ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
45 min

Vigilia di San Remo al sapor di rapina per Roby Facchinetti

Pistole alla mano, tre banditi sono penetrati nella casa della voce dei Pooh a Bergamo, facendosi consegnare gioielli, orologi e altri valori
Francia
1 ora

Minaccia un attentato su un Tgv, arrestato

Disagi sulla rete ferroviaria ad alta velocità tra Colmar e Parigi, col convoglio costretto allo stop forzato di quasi due ore e mezza a Louvigny
Estero
5 ore

Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari

Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
Stati Uniti
5 ore

Preso per un ladro, ucciso mentre andava a casa della nonna

Voleva rassettare l’appartamento della defunta, ma la Polizia di Wyoming, nell’Ohio, gli ha sparato credendolo un malfattore
oceania
17 ore

L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote

L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
17 ore

Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina

Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
18 ore

La Bce alza i tassi di mezzo punto

La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
Confine
18 ore

Verbania, ritrovato morto il 54enne disperso da quattro giorni

Probabile una caduta all’origine della fatalità. Il corpo è stato trovato in una cava dismessa in territorio di Mergozzo
Estero
18 ore

Lufthansa pronta a rilevare il 40% del capitale di Ita Airways

Per l’operazione, la compagnia aerea tedesca è disposta a pagare tra i 250 e i 300 milioni di euro. A Fiumicino un ruolo chiave per i voli
Italia
11.02.2021 - 17:46
Aggiornamento: 19:37

Tre società del Varesotto sequestrate in indagine antimafia

Fanno parte delle 17 coinvolte dall'operazione "Follow the money" contro i clan della provincia di Catania. Sequestrati beni per oltre 50 milioni di euro

Ats, a cura de laRegione - laRegione
tre-societa-del-varesotto-sequestrate-in-indagine-antimafia
(Ti-Press)

Ci sono anche tre società nel Varesotto fra le 17 coinvolte nell'operazione "Follow the Money" lanciata ieri dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania e condotta sul campo dal nucleo di Polizia economico-finanziaria (Pef) della città etnea. Lo riferisce oggi La Prealpina, che precisa che le tre aziende operano nell’ambito della logistica (gestione di magazzini), nel trasporto su gomma e nel commercio di carburante. Oltre che in Lombardia e in Sicilia, sede di partenza dell'inchiesta, sono state coinvolte anche società dislocate in Veneto.

L'operazione aveva come obiettivo principale il clan Scalisi di Adrano, grosso centro agricolo del Catanese, che aveva una "forte capacità di inserirsi nel tessuto economico-sociale e di infiltrarsi in strutture produttive nel territorio nazionale", con sedi, appunto, in Veneto e Lombardia dalle quali "traeva poi finanziamento".

Nell'ambito dell'operazione sono 26 indagate, cinque dei quali in carcere, e sono stati sequestrati beni per oltre 50 milioni di euro.

Sigilli sono stati posti a 17 società del settore dei trasporti con sedi a Catania ed Enna e di commercializzazione di prodotti petroliferi, olte che in provincia di Varese, anche Mantova e Verona, a 48 beni immobili tra terreni e appartamenti tra Catania e Messina, a conti correnti e a disponibilità finanziarie. Durante le perquisizioni la guardia di finanza italiana ha inoltre sequestrato oltre un milione di euro in contanti, orologi, preziosi e auto di lusso, comprese una Ferrari modello F458 del valore di 200 mila euro, due Porsche e un'Audi Q8.

Le indagini del Gruppo d'investigazione sulla criminalità organizzata del nucleo Pef di Catania hanno messo in luce l'ipotesi di reato di concorso esterno nell'associazione mafiosa per due imprenditori catanesi: Antonio Siverino, detto il "Miliardario" e il figlio Francesco. Secondo la Dda etnea, avrebbero "occultato" il patrimonio del boss Giuseppe Scarvaglieri "con plurime intestazioni fittizie di beni e società illecitamente acquisiti". Ottenendo un "incremento costante e considerevole di disponibilità economiche e finanziarie, derivanti da ingenti e illeciti apporti di capitale di attività criminali e sulla protezione del clan".

Grazie a questi contatti, accusa la Procura, i Siverino, che inizialmente operavano nel settore della logistica e dei trasporti soltanto nella zona di Adrano, "hanno progressivamente esteso sull'intero territorio nazionale le loro illecite attività imprenditoriali, gradualmente diversificandole e rilevando anche società operanti nel settore della commercializzazione dei prodotti petroliferi in Veneto e Lombardia". 

Dall'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catania è emerso peraltro che Scarviglieri,  sebbene detenuto in regime di 41bis, il cosiddetto "carcere duro", abbia "continuato a rappresentare il punto di riferimento dell'associazione criminale, dirigendo dalla prigione l'attività del clan e ciò grazie soprattutto al nipote, Salvatore Calcagno", tra gli arrestati, considerato "il portavoce dello zio e supervisore degli investimenti".

A tutti i 26 indagati è stato notificato dalla guardia di finanza un avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso dalla Dda della Procura di Catania.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved