lo-chiamavano-bulldozer-il-presidente-che-nega-il-virus
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
7 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
7 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
11 ore

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
12 ore

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
12 ore

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
14 ore

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
15 ore

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
15 ore

Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran

Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
17 ore

Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni

Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
18 ore

L’Austria dice addio alle mascherine

Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
19 ore

YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa

Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
Speciale Ucraina
21 ore

L‘Ue accusa: ’Ci sono prove che la Russia ruba il grano ucraino’

Kiev non esclude la possibilità di scambiare, in futuro, il soldato condannato all’ergastolo. Segui il live de laRegione
la guerra in ucraina
23 ore

La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti

Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e antisemiti fanno proseliti su Telegram
oms
1 gior

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
laR
 
21.02.2021 - 19:46
Aggiornamento : 20:56

Lo chiamavano Bulldozer, il presidente che nega il virus

Il tanzaniano Magufuli non vuole conteggiare i casi e si affida alle preghiere. Ma a snobbare il Covid ci sono altri Paesi, come Tajikistan e Turkmenistan

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il 29 aprile di un anno fa la Tanzania aveva 509 casi di coronavirus accertati, con 12 morti e 183 ricoverati. Dal giorno dopo i casi erano diventati zero. E zero sono rimasti. Miracolo? No. Semplicemente, per ordine presidenziale, si è smesso di contare. Perché il coronavirus per John Magufuli, non esiste. Curioso che a negare l’esistenza della malattia sia un uomo appena tornato dal funerale del suo braccio destro, John Kijazi, morto di coronavirus. Insomma, in uno dei Paesi più famosi al mondo per i suoi elefanti, uno bello grosso - eppure minuscolo come un virus - gira, ignorato, nelle stanze presidenziali.

Ieri l’Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato un appello affinché la Tanzania adotti un piano vaccinale. Magufuli ha risposto picche, continuando a far testare rimedi con erbe locali e affidandosi alle preghiere “che vanno triplicate, perché è evidente che abbiamo fatto qualcosa che ha indisposto Dio”. Quindi: il Covid non esiste, ma bisogna pregare per debellarlo. Eppure chi più di tutti dovrebbe affidarsi alle preghiere – come la Chiesa locale – sta cercando in tutti i modi di spiegare ai tanzaniani come proteggersi dal virus, caldeggiando l’uso di mascherine, disinfettanti e distanziamento sociale. Intanto a Zanzibar, l'isola semiautonoma della Tanzania, è morto il vicepresidente Seif Sharif Amad. Le cause non sono state rese note: ma la moglie e i suoi principali collaboratori sono risultati positivi al coronavirus. Due più due non fa quattro, almeno sulla calcolatrice di Magufuli.

Il presidente della Tanzania non è il solo ad adottare uno dei modi più popolari di reagire ai problemi: ossia, negarli. Anche il Turkmenistan ha adottato il modello “Fight Club”, sulla scia del celebre monologo di Brad Pitt. Prima regola del coronavirus: non parlate mai del coronavirus. Seconda regola del coronavirus: non dovete mai parlare del coronavirus. Ci si ammala o si muore per un’infezione polmonare. Ma, sia chiaro, non di coronavirus.

Il motivo è semplice: questa parola in Turkmenistan non esiste più, vietata da Gurbanguly Berdimuhammedow, padre padrone dal 2007 dell’ex repubblica sovietica, uno stato autoritario noto per le limitazioni delle libertà e - da un annetto a questa parte - anche del dizionario medico.

Il Turkmenistan, quindi, fa parte di quella manciata di Stati che ufficialmente non sta registrando casi di coronavirus. Tra questi, con qualche ragione e prova in più, ci sono alcuni microstati del Pacifico, favoriti dalla posizione, da un po’ di fortuna e dalla prontezza nel chiudere le frontiere quando le cose hanno iniziato a complicarsi. Così Nauru, Tuvalu, Vanuatu, le Isole Salomone, la Micronesia, Tonga, Palau, le Isole Marshall, Samoa e altri piccoli avamposti sperduti negli oceani (come Sant’Elena, dove finì in esilio Napoleone) possono dirsi - con qualche ragione - Covid-free.

Diversa la situazione in Corea del Nord e nello Yemen.  All’inizio della pandemia, mentre Cina e Corea del Sud parlavano di possibili infettati oltre il famigerato 38º parallelo, Pyongyang ha smentito, facendo anche trapelare la notizia di una sorta di erba miracolosa che crescerebbe entro i confini del Paese permettendo di vincere il virus. Tuttavia, a differenza di quanto accaduto in passato, il regime di Kim Jong-Un ha preso precauzioni, bloccando i voli, istituendo la quarantena e disinfettando strade e palazzi. A un certo punto uscì anche la notizia, mai confermata, del dittatore contagiato. Una voce che si era moltiplicata in seguito a un lungo periodo senza sue nuove foto e senza uscite pubbliche.

Si spera solo che a Pyongyang non sia applicato il modello apparso in alcune pagine satiriche, in cui il problema dei contagiati verrebbe eliminato, letteralmente, in pochi minuti. “Ore 8.03: un caso. Ore 8.10: zero casi. Ore 8.40: un caso. Ore 8.45: zero casi...”. E così via.

Il coronavirus non sembra il primo dei problemi nemmeno nello Yemen, dove la guerra civile prosegue dal 2015: le organizzazioni internazionali si lamentano di avere numeri a singhiozzo sui contagi, ma di questi tempi da lì non arrivano cifre accurate su niente.

Un caso perfino più assurdo delle omissioni tanzaniane e delle parole proibite in Turkmenistan è quello del Tajikistan, che il coronavirus non lo nasconde, anzi, lo esibisce come prova per dimostrare la superiorità igienica del proprio popolo nonostante i reiterati dubbi espressi dall’Oms sulla pulizia degli ospedali tajiki. “Nessun caso qui perché i nostri standard sanitari sono i più alti al mondo”, dichiarò nel marzo di un anno fa il presidente Emomali Rahmon. Si era rifiutato di dare il nome coronavirus alle polmoniti negli ospedali e anche di annullare gli immancabili eventi di piazza per celebrare il Nowruz, che - almeno lui - nonostante il nome possa ingannare, non è una malattia, ma la grande festa di primavera. Dopo essersi piegato alle richieste dell’Oms e - soprattutto - all’evidenza, il Tajikistan aveva iniziato a censire contagiati, ricoverati e morti. Ora che la nuova festa di primavera – prevista il 20 marzo – si avvicina, il conteggio è stato di nuovo stoppato dal Leader della nazione: maiuscolo, sì, perché, in questo modo roboante va chiamato dai suoi concittadini dopo una legge appositamente creata nel 2017. Il tanzaniano Magufuli, invece, condivide il soprannome con Bud Spencer, l’unico che poteva permettersi di sfidare il virus a schiaffoni: lo chiamavano Bulldozer.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus john magufuli negazionista tajikistan tanzania
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved