confine
15 ore

Confine, possibili scioperi dei treni italiani

Il due dicembre sarà una giornata di astensione dal lavoro in tutte le categorie pubbliche e private. Questo potrebbe causare disagi a chi viaggia
Estero
18 ore

L’Ue sempre più tecnologica: arrivano i droni 2.0

Potranno essere impiegati per servizi di emergenza, mappatura, ispezione e sorveglianza, consegna urgente di medicinali o anche come ‘aerotaxi’
Thailandia
19 ore

Tutti i monaci positivi all’antidroga: chiude il tempio buddista

Accade in Thailandia. I religiosi sono risultati positivi al test anti-metanfetamina e inviati in una clinica specializzata
Estero
1 gior

La protesta cinese è un foglio bianco

Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
1 gior

Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia

Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
08.04.2021 - 16:52

Il regime birmano sfratta l'ambasciatore a Londra

Silurato per le sue critiche ai militari e lasciato a dormire in auto. Il Regno Unito protesta, ma non può fare nulla

Ansa, a cura de laRegione
il-regime-birmano-sfratta-l-ambasciatore-a-londra
L’ambasciatore birmano sfrattato (Keystone)

Buttato fuori dall'ambasciata di cui fino a ieri era a capo e costretto a dormire al freddo d'un aprile ancora invernale in automobile. È stato quasi un colpo di Stato nel colpo di Stato il trattamento inflitto nelle ultime ore dal regime militare birmano a Kyaw Zwar Minn, ambasciatore ribelle del Myanmar a Londra, silurato senza complimenti, e senza il minimo riguardo a qualunque straccio d'etichetta di diplomazia, in barba alle proteste sdegnate quanto impotenti del governo britannico di Boris Johnson.

Il blitz

Tutto si è consumato con un blitz affidato dalla giunta insediatasi in questi mesi al potere nel Paese asiatico all'attaché militare in servizio nella sede diplomatica. Che in sostanza si è arrogato il diritto di far cacciare via il titolare e di ordinarne la sostituzione immediata ad interim con quello che finora era il suo vice: da oggi promosso a incaricato d'affari. Una liquidazione brutale per Kyaw Zwar Minn, che paga inevitabilmente il fatto d'aver preso le distanze dal golpe e invocato pubblicamente il mese scorso il rilascio sia del presidente deposto Win Myint sia della ex leader civile Aung San Suu Kyi. "È stato come una specie di altro colpo di Stato" in piccolo, ha raccontato a cose fatte l'ormai ex ambasciatore, incamminato a questo punto verso un probabile esilio nel Regno Unito.

Extra-territorialità

Il governo Tory britannico ne ha per parte sua elogiato "il coraggio" in difesa "della democrazia" birmana e contro "la violenza spaventosa" imputata alle repressioni del regime golpista dal ministro degli Esteri, Dominic Raab; il quale ha denunciato inoltre le modalità del defenestramento dell'indocile capo missione come "un atto di bullismo" politico.

Atto intollerabile sulla carta, ma di fronte al quale Londra non può in effetti andare oltre le dichiarazioni di "condanna" e lo sdegno, data l'inviolabilità, l'immunità e lo status extraterritoriale dell'ambasciata. Come non ha potuto far a meno di riconoscere lo stesso Foreign Office, nel breve comunicato di gelida presa d'atto della notifica ricevuta infine in mattinata dal ministero degli Esteri birmano sul cambio della guardia. "Dobbiamo accettare - vi si legge - la decisione presa dal governo del Myanmar in merito alle funzioni di Kyaw Zwar Minn".

Il fronte Onu

La battaglia torna dunque a spostarsi in sede Onu, dove Londra, con gli alleati occidentali e altri Paesi, è in prima fila negli appelli per chiamare sul banco degli imputati "i generali felloni" dell'ex colonia asiatica dell'Impero britannico. Ma anche sul fronte delle sanzioni, già allargate di recente da Regno Unito e Usa ai responsabili dello strategico complesso militar-industriale birmano. Mentre a proteggere la giunta resta soprattutto la Cina sull'arena internazionale; e gli apparati repressivi di esercito e polizia su quella interna, dove il totale di dimostranti uccisi nel quadro delle proteste che proseguono giorno dopo giorno contro il putsch e per "il ripristino della democrazia" è salito ormai a 600; e i civili arrestati per aver denunciato il sopruso dei militari o le violazioni dei diritti umani a quasi tremila.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved