laRegione
pence-boccia-25esimo-emendamento-trump-verso-impeachment
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
REGNO UNITO
23 min

Pene fino a 27 anni per i responsabili del ‘tir della morte’

Avevano causato la morte per soffocamento di 39 vietnamiti trasportati in Gran Bretagna nel rimorchio frigorifero sigillato d'un camion
Estero
1 ora

TikTok bloccato in Italia per gli utenti d’età non verificata

Lo ha disposto il Garante per la protezione dei dati dopo la morte di una bimba di 10 anni a Palermo per una sfida sul social amato dai giovanissimi
Estero
1 ora

Le varianti del coronavirus continuano a preoccupare

Boris Johnson paventa una maggiore pericolosità della cosiddetta variante inglese, ancora da confermare. Più in generale ogni mutazione può comportare nuove sfide
Estero
3 ore

Lunedì l'impeachment di Trump arriva in Senato

Martedì alle 13 ora di Washington, quindi, l'aula del Senato potrebbe già trasformarsi in un aula di tribunale pronta a processare l'ex presidente
Estero
3 ore

Biden alza a 15 dollari il salario minimo federale

Tra i primi decreti anche un aumento degli aiuti alimentari e il congedo d'emergenza retribuito, nonché il ripristino dei diritti della contrattazione collettiva
Confine
3 ore

La Lombardia torna arancione. Dati errati o sovrastima?

Scontro sui dati. Secondo Roma, forniti dati errati dalla Regione, che con Fontana ribatte: dati corretti, l'Istituto superiore sanità ha sovrastimato l'Rt
ITALIA
3 ore

Il suprematista che voleva uccidere ebrei, donne, neri e gay

Tra le accuse l'associazione con finalità di terrorismo. Puntava a colpire nelle scuole e si ispirava ai fatti di Utoya e Christchurch.
STATI UNITI
13.01.2021 - 07:240
Aggiornamento : 10:26

Pence boccia 25esimo emendamento, Trump verso impeachment

"Non è nell'interesse del paese o in linea con la Costituzione". Con il 'no' secco di Pence i democratici si preparano ora a procedere con l'impeachment

Il vicepresidente degli Usa Mike Pence non intende invocare il 25esimo emendamento e strappare i poteri al presidente Donald Trump. "Non è nell'interesse del paese o in linea con la Costituzione", ha indicato in una lettera indirizzata alla speaker della Camera, la democraatica Nancy Pelosi. Una missiva che è arrivata mentre in aula era in corso il dibattito sulla risoluzione per chiedere proprio al vicepresidente di ricorrere al 25esimo emendamento e rimuovere Trump.

Il dibattito e il voto sono andati avanti lo stesso: la risoluzione è stata approvata con 223 voti a favore e 205 contrari. Ma si tratta di un via libera puramente simbolico dopo lo schiaffo di Pence che, oltre a chiudere alla rimozione di Trump, ha esortato anche Pelosi e il Congresso a "evitare azioni che dividerebbero e infiammerebbero ulteriormente la passione del momento".

Con il no secco di Pence i democratici si preparano ora a procedere con l'impeachment, il secondo per Trump. Il presidente è sempre più isolato e il suo stesso partito ne sta prendendo le distanze. L'elenco dei deputati repubblicani che intendono votare a favore dell'impeachment si allunga con il passare delle ore.

Anche repubblicani mollano Trump

A rompere il ghiaccio è stato John Katko di New York, seguito da Liz Cheney. La figlia dell'ex vicepresidente Dick Cheney e terza nella gerarchia repubblicana alla Camera ha usato parole dure contro Trump, accusato di aver "acceso il fiammifero" delle proteste.

L'annuncio di Liz Cheney segue le indiscrezioni su Mitch McConnell. Il leader dei repubblicani in Senato, e per anni alleato del presidente, sarebbe furioso con Trump per le proteste in Congresso e lo riterrebbe responsabile di offese da impeachment. McConnell - riporta il New York Times - vedrebbe la messa in stato di accusa come la strada maestra per "liberare" il partito da Trump. Nelle ultime ore McConnell avrebbe avuto contatti anche con il presidente eletto Joe Biden. Questi gli avrebbe chiesto se riteneva che il Senato potesse in parallelo occuparsi della conferma delle sue nomine e dell'impechament. McConnell gli ha assicurato una risposta al più presto.

Intanto proseguono i preparativi per la cerimonia di insediamento di Biden. I 15'000 agenti della Guardia nazionale a Washington saranno in parte armati, e il Secret Service sta allestendo una maxi operazione di sicurezza per blindare la città. Il timore è di nuove proteste violente: almeno 16 gruppi, di cui alcuni armati, si sono fatti avanti per manifestare.
 
 

© Regiopress, All rights reserved