netanyahu-non-sfonda-israele-resta-senza-maggioranza
Il voto in una palestra di Yavne (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Israele su Gaza: 'Pronti ad ogni scenario'

Il portavoce militare dopo gli attacchi della notte scorsa nel nord della Striscia a seguito del lancio di palloni incendiari sul territorio israeliano
Estero
14 ore

Usa-Russia, un secolo di incontri storici

Da Yalta e Potsdam insieme ai britannici fino a Reykjavik, nel 1986, che pose le basi del disarmo nucleare con i sovietici. Tra svolte e litigi
Estero
14 ore

Armi, cyber-security e Ucraina, il summit è servito

Biden e Putin tra poche ore a Ginevra per lo storico incontro: tanti i temi sul tavolo, poca fiducia reciproca nel risolverli
Estero
15 ore

Ikea Francia, multa di un milione per aver spiato i dipendenti

Il tribunale di Versailles ha condannato la filiale francese e un suo ex presidente per 'ricettazione di dati personali in modo fraudolento'
Estero
15 ore

Dodici condanne a morte in Egitto

Il tribunale conferma la pena: impiccagione per alcuni dirigenti dei Fratelli musulmani, illegali nel Paese dal 2013
Estero
15 ore

La Cina alla Nato: ‘Non siamo una minaccia’

Le dichiarazione sono un errore di valutazione, una calunnia rispetto allo sviluppo pacifico del nostro Paese’
Estero
15 ore

Ungheria, vietata la promozione dell'omosessualità ai minori

Amnesty International e altre organizzazioni criticano la decisione, definendola 'un attacco frontale alla libertà di espressione e ai diritti dei minori'
Estero
15 ore

Astensione record in Algeria: al voto solo il 23%

Partiti e associazioni laiche e di sinistra avevano invitato al boicottaggio. Vince il Fronte di Liberazione nazionale vicino al leader deposto Bouteflika
Estero
16 ore

‘Gli iraniani senza soldi e senza vere elezioni’

Venerdì le presidenziali. L'esperto di Medio Oriente Giuseppe Acconcia: ‘La censura ha tolto di mezzo i candidati moderati. Resta solo il conservatore Raisi’’
Estero
17 ore

In mare le ceneri di Hideki Tojo, tra le menti di Pearl Harbor

Dopo la sua esecuzione a morte per crimini di guerra nel 1948, Hideki Tojo fu cremato e le sue ceneri sparse nell'oceano da un aereo militare americano
Confine
19 ore

Latitante turco arrestato prima che potesse entrare in Ticino

Un 42enne con mandato di cattura internazionale è stato fermato nei pressi di Maslianico. Era ricercato dal 2010
Estero
23.03.2021 - 22:380

Netanyahu non sfonda, Israele resta senza maggioranza

Il blocco del premier si ferma a 54 seggi, gli avversari a 59. Ma per governare servono 61 voti. Bibi può trovare sponda nell'outsider di destra Bennett

Israele di nuovo senza una maggioranza chiara nelle quarte elezioni in due anni. Questa la fotografia scattata dai primi exit poll diffusi in serata a chiusura delle urne. Il Likud di Benyamin Netanyahu resta il primo partito con 33 seggi, ma non sfonda, malgrado il successo della campagna vaccinale nel Paese. Al secondo posto il centrista Yair Lapid con 16 seggi, mentre il suo ex alleato Benny Gantz risale fino a 8 seggi.

Il fronte eterogeneo anti-Netanyahu - secondo i dati di Canale 13 - raggiunge sulla carta i 59 seggi (due in meno dei 61 necessari per la maggioranza alla Knesset) mentre il blocco del premier si ferma a 54.

L'outsider di destra Naftali Bennett con i suoi 7 seggi potrebbe portare acqua al mulino del rivale Netanyahu, ma la strada si preannuncia in salita. Il voto è stato contraddistinto dalla più bassa affluenza dal 2009: alle 20 era quasi il 5% in meno dello scorso anno. E sembra riguardare soprattutto il settore degli arabo-israeliani: pare abbia registrato un circa 10% in meno. Per questo tutti i partiti - soprattutto quelli minori, sia a destra sia a sinistra, preoccupati di non oltrepassare la soglia di sbarramento del 3,25% - hanno esortato incessantemente la gente andare a votare.

Il flop dei seggi Covid

Ma anche nei seggi destinati ai malati di covid e alle persone in quarantena - nonostante il grande dispendio di energie e di mezzi messi in campo dallo Stato in quelle che sono state le elezioni più costose della storia di Israele - non è andata bene, come hanno riferito i media. A metà pomeriggio, i dati segnalavano che solo 1.200 malati su 6.700 avevano votato. Insomma, la democrazia 'socialmente distanziata' - come è stata definita Israele in questa fase - non sembra almeno in questo caso aver funzionato. Il giorno delle elezioni è stato caratterizzato anche da una forte drammatizzazione, soprattutto da parte delle formazioni di centro. "È il momento della verità - ha ammonito il centrista Yair Lapid, maggior avversario di Netanyahu -. Ci sono solo due opzioni: o un nostro governo o un governo oscurantista, pericoloso, razzista e omofobo che prenderà i soldi da chi lavora per darli a chi non lavora". Parole forti che hanno fatto il paio con quelle di Benny Gantz, bruciato dall'abbraccio di governo con il premier. "Andate a votare e scegliete Blu Bianco - ha detto l'attuale ministro della Difesa - perché altrimenti una quinta tornata di voto potrebbe non avere luogo. Avremo un nuovo tipo di governo".

La visita al Muro del Pianto

Netanyahu, che prima del voto insieme alla moglie Sarah è stato al Muro del Pianto a Gerusalemme, ha invocato la vittoria nel bigliettino infilato tra le sacre pietre e si è augurato la tornata elettorale fosse "l'ultima". "Non restate a casa - aveva esortato - andate a votare". La visita di Netanyahu al Muro del Pianto non è stata l'unica: anche Benny Gantz c'è stato. E i rabbini più schierati politicamente hanno invitato gli elettori ad andare alle urne. "Chi vota Shas (uno dei partiti religiosi) - ha predicato uno - è protetto dal Covid". Se i risultati reali confermeranno gli exit poll, ci si attende una lunga strada prima di vedere un nuovo governo israeliano: le opzioni sono tutte aperte.

Un razzo da Gaza

In giornata razzo tirato da Gaza è caduto nel sud di Israele. Lo ha fatto sapere il portavoce militare aggiungendo che non ci sono state vittime. Secondo i media, il razzo si è abbattuto in una zona disabitata nei pressi di Beersheva e l'attacco è avvenuto poco dopo che il premier Benyamin Netanyahu aveva finito un appuntamento elettorale in città. Secondo altri media, Netanyahu si trovava invece ancora nel luogo del comizio ed è stato allontanato. L'episodio è simile a quello del settembre del 2019 quando un razzo fu lanciato dalla Striscia mentre Netanyahu era impegnato in un comizio ad Ashkelon e lasciò il palco.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved