CILIC M. (CRO)
DJOKOVIC N. (SRB)
17:50
 
biden-apre-a-putin-sul-disarmo-attacca-su-navalny-e-kiev
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

No vax col braccio in silicone per avere il Covid Pass

Sarebbe un sanitario sospeso perché non vaccinato l’uomo denunciato a Biella per aver cercato d’ingannare gli operatori sanitari
Estero
5 ore

 Austria, Karl Nehammer designato come prossimo cancelliere

Dopo l’annuncio dell’addio alla politica di Sebastian Kurz e le dimissioni di Schallenberg il partito Oevp ha indicato il successore
Estero
7 ore

Canada, al bando la ‘terapia di conversione’ per Lgbtq

In una rara unanimità nel Parlamento di Ottawa, approvata una mozione dei conservatori per accelerare il via libera.
Estero
7 ore

In tutta Italia scoperti 281 medici no vax

In 126 al lavoro nonostante fossero sospesi per non aver rispettato l’obbligo vaccinale per i sanitari. Denunciati per esercizio abusivo della professione
Estero
19 ore

Austria, getta la spugna anche Blümel, ministro delle finanze

Lascia anche la funzione di leader della Oevp. Ancora una “vittima” causata dal terremoto politico iniziato con le dimissioni dell’ex cancelliere Kurz
Estero
20 ore

La Germania mette i no vax in lockdown. Boom di casi in Europa

Situazione più tranquilla in Italia e Spagna. Preoccupa l’Africa dove aumentano i casi e la percentuale di vaccinati non arriva al 7 per cento
Estero
21 ore

L’Onu nega il seggio a talebani e giunta birmana

Non avranno (per ora) rappresentanti al Palazzo di Vetro. La risposta da Kabul: ‘Scelta ingiusta’
Estero
21 ore

Ucraina: si rischia di passare dal poker al Risiko

Scontro Usa-Russia, presto un colloquio tra Biden e Putin per scongiurare la guerra. Ma la situazione sta precipitando
Estero
22 ore

New York, arrestato l’uomo armato vicino al Palazzo dell’Onu

La polizia ha chiesto di evitare l’area. Il Palazzo di vetro è ‘in lockdown’
Confine
23 ore

Super Green pass, controlli più stretti a Verbania

La Prefettura di Verbania rafforzerà i controlli al confine con la Svizzera su treni e battelli del Lago Maggiore
Estero
23 ore

Il cancelliere austriaco Schallenberg pronto alle dimissioni

Lo anticipa l’agenzia di stampa Apa. Un annuncio che arriva dopo l’addio alla politica di Sebastian Kurz per motivi familiari
Estero
23 ore

New York lancia le ‘stanze del buco’ per tossicodipendenti

È la prima volta negli Stati Uniti. Rientrano nella strategia di riduzione del numero di overdose che l’anno scorso ha fatto registrare oltre 2mila morti
Estero
1 gior

Sequestrati 450 kg di hashish in Brianza, 5 arresti

L’indagine partita da un furto degli stupefacenti da parte di un collaboratore di una donna che gestiva la rete di spaccio
Stati Uniti
1 gior

Il 15enne killer del Michigan alla sbarra come adulto

La procuratrice si dice ‘fiduciosa’ di poter dimostrare che l’uccisione di quattro persone sia da classificare come un reato premeditato
Estero
1 gior

L’Unione europea apre all’obbligo vaccinale

Preoccupa la variante Omicron, ma finora all’aumento esponenziale dei casi in Sudafrica, non fanno seguito i ricoveri in ospedale
Estero
26.01.2021 - 20:420

Biden apre a Putin sul disarmo, attacca su Navalny e Kiev

Nuovi decreti per polizia, carceri, poveri. Intanto procede l'impeachment di Donald Trump: si comincia il 9 febbraio.

Joe Biden alza il telefono e chiama per la prima volta il leader del Cremlino Vladimir Putin. Il presidente ha rinnovato la sua offerta di rinnovare per cinque anni il trattato Start sugli arsenali nucleari ma ha contestato allo zar le interferenze russe sulle elezioni Usa, i cyberattacchi di Mosca e le presunte taglie per l'uccisione di soldati americani in Afghanistan. E ha espresso tutta la sua "preoccupazione" per l'avvelenamento del leader dell'opposizione Alexey Navalny e la repressione delle proteste. Infine ha confermato la linea dura sull'Ucraina: gli Usa stanno con Kiev contro "l'aggressione russa". Il Cremlino sembra gettare acqua sul fuoco, limitandosi a riferire che Putin si è detto a favore della "normalizzazione" delle relazioni tra Stati Uniti e Russia, "nell'interesse di entrambi i Paesi e dell'intera comunità internazionale".

Negli Usa intanto tiene banco l'impeachment di Trump. "Penso vada fatto", ha detto Biden. Che, pur ammettendo che potrebbe ritardare l'attuazione della sua agenda e la conferma dei suoi membri del governo in Senato, ritiene che gli effetti sarebbero "peggiori" se non si svolgesse. Ma, commentando per la prima volta il processo con la Cnn, non si fa illusioni e prevede che non ci saranno 17 senatori che voteranno per la condanna del loro ex presidente: "Il Senato è cambiato da quando c'ero io, ma non così tanto", ha spiegato Biden poche ore prima di firmare nuovi ordini esecutivi per l'equità e la giustizia razziali, una delle promesse della sua campagna elettorale e una delle sfide maggiori che lo attendono.

Riforme per polizia, carceri, poveri

"L'America non è mai stata all'altezza della sua promessa fondamentale di eguaglianza per tutti ma non ha mai cessato di provarci", ha osservato prima di firmare vari decreti, illustrati alla stampa dalla sua consigliera per le politiche domestiche Susan Rice. I provvedimenti affrontano tre emergenze. La prima è la riforma della polizia dopo l'ondata di proteste per l'uccisione di George Floyd e di altri afroamericani da parte di agenti, con la creazione di una commissione ad hoc e il divieto di trasferire equipaggiamento militare ai dipartimenti locali. La seconda è la riforma del sistema penitenziario, con il miglioramento delle condizioni dei detenuti e lo stop a nuovi contratti con le carceri private. La terza è quella delle case per i più poveri, promuovendo politiche non discriminatorie nell'edilizia popolare. Biden, che oggi ha incassato la conferma al Senato del segretario di Stato Antony Blinken, intende inoltre riaprire i termini per l'Obamacare nell'emergenza della pandemia.

Il 9 febbraio inizia l’impeachment

I riflettori però restano accesi sul processo a Trump, dopo che i 'manager' dell'impeachment hanno consegnato al Senato l'articolo con l'accusa di aver istigato l'assalto al Congresso, ricordando che l'ex presidente resta "una minaccia per la democrazia". Ora la palla passa alla Camera alta, dove i senatori hanno giurato come giudici del processo, che inizierà il 9 febbraio in un nuovo clima di tensione, tra minacce a parlamentari e 5mila riservisti della Guardia nazionale rimasti a difesa di Capitol Hill contro altri attacchi. Le prime schermaglie procedurali sono già cominciate: il senatore repubblicano libertario Rand Paul ha annunciato su Twitter che obbligherà "a votare se il Senato può processare un privato cittadino", qual è ora Trump dopo aver lasciato la Casa Bianca. Improbabile un voto immediato ma la questione della costituzionalità di un processo d'impeachment a un presidente già decaduto si riproporrà nel dibattimento, offrendo ai repubblicani un'eventuale exit strategy per non entrare nel merito della condotta di Trump. Paul ha sollevato anche un'altra obiezione, ossia che a presiedere il processo sia non il presidente della Corte suprema ma il senatore dem Patrick Leahy, 80 anni, presidente pro tempore del Senato.

<blockquote class="twitter-tweet"><p lang="en" dir="ltr">I object to this unconstitutional sham of an “impeachment” trial and I will force a vote on whether the Senate can hold a trial of a private citizen.</p>&mdash; Senator Rand Paul (@RandPaul) <a href="https://twitter.com/RandPaul/status/1353850609577959424?ref_src=twsrc%5Etfw">January 25, 2021</a></blockquote> <script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>

Ma a definire tempi e regole del processo saranno i leader dei due partiti, Chuck Schumer e Mitch McConnell, dopo che quest'ultimo ha ceduto le redini al collega della nuova maggioranza accontentandosi della promessa di due senatori dem di non abolire il 'filibustering', ossia l'ostruzionismo. Trump, che fatica a mettere insieme un collegio di difesa raccogliendo tanti rifiuti, lancia intanto il suo messaggio (intimidatorio) ai repubblicani in vista dell'impeachment, trasformandolo in una prova di fedeltà per il futuro. Brian Jack, collaboratore dell'ex presidente, ha assicurato che non ha alcun piano per fondare un altro partito e vuole invece mantenere la sua impronta sul Grand Old Party. "Trump voleva far sapere a me e a pochi altri che non sta iniziando a creare un terzo partito e che qualunque cosa farà politicamente in futuro sarà come repubblicano", gli ha fatto eco il senatore Kevin Cramer, sottolineando che "il partito repubblicano è ancora in gran parte a suo favore". Come confermano anche i sondaggi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved