PHI Flyers
1
TB Lightning
7
fine
(0-2 : 0-3 : 1-2)
COB Jackets
6
SJ Sharks
4
fine
(1-1 : 2-2 : 3-1)
NY Islanders
1
CHI Blackhawks
2
3. tempo
(0-1 : 1-0 : 0-1)
WIN Jets
5
TOR Leafs
3
2. tempo
(1-1 : 4-2)
EDM Oilers
1
LA Kings
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
VEGAS Knights
CAL Flames
04:00
 
maxi-blitz-di-venti-aerei-cinesi-nei-cieli-di-taiwan
Alzabandiera a Taiwan (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Francia
5 ore

La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri

Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
5 ore

Londra impone il tampone anche prima della partenza

La nuova stretta sui viaggia per l’allarme Omicron scatena la protesta di compagnie aeree e tour operator
Estero
8 ore

‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani

A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
Estero
9 ore

Germania: strage di Brandeburgo, trovata una lettera d’addio

A rivelare il dettaglio è il quotidiano tedesco Bild. Le indagini procedono con riserbo sui cinque corpi trovati ieri senza vita dalla polizia
Italia
10 ore

In Italia entra in vigore il ‘super green pass’

Domani scattano le nuove regole per bar, ristoranti, palestre, hotel e trasporti pubblici (anche per i pendolari svizzeri)
Confine
10 ore

Brogeda, fermati con 200mila euro in contanti e due revolver

Due autisti serbi erano al volante di un pullman con una dozzina di passeggeri. La giustificazione: ‘Il denaro ci è stato dato da uno svizzero’
Estero
11 ore

Molestie sessuali, sotto accusa anche Chris Cuomo

Dietro la decisione della Cnn di licenziare il giornalista, non solo gli affari processuali legati al fratello, ma anche la denuncia fatta da una collega
Estero
12 ore

Fujimori non può essere giudicato per sterilizzazioni

Si stima che circa 270’000 donne, perlopiù indigene, siano state costrette a sottoporsi alla legatura delle tube tra il 1996 e il 2000
Estero
26.03.2021 - 22:460

Maxi blitz di venti aerei cinesi nei cieli di Taiwan

Escalation nello Stretto dopo i recenti accordi tra Taipei e Usa

a cura de laRegione

Maxi blitz di venti aerei militari cinesi nella zona di identificazione della difesa aerea (Adiz) di Taiwan: un'operazione valutata come la più grande del suo genere mai segnalata dal ministero della Difesa dell'isola da quando, a metà settembre del 2020, iniziò a rendere pubbliche le incursioni dell'Esercito popolare di liberazione. La mossa rappresenta un'ulteriore escalation della tensione nello Stretto di Taiwan e un monito di Pechino a non superare la 'linea rossa' dell'indipendenza, peraltro ribadita nel vertice in Alaska tra i capi della diplomazia di Usa e Cina, a stretto giro dalla firma di Taipei con gli Stati Uniti - avvenuta giovedì a Washington - di un memorandum per avviare un gruppo di lavoro dedicato alla guardia costiera e al rafforzamento della cooperazione marittima.

La nota del Ministero

L'accordo è stato visto dagli analisti come la risposta dei due partner alla recente legge approvata dalla Cina che consente alle navi della sua guardia costiera di usare le armi in determinate condizioni contro unità straniere che operano in acque dichiarate come suo territorio. Il ministero della Difesa, in una nota, ha spiegato che la pattuglia aerea cinese era composta da quattro bombardieri H-6K con capacità nucleare, 10 jet da combattimento J-16, due caccia multiruolo J-10, due aerei da guerra anti-sommergibile Y-8 e altre unità da ricognizione: una prova di forza, avvenuta poi quando l'aeronautica militare dell'isola ha sospeso gli addestramenti dopo i due incidenti aerei registrati all'inizio della settimana. L'aeronautica militare di Taiwan ha risposto con aerei di monitoraggio, emettendo allarmi radio e mobilitando le risorse di difesa fino a quando i jet cinesi non hanno lasciato l'area. Divenuti ormai quotidiani, l'ultimo blitz di Pechino più consistente risale a febbraio, con un picco giornaliero di 11 aerei.

Territorio conteso

La Cina vuole unirsi con Taiwan, che vede come "parte inalienabile" del suo territorio, e minaccia di usare la forza per schiacciare i passi verso l'indipendenza formale. Giovedì, intanto, Taiwan ha reso noto di aver iniziato la produzione di massa di un missile a lungo raggio ed è al lavoro sullo sviluppo di altri tre. Il ministro della Difesa Chiu Kuo-cheng ha affermato, in un'audizione parlamentare, che lo sviluppo dei vettori è una priorità. Le forze armate di Taiwan si sono tradizionalmente concentrate sulla difesa dell'isola, ma la presidente Tsai Ing-wen ha marcato l'importanza di sviluppare un deterrente "asimmetrico", utilizzando apparecchiature mobili difficili da trovare e distruggere e in grado di colpire obiettivi lontani dalla costa di Taiwan. Washington, il principale partner e fornitore di armi di Taipei, ha intensificato il suo sostegno alla creazione di un contrappeso militare alle forze cinesi, basandosi sullo sforzo noto all'interno del Pentagono come 'Fortezza Taiwan'.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved