samsung-senza-leader-l-erede-condannato-per-corruzione
Lee Jae-yong (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
53 min

'Colorati' altri sei comuni: Valle Vigezzo in zona rossa

Da domano, Craveggia, Villette, Toceno, Malesco, Santa Maria Maggiore e Druogno si aggiungono a Re, 'colorato' già da una settimana.
Estero
1 ora

Allarme Onu: gli Stati fanno troppo poco per il clima

Sfori insufficienti nell’attuazione dell’Accordo di Parigi, indica un rapporto. Lo scenario: emissioni tagliate solo dell’1 per cento nel 2030.
Estero
1 ora

Attacco a scuola in Nigeria, rapite oltre 300 ragazze

In corso un’operazione di salvataggio di polizia ed esercito. Una settimana fa erano stati sequestrati 42 persone (27 studenti).
Estero
2 ore

Usa: bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi

Un rapporto dell'intelligence Usa accusa il principe ereditario saudita per l'omicidio del giornalista dissidente ucciso a Istanbul il 2 ottobre del 2018
Confine
2 ore

Lombardia da lunedì in zona arancione

L'aumento del trend dei contagi spinge al cambio di fascia. Chiusi nuovamente ristoranti e bar anche a pranzo. La misura interessa anche Campione d'Italia
Estero
3 ore

Giovane inglese ‘sposa di Allah’, passaporto addio

La Corte Suprema britannica revoca il diritto alla cittadinanza di Shamima Begum, partita per la Siria o l’Iraq nel 2015. Ribaltata la sentenza d’appello.
Estero
4 ore

Tassa digitale, gli Usa sbloccano l’impasse

L’amministrazione Biden rinuncia alla clausola ‘porto sicuro’ voluta da Trump. Rilanciate le trattative. Francia e Germania: possibile accordo entro l’estate.
Corea del Sud
18.01.2021 - 17:500

Samsung senza leader, l'erede condannato per corruzione

Lee Jae-yong, vice presidente di Samsung Electronics, è stato condannato a 30 mesi di carcere per corruzione e appropriazione indebita


Samsung Group è di nuovo senza leader. Lee Jae-yong, l'erede della più grande conglomerata industriale e tecnologica della Corea del Sud, è stato arrestato, a meno di tre anni dalla libertà condizionata, dopo che l'Alta Corte di Seul lo ha condannato a 30 mesi di carcere per corruzione e appropriazione indebita.

Lee, vice presidente di Samsung Electronics (-3,41% alla Borsa di Seul), era stato accusato di aver corrotto l'ex presidente della Repubblica Park Geun-hye e la sua amica di vecchia data Choi Soon-sil al fine di ottenere il sostegno del governo per "un trasferimento morbido" dei poteri nel gruppo a suo favore attraverso un riordino azionario con il sostegno di società e fondi pubblici.

"Ha attivamente e prontamente offerto tangenti a Park su sua richiesta e si è impegnato in attività improprie nel sollecitare, anche se implicitamente, il sostegno di Park nel trasferimento del potere manageriale (alla Samsung)", ha scritto la corte nel suo verdetto. La vicenda, invece, è costata a Park l'impeachment e una condanna a 20 anni di carcere decisa la scorsa settimana dalla Corte Suprema.

L'Alta Corte, nella sua sentenza, ha preso di mira la governance di Samsung accusata di non essere "abbastanza efficace", dato che il comitato lanciato lo scorso febbraio per monitorare la conformità dell'azienda alle leggi e all'etica è stato definito "ancora ad autorità limitata". Lo stesso tribunale aveva ordinato a Lee lo scorso ottobre di elaborare misure per prevenire errori etici.

La pubblica accusa aveva chiesto nove anni di carcere per Lee, la cui reclusione lascia Samsung senza leader in mezzo alla pandemia di coronavirus, con un potenziale impatto sulle attività del gruppo.

Il manager, 52 anni, era stato inizialmente condannato a cinque anni di carcere nel 2017 per aver dato circa 8 milioni di dollari in tangenti a sostegno dell'addestramento equestre della figlia di Choi e a una fondazione sportiva gestita dalla famiglia di quest'ultima.

Una corte d'appello, tuttavia, ridusse la pena sospendendola a febbraio 2018, ritenendo le somme erogate e sottratte a Samsung Electronics di importo inferiore e liberandolo a un anno circa dall'arresto. Quindi, nel 2019, il tribunale superiore rinviò il caso per un nuovo processo, stabilendo la responsabilità per un totale di circa 7 milioni di dollari in tangenti. Nell'agosto 2019, la Corte Suprema stabilì che Lee aveva offerto circa 8 milioni di dollari in tangenti, rinviando il caso alla corte d'appello per un nuovo processo. E per la rideterminazione della pena, definita ora in 30 mesi di carcere.

© Regiopress, All rights reserved