maxi-blitz-di-venti-aerei-cinesi-nei-cieli-di-taiwan
Alzabandiera a Taiwan (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 min

Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto

Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
1 ora

Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso

Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
LIVE

Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr

Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
3 ore

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
4 ore

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
4 ore

Un carro attrezzi per rimuovere solo... le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
5 ore

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
5 ore

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
26.03.2021 - 22:46

Maxi blitz di venti aerei cinesi nei cieli di Taiwan

Escalation nello Stretto dopo i recenti accordi tra Taipei e Usa

Maxi blitz di venti aerei militari cinesi nella zona di identificazione della difesa aerea (Adiz) di Taiwan: un'operazione valutata come la più grande del suo genere mai segnalata dal ministero della Difesa dell'isola da quando, a metà settembre del 2020, iniziò a rendere pubbliche le incursioni dell'Esercito popolare di liberazione. La mossa rappresenta un'ulteriore escalation della tensione nello Stretto di Taiwan e un monito di Pechino a non superare la 'linea rossa' dell'indipendenza, peraltro ribadita nel vertice in Alaska tra i capi della diplomazia di Usa e Cina, a stretto giro dalla firma di Taipei con gli Stati Uniti - avvenuta giovedì a Washington - di un memorandum per avviare un gruppo di lavoro dedicato alla guardia costiera e al rafforzamento della cooperazione marittima.

La nota del Ministero

L'accordo è stato visto dagli analisti come la risposta dei due partner alla recente legge approvata dalla Cina che consente alle navi della sua guardia costiera di usare le armi in determinate condizioni contro unità straniere che operano in acque dichiarate come suo territorio. Il ministero della Difesa, in una nota, ha spiegato che la pattuglia aerea cinese era composta da quattro bombardieri H-6K con capacità nucleare, 10 jet da combattimento J-16, due caccia multiruolo J-10, due aerei da guerra anti-sommergibile Y-8 e altre unità da ricognizione: una prova di forza, avvenuta poi quando l'aeronautica militare dell'isola ha sospeso gli addestramenti dopo i due incidenti aerei registrati all'inizio della settimana. L'aeronautica militare di Taiwan ha risposto con aerei di monitoraggio, emettendo allarmi radio e mobilitando le risorse di difesa fino a quando i jet cinesi non hanno lasciato l'area. Divenuti ormai quotidiani, l'ultimo blitz di Pechino più consistente risale a febbraio, con un picco giornaliero di 11 aerei.

Territorio conteso

La Cina vuole unirsi con Taiwan, che vede come "parte inalienabile" del suo territorio, e minaccia di usare la forza per schiacciare i passi verso l'indipendenza formale. Giovedì, intanto, Taiwan ha reso noto di aver iniziato la produzione di massa di un missile a lungo raggio ed è al lavoro sullo sviluppo di altri tre. Il ministro della Difesa Chiu Kuo-cheng ha affermato, in un'audizione parlamentare, che lo sviluppo dei vettori è una priorità. Le forze armate di Taiwan si sono tradizionalmente concentrate sulla difesa dell'isola, ma la presidente Tsai Ing-wen ha marcato l'importanza di sviluppare un deterrente "asimmetrico", utilizzando apparecchiature mobili difficili da trovare e distruggere e in grado di colpire obiettivi lontani dalla costa di Taiwan. Washington, il principale partner e fornitore di armi di Taipei, ha intensificato il suo sostegno alla creazione di un contrappeso militare alle forze cinesi, basandosi sullo sforzo noto all'interno del Pentagono come 'Fortezza Taiwan'.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blitz cina taipei taiwan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved