ULTIME NOTIZIE Estero
caro-energia
11 min

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
50 min

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
diritti civili
1 ora

Slovenia: il Parlamento approva il matrimonio gay e l’adozione

Si tratta del primo Paese dell’ex area comunista a farlo. Attuata un’indicazione dell’Alta Corte
la guerra in ucraina
2 ore

Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’

Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
3 ore

Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’

Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
Confine
4 ore

Trenord, disagi previsti nel weekend a causa di uno sciopero

Sabato 8 in caso di ripercussioni saranno disponibili autobus sostitutivi tra Milano Cadorna e l’aeroporto T1 di Malpensa e tra Stabio e il T1.
Confine
4 ore

Como, tra le province con i dati più bassi di criminalità

I furti in abitazione e la piaga dell’usura indicano qualche segnale di allarme, ma inferiore rispetto a Milano che si trova in cima alla graduatoria.
Estero
6 ore

Getta in terra sculture ai Musei Vaticani, fermato un turista

L’uomo ha danneggiato gravemente due antichi busti nella galleria Chiaramonti. È apparso agitato e ha detto di voler parlare col papa
Confine
8 ore

Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena

I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.
Estero
8 ore

Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato

È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
9 ore

In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato

Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
11 ore

Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia

Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
13 ore

Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime

All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
13 ore

India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti

L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
Italia
14 ore

La terra trema a Genova. Scossa avvertita in tutta la città

Il sisma, di magnitudo 3,5, è stato registrato ieri sera alle 23.41, con epicentro a due chilometri a ovest del Comune di Davagna
Italia
15 ore

Molesta un’allieva 11enne. Professore arrestato a Caltanissetta

In giugno la ragazzina aveva raccontato tutto a un’insegnate, che aveva informato il preside, senza però sortire effetti. Poi si sono mossi i genitori
Stati Uniti
15 ore

Da Corea del Sud e Usa 4 missili nel Mar del Giappone

All’indomani del test nordcoreano di Pyongyang s’alza la voce (e non solo quella) di Seul e Washington
Estero
1 gior

La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia

La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
Estero
1 gior

Angela Merkel riceverà il Premio Onu per i rifugiati

L’onorificenza verrà consegnata all’ex cancelliera in ricordo alla sua decisione di aprire le porte della Germania a oltre un milione di siriani nel 2015
india
1 gior

Arrestati 4 italiani per i graffiti su un treno

La prima udienza oggi a Mumbai. Saranno multati, ma nessuna accusa penale
il dopo-elezioni
1 gior

In Bosnia Dodik accusato di brogli

Tre partiti d’opposizione hanno chiesto l’annullamento dell’elezione del presidente della Republika Srpska
la guerra
1 gior

‘Putin prepara un test nucleare al confine ucraino’

Il Times cita un’informativa della Nato. La Cia: ‘Spalle al muro, può essere pericoloso’. La Casa bianca minimizza
stati uniti
1 gior

‘Obbligò la fidanzata ad abortire’, bufera sul protetto di Trump

Accusato dalla sua ex il fervente anti-abortista Herschel Walker, leggenda del football in Georgia, che paragona la pratica a un omicidio
Estero
1 gior

Zelensky vieta i negoziati coi russi, che ammettono la ritirata

Il presidente ucraino ha firmato un decreto che ratifica una decisione del Consiglio di sicurezza di Kiev dopo le annessioni delle quattro regioni
l'intervista
laR
 
02.04.2021 - 05:20

‘Io, ex bambino-soldato. Ero carne da macello’

John Baptist Onama: ‘Ti mettevano un kalashnikov in mano e dopo tre giorni eri a combattere. In Uganda interi battaglioni formati da bimbi di nove anni’

io-ex-bambino-soldato-ero-carne-da-macello
Bambini-soldato in Sierra Leone (Keystone)

John Baptist Onama e Dominic Ongwen sono due ex bambini-soldato ugandesi. Entrambi avevano 13 anni quando sono stati catturati e costretti a indossare un’uniforme. Ongwen, un mese fa, è stato condannato dalla Corte penale internazionale dell’Aja in quanto signore della guerra, passato da vittima a carnefice. Come se non ci fosse altra strada per chi riceve un’arma in mano quando è ancora ragazzino. Ma un’altra strada c’è. L’ha imboccata John Baptist Onama, 54 anni, oggi mediatore culturale e pedagogista. Vive a Padova e si occupa di diritti umani collaborando, tra gli altri, con Amnesty International. Non solo ripudia le armi, quelle vere, ma chiede a genitori e parenti di non regalare armi-giocattolo ai bambini: “Per un bimbo è difficile capire la differenza tra gioco e realtà. Ci sono tanti altri bei giochi… Ogni volta che vedo un videogame con le teste che esplodono, penso che io l’ho vista davvero la gente saltare per aria. Ero poco più di un bambino e la mia innocenza è stata rubata”.

Il caso Ongwen è un capitolo doloroso per uno come lei?

“Tutto quel che di orrendo accade in Africa lo è. Si compiono, impunite, atrocità di ogni tipo. Quando all’Aja hanno incriminato Ongwen, in Uganda si stava studiando un’amnistia per liberarlo. Certi governi, poi, si sostengono l’uno con l’altro”.


Dominic Ongwen, signore della guerra condannato dal Tribunale dell'Aja (Keystone)

Quanto è diffusa oggi la pratica dei bambini-soldato?

“È un fenomeno straripante. Ongwen quando fu preso ne aveva 9, oggi vengono arruolati bambini di 5-6 anni. Spesso sono loro stessi a offrirsi. Sono orfani, non hanno una comunità che li protegge. Ryszard Kapuscinski in “Ebano” racconta dei bambini autoreclutati dell’Uganda. E io ricordo il dittatore Amin che vestiva i suoi figli in uniforme con tanto di medaglie militari. Quando ci si abitua a questi eccessi, qualcuno pensa che sia normale mettere un’arma in mano a un bambino”.

Lei come è diventato un bambino-soldato?

”Nel 1979 Amin fu cacciato con tutte le sue truppe e l’Uganda cambiò di colpo il suo esercito. Spinti dalle condizioni dei campi profughi, alcuni uomini sconfinavano nell’area di Moyo, al confine con il Sudan, per rubare cibo, oggetti e armi. Le loro azioni di disturbo e imboscate mettevano in difficoltà quell’esercito inesperto e Moyo fu dichiarata zona di guerra. Queste bande non avevano divisa e quindi chi poteva distinguere tra civili e banditi? Nell’ottobre del 1980 io e mio fratello perdemmo il contatto con la famiglia e finimmo nelle mani dell’esercito. Loro non conoscevano il territorio e avevano bisogno di noi, che eravamo della zona, per pattugliare, fare da guida e contrastare i ribelli”.

Vi insegnavano a usare armi? Che vita facevate?

“Vita militare. Io, mio fratello e altri 4 ragazzini facevamo parte di un plotone di 70 uomini. Venivamo trattati meglio degli adulti. Se facevi le cose giuste e collaboravi eri un po’ la mascotte, il Kidogo si dice dalle mie parti. Ci davano da mangiare a sufficienza e a modo loro erano anche protettivi. Però stavamo via anche 6-7 giorni di fila. Di notte si dormiva all’aperto o in case abbandonate dove dovevamo fare turni di guardia. I ribelli, agilissimi e in piccoli gruppi, ci seguivano. Non avevano pietà, avevano i loro cecchini, uccidevano per vendicare i loro compagni. Si viveva alla giornata: ‘Oggi ci sono, domani non lo so’. Facevano fumare marijuana anche a noi più piccoli. Era un modo per rilassarsi, oltre che per ingannare la fame, il freddo e la stanchezza. Camminavamo ore e ore, per decine di chilometri, anche di notte”.


Un bambino-soldato impara a usare le armi (Keystone)

Che armi vi davano?

“La maggior parte erano kalashnikov, ognuno aveva il suo. L'equipaggiamento era misto, la divisa ad esempio era inglese. Avevamo anche lanciarazzi e mortai. Io avevo solo il mio kalashnikov. Ero una guida, ed essendo sempre più avanti rispetto agli altri ero più esposto a scontri e spari. Avere un’arma era necessario. In tre giorni di addestramento ti insegnavano a usarlo, mantenerlo, pulirlo, assemblarlo”.

E poi, che è successo?

“Finita la stagione delle piogge, la boscaglia veniva bruciata e c’erano meno nascondigli. Quindi c’era anche meno bisogno di me. Sono tornato al quartier generale, da lì sono scappato a Gulu, dove sono nato. Incontrai una suora e mi sono rivolto a lei, mi ha preso in un collegio. Ma temevo sempre che i militari mi riconoscessero. Così sono salito su un camion che andava verso la capitale. Ero un irregolare nell'esercito regolare, col vantaggio di poter scappare facilmente e lo svantaggio che potevano fare di te quel che volevano. Di fatto non esistevi. Eri carne da macello”.

Eravate molti bambini-soldato? Come venivano reclutati?

“All’epoca era una cosa rara. Solo negli anni Ottanta diventerà una consuetudine. Nel 1982 ci fu un’altra guerriglia nel sud dell’Uganda con un intero battaglione formato da 1.500 bambini-soldato di nove-dieci anni. Assisti al massacro dei genitori o dei tuoi fratelli e ti dicono ‘li hanno uccisi quegli altri’, tu cosa fai? Parti. Molti bambini-soldato non escono mai più dell’esercito. Perché non hai alternative, non impari altro. Hai solo la tua capacità di combattere. Poi da giovane ti senti forte, spericolato, invincibile. Prendi rischi che un adulto non prende. E vieni usato per compiere atrocità. In Sierra Leone quelli che tagliavano le mani ai rivali erano bambini-soldato. Io ho avuto esperienza tremende, ho visto uccidere con i miei occhi, ma rispetto a cosa è successo dopo è stata poca roba. Tutto è precipitato. Saranno una trentina i Paesi in cui vengono usati bambino soldato. Abbiamo visto bambini dell'Isis uccidere gli infedeli. In Congo la situazione è pure peggio, non esistono più aggettivi per descrivere la situazione di quel Paese. Ma anche in Ciad, Sudan, Somalia, Repubblica Centrafricana e Mozambico arruolano bambini. E sempre più piccoli”.

Lei come ne è uscito? 

“Era il 1981. Stavo andando in Sudan, in un convoglio di aiuti umanitari scortato, per tornare dai miei genitori nel campo profughi. Ma non ci sono arrivato. A Gulu i militari mi hanno riconosciuto, minacciato, accusato di essere una spia, punito e poi rispedito al fronte. Vogliono farti credere che ti risparmiano la vita per farti rigare dritto. Dopo sei mesi sono riuscito a scappare, trovando la protezione di un vescovo. Mi ha salvato la scuola. Ero considerato un ragazzo intelligente che in Uganda non aveva i mezzi per fare l’Università. Alla fine tramite l’Azione Cattolica sono stato ospitato da una famiglia di Verona. Mi ha cambiato la vita”.


John Baptist Onama oggi vive a Padova (Film Festival Diritti Umani Lugano)

È più tornato in quei posti?

“Sì, e non è un effetto molto bello. Nel 2019 ho ripercorso in autobus lo stesso percorso che avevo fatto da bambino-soldato. Su uno dei ponti dove avevo subito un’imboscata, si è rotto il bus e abbiamo dovuto fermarci per un pò proprio lì”. 

Ha fatto i conti con il passato?

“Ho sofferto in silenzio. Per anni non ne parlai. E i conti con quel passato li continuo a fare ancora oggi. Poi in Uganda quando sei coinvolto in atti di sangue sei malvisto. Se uno è assassino da bambino, figuriamoci da adulto. Non si tiene conto di come le cose accadono. Avevo anche cercato di raccontare alcuni episodi a scuola, in Africa, ma fu ancora peggio. Mi escludevano. In Italia iniziai ad aprirmi quando avevo 24-25 anni”.

Come reagisce chi la conosce?

“A Padova parlo poco del mio passato. La gente, quando sa, cade dalle nuvole. Non amo essere conosciuto per quel che ero. Perdipiù senza colpe. Mi sono creato una vita nuova, che mi piace e mi appassiona. E io sono quello che sono oggi”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved