Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
spagna-arrestato-il-rapper-che-le-canta-al-re
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

La Ue: basare le regole per i viaggi sulla persona, non su zone

Il Consiglio Ue ha adottato oggi la raccomandazione che chiede che chi possiede un certificato Covid valido non sia sottoposto a ulteriori restrizioni
Estero
8 ore

L’ Asia centrale colpita da un massiccio blackout

L’interruzione di corrente in seguito a un incidente sulla rete in Kazakistan sta interessando anche Uzbekistan e Kirghizistan
Estero
10 ore

Cameroon-Comore di Coppa d’Africa, 8 morti e feriti per la ressa

La tragedia, riferisce la Bbc online, è avvenuta fuori dallo stadio Paul Biya della capitale Yaounde, sede di un ottavo di finale
italia
21 ore

Schede bianche, fumata nera

Non emerge nessun nome dalla prima votazione per il Quirinale. Draghi incontra Salvini e parla con Letta, la sua candidatura prende forma
ucraina
22 ore

La Nato schiera navi e jet, la guerra è più vicina

Biden fa evacuare una parte dell’ambasciata a Kiev, valuta l’invio di truppe e chiama gli alleati europei
wikileaks
22 ore

Assange potrà fare ricorso contro l’estradizione

Il giornalista avrà un’ultima possibilità. Per ora resta in Gran Bretagna
medio oriente
22 ore

Siria, 850 bambini in trappola nel carcere preso dall’Isis

Unicef e Save The Children lanciano l’allarme, oltre 150 i morti
caso pedofilia
22 ore

Ratzinger si corregge: ‘Partecipai a una riunione’

Il papa emerito ha ritrattato una dichiarazione relativa al dossier sui 4 casi di abusi nella diocesi di Monaco
Burkina Faso
23 ore

Presa di potere con la forza in Burkina Faso

Si chiude con un colpo di Stato una giornata caotica, iniziata con l’arresto del presidente Kaboré
Haiti
23 ore

Terremoto ad Haiti: almeno due le vittime

Il sisma, di magnitudo 5.3, è stato seguito da una decina di scosse minori, fra cui una di assestamento di magnitudo 5.1
Estero
1 gior

Attacco al campus di Heidelberg in Germania, un morto

Colpi d’arma da fuoco sparati nel campus universitario medico. Secondo la Dpa, l’autore dell’attacco è morto
Estero
1 gior

Cure alternative date per telefono, il paziente muore: arrestato

Il medico, noto no-vax già a rischio radiazione dall’Ordine dei Medici, consigliava intrugli a un paziente con gravi patologie invece che il ricovero
Estero
1 gior

Julian Assange può fare appello contro l’estradizione negli Usa

Lo ha annunciato l’Alta Corte di Londra. La disputa continuerà davanti alla più alta corte britannica
Estero
1 gior

Italia, si elegge il Presidente. Oggi la prima chiama ‘al buio’

Senza accordo fra i partiti, nella prima votazione che richiede i due terzi dei 1’008 votanti prevarranno le schede bianche. Si inizia alle 15
 
16.02.2021 - 20:380
Aggiornamento : 21:56

Spagna: arrestato il rapper che le canta al re

Il catalano Pablo Hasél si era barricato dentro l'Università di Lleida dopo la condanna per i suoi tweet offensivi contro la monarchia e lo Stato

a cura de laRegione

Rapper non fa rima con Twitter. Almeno a giudicare quanto sta succedendo in Spagna a Pablo Hasél, nemico giurato dell'ex re Juan Carlos e di tutta la dinastia reale. Il cantante catalano, che sembra un personaggio uscito da un episodio della “Casa di Carta”, ha messo nel mirino – prima nei suoi brani e poi sui social – tutto quel che ha che fare con lo Stato spagnolo, per lui iniquo, antidemocratico e – per dirla con parole sue – fascista.

La sua battaglia personale e – via via – sempre più pubblica, si è spostata da internet alle aule di tribunale sino all'ultima trincea, non figurata, ma reale. Quella tirata su dai suoi sostenitori, con tanto di barricate, all'Università di Lleida, in Catalogna, a 150 chilometri da Barcellona. Lì sono andati ad arrestarlo. O, come sostiene lui, a sequestrarlo.

Le barricate

"Non ci fermeranno, non ci zittiranno mai, morte allo Stato fascista". Queste le parole che Hasél - al secolo Pablo Rivadulla Duro, 33 anni - ha rivolto agli agenti al momento dell'arresto dopo la condanna a nove mesi di carcere per “apologia di terrorismo” e “vilipendio della monarchia e delle istituzioni dello Stato”. Le autorità giudiziarie avevano emesso nei suoi confronti un ordine d'ingresso volontario in carcere valido dieci giorni, con scadenza fissata alle 20 di venerdì scorso. Ad Hasél, però, non è mai passato per la testa di obbedire e presentarsi alla porta. Consegnarsi spontaneamente avrebbe equivalso a “un'umiliazione”. Anzi, sapendo che il tempo stava stringendo, ha pubblicato un video durissimo contro l'attuale re Felipe, in cui mostra la distanza tra le parole e gli atti del monarca, definito un tiranno.  I mossos d'esquadra – la polizia catalana– hanno aspettato fino a ieri prima di muoversi, sapendo del clamore mediatico della vicenda. Davanti alle barricate tirate su dal rapper non c'era però scelta. Alle 8.30 l'inevitabile sfondamento e poi l'arresto di Hasél, subito trasferito nel carcere della città catalana.

Gli insulti a Juan Carlos

Il rapper era stato condannato dal tribunale dell'Audiencia Nacional nel 2018 per alcuni tweet e video caricati su Youtube. Tra le fasi contestate ce ne sono alcune che inneggiano a gruppi terroristi, come gli indipendentisti baschi dell'Eta, e incitano a compiere azioni violente contro membri di due storiche formazioni politiche, il Partito Popolare e il Partito Socialista, con tanto di nomi e cognomi dei bersagli da colpire. Obiettivo preferito delle sue invettive è l'ex re Juan Carlos, definito “boss mafioso”, “parassita”, “supercretino” e “tiranno ubriaco” con tanto di canzone dedicata e intitolata "Juan Carlos el Bobón” (“Juan Carlos l'imbecille"), giocando con l'assonanza con il nome della casata reale, Borbón.

Per i magistrati i suoi testi rappresentano un'azione “diretta contro l'Autorità dello Stato nelle sue diverse forme, che le disprezza e sminuisce, alludendo alla necessità di andare oltre con comportamenti violenti, senza esclusione del ricorso al terrorismo”, così almeno recita la sentenza di tre anni fa. In un primo momento la condanna prevedeva una pena di due anni e un giorno di carcere, più una multa di 24‘000 euro, alzata infine a 30 mila. Nel settembre dello stesso anno, una sala d'appello dello stesso tribunale l'ha ridotta a nove mesi, dopo aver concluso che i messaggi del rapper non comportavano “un reale rischio” per le persone.

La difesa di artisti e politici

Il caso Hasél ha incendiato in Spagna il dibattito sui limiti della libertà d'espressione. La scorsa settimana centinaia di artisti, tra cui il regista Pedro Almodóvar e l‘attore Javier Bardem, hanno firmato un manifesto in favore della sua libertà. La portavoce del governo, la socialista María Jesús Montero, ha sostenuto come la condanna mancasse totalmente di proporzionalità. E forti critiche sono arrivate anche da Podemos, l'altra formazione della coalizione di sinistra al potere in Spagna. Su Twitter, il partito ha ripreso una frase pronunciata la settimana scorsa dal suo leader Pablo Iglesias, attualmente vice presidente dell'esecutivo di Pedro Sánchez, con la quale sosteneva che nel Paese “non c'è piena normalità democratica”. Riferendosi non solo ad Hasél, ma anche ai leader indipendentisti catalani in prigione e a quelli all'estero inseguiti da ordini d'arresto firmati da Madrid: in primis l'ex presidente catalano Carles Puigdemont. Podemos ha quindi chiesto l'indulto per Hasél e ha presentato una proposta di riforma della legge sulla libertà d'espressione.

Poche ora prima, a Gaza, un altro rapper, Hussam Khalaf, è stato convocato dalla polizia di Hamas dopo aver pubblicato su Facebook un testo giudicato offensivo nei confronti delle forze dell'ordine. Secondo fonti locali al termine di un interrogatorio il cantante è stato poi rilasciato. Insomma, altre latitudini, stessa musica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved